HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28351 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro e questi sono i risultati significa che qualcuno ha sbagliato. Anche noi con le valutazioni. Non abbiamo mai mai mai parlato di Milan da scudetto ma Milan pronto, quest'anno, per il quarto posto. Unico obiettivo concreto della stagione: tornare in Champions. Poi, prossimo anno, 3-4 innesti e Milan pronto anche per i primissimi posti. Non è andata così e, se da una parte è vero che bisogna dare il tempo giusto ad una squadra tutta nuova, dall'altra parte l'alibi dei tanti nuovi non regge più di fronte a prestazioni squallide e scelte senza senso. Di chi la responsabilità? Di tutti, come sempre quando si perde così, i meriti sono di tutti quando si vince. La cosa più brutta del Milan di oggi sono le interviste di Montella. Sorrisino ironico e disperato da cancellare al più presto dalla sua faccia. Parla di un mondo televisivo per l'espulsione di Bonucci ma dimentica che il suo difensore ha spaccato la faccia a Rosi. Montella dice di giocarsi la carriera su questi episodi. Più che altro si gioca la carriera perché questo Milan non ha idee, non ha gioco e non fa punti. Montella è il principale responsabile di questa partenza ad handicap e andava bene per traghettare il Milan di Berlusconi ma è stato l'errore più grande di Fassone e Mirabelli affidare a Montella il loro progetto milionario di rilancio della società. Montella ha tante colpe anche perché non riesce mai a dare una spiegazione calcistica a questa crisi nera e parla sempre di episodi, la squadra gioca bene ma non raccoglie e sembra che sia libero di raccontare le favole quando c'è l'evidenza che lo inchioda. Primo motivo della crisi: squadra affidata alla persona sbagliata. Secondo motivo: Bonucci è passato da top a flop. Peccato che sia un flop milionario. Il calciatore non si discute ma quello che stiamo vedendo al Milan, diteci che è il cugino di quello di Torino. Si assomigliano, di faccia certo, ma con i piedi è lontano parente. Anche in leadership sta venendo meno e, al posto di fare arti marziali, torni a fare il difensore. Terzo motivo: troppe aspettative. Questa squadra è partita, sbagliando, assecondando una parte di stampa e tifosi che quest'anno avrebbe dovuto lottare per il titolo. Impossibile. Questo Milan può e deve puntare solo al ritorno in Champions, quindi al quarto posto. Il Napoli, per essere competitivo per il tricolore, ha seminato per tanti anni. L'Inter per stare lassù ha preso schiaffi e pugni, la Juventus ha una base solida, le romane sono una sorpresa inaspettata. Quarto motivo: assenza di un terminale offensivo. Il Milan, per quello che dice oggi il campo, ha sbagliato il tassello più importante del mosaico e si ritrova a puntare sul giovane, e bravo, Cutrone ('98) per far male alle difese avversarie. Kalinic non è adatto a questo Milan e Andre Silva farà bene ma non fa la differenza nell'impatto con il nuovo club. Se si è parlato, in estate, di Diego Costa, Belotti e Aubameyang non è stato un caso. Al Milan serviva una prima punta di spessore. Non è arrivata e oggi si fa fatica a vincere anche le partite sporche, dove non si brilla ma comunque si potrebbe portare a casa il risultato. Quinto e ultimo motivo della crisi del Milan: la squadra ha troppi giocatori fuori ruolo e troppe figure non adatte al gioco (quale?) di Montella. Non gioca chi sta meglio ma gioca chi è costato di più. Montella è andato in confusione troppo presto e ha trasmesso alla squadra insicurezza. Prima di bocciare il lavoro di una nuova società bisogna aspettare almeno un anno. Marotta e Paratici alla Juve iniziarono malissimo. De Laurentiis a Napoli non vinse il campionato di C, i Pozzo ad Udine partirono con una retrocessione in B. Il Milan deve avere pazienza e sicuramente otterrà i risultati ma ciò non toglie che Fassone e Mirabelli hanno cannato completamente la scelta del mister. Non si può ripartire da un riciclo della gestione precedente.
Devo denunciare Sarri e Spalletti perché mi hanno fatto buttare un sabato della mia vita. Mia moglie proponeva cena di pesce o cinema. Io mi sono ribellato perché le ho ricordato che Napoli e Inter giocavano per lo scudetto. A fine serata mi ha chiesto il risultato, le ho dovuto rispondere che è stato uno 0-0 in tutto. Ci aspettavamo fuochi e fiamme invece è stata una partita molto tattica e sicuramente non bella. Ha vinto la paura di perdere e hanno vinto sia Sarri sia Spalletti perché, alla fine, il pari è andato bene ad entrambi ma sicuramente il Napoli avrebbe potuto dare una piedata in testa alla Juventus, invece così non è stato. La Champions toglierà al Napoli forza e punti. Non sarà facile, ma il tifoso napoletano - se vuole sognare - deve sperare al più presto di salutare l'Europa. Brutto da dire ma credo sia la verità, a maggior ragione per un allenatore che fa del suo dogma l'utilizzo dei soliti 12-13 calciatori. Da Ministro dell'Economia a Ministro della Difesa, sicuramente entrambi puntano a fare il Premier alle prossime elezioni. Fate in fretta prima che torni in Italia Don Antonio che di Londra è stufo e preferisce la nebbiolina torinese per lui e la sua famiglia.
Mi dicono che a Benevento ci siano ancora alcune bandiere sui balconi per la storica promozione in serie A. Avvisate la Signora Pinuccia che è giunto il momento di toglierle perché il Benevento sta battendo tutti i record dei record. Zero punti in nove giornate. Peggio anche di quel Venezia degli anni '40 che partì in serie A con 8 sconfitte consecutive ma al nono tentativo riuscì a fare punti. Vigorito si sarebbe meritato una serie A diversa. Era il suo sogno è diventato il suo incubo. Perché se fai così la serie A non c'è gusto e non vedi l'ora che finisca. Ha investito milioni e milioni in C e B pur di arrivare in serie A, ma se questo è il traguardo meglio tornare al nastro di partenza. Vigorito ha sbagliato a confermare Baroni, Vigorito avrebbe dovuto risolvere la questione Baroni-Di Somma a fine campionato e, invece, pur di non prendere decisioni è andato avanti con due separati in casa. Fare così la serie A non ha senso. E non ditelo a Mastella altrimenti, dopo Stramaccioni, se la prende anche con me. La serie A va vissuta e va goduta, ma adesso è diventato un inferno. Dopo la sorpresa iniziale ha preso una brutta piega anche la Spal.
In tutto ciò, chi ha cambiato allenatore è il Cagliari. Giulini al primo anno di presidenza ha portato il Cagliari in B, poi si è affidato alle persone giuste ed è tornato dove Cagliari merita. Adesso crede di poter fare tutto da solo ma è l'errore più grande. Capozucca è un Direttore, Rossi un talent scout. Affidare la squadra ad un Direttore senza polso è molto rischioso. Giulini si sarebbe dovuto tenere stretto Capozucca, mentre puoi anche esonerare Rastelli, certo, un Presidente è libero di fare tutto ciò che vuole ma è un po' come nascondere la polvere sotto il tappeto. Il problema del Cagliari è lo spogliatoio e calciatori manovrati che vogliono comandare più di Mister e Presidente. Giulini ha scelto la scorciatoia, consapevole che si sarebbe salvato con Rastelli e si salverà con Lopez. Non perché ha la squadra forte, ma perché ci sono almeno 4-5 squadre abusive in questo campionato. Giulini vuole emulare il suo predecessore Cellino. Ma c'è una grande differenza: Cellino può essere considerato folle ma nessuno gli può contestare la sua abilità e conoscenza del mondo del calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy