HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
18.04.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 18899 volte

È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto un danno d'immagine all'Italia e alla Juventus che va ben al di là del non raggiungere un risultato, visto che adesso dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, ci danno dei mocciosi viziati senza alcuna classe in caso di sconfitta.

Eppure, anche quello è il meno. Perché in fondo si può capire la reazione di Buffon, la cui espulsione probabilmente è stata ingiusta, ma che a prescindere è comprensibile come possa perdere la calma quando la sua ultima partita di Champions in 20 anni di carriera gli sta scappando via, e a poco vale dire "Ma perché ha continuato a tenere lo stesso atteggiamento anche fino a due ore dopo il fischio finale", perché l'adrenalina dopo una partita simile rimane altissima fino alle 3 di notte per noi giornalisti che siamo solo osservatori, figuriamoci allora per i protagonisti. La reazione di Buffon è stata molto meno grave di quella di Zidane nel 2006, entrambe non condivisibili (quella di Zidane imparagonabile) ma in un certo senso comprensibili (quella di Zidane, molto meno) proprio perché reazioni di nervi a una situazione che fa leva sul calore delle parole.

Buffon si può capire. Andrea Agnelli no. Un presidente che non parla mai direttamente, e che pensa all'occupazione della postazione televisiva immediatamente dopo il fischio finale per indirizzare immediatamente la comunicazione e la linea politica del club, che a cascata ha segnato la via alla critica giornalistica, e gli atteggiamenti che ne sono seguiti sono solo la conseguenza delle sue parole.
Ma in un certo senso, visto la posta in palio, si potrebbe anche giustificare. In fondo, come si è sempre detto, Andrea Agnelli non è solo un presidente o un bravo presidente, ma prima di tutto è il primo tifoso.

E il punto non è nemmeno il teatro dell'assurdo messo su per un rigore assolutamente accettabile. Un rigore che può fare rabbia. Ti può far recriminare e protestare. D'accordo. Ma qua si è trattato di qualcosa di completamente diverso, che è incredibile sia passato in cavalleria.

Andrea Agnelli ha in pratica accusato Pierluigi Collina di penalizzare scientemente le squadre italiane così da conservare il proprio posto da designatore Uefa, in modo da non poter essere tacciato di interessi campanilistici.
L'avesse accusato di incapacità, di inadeguatezza, insomma fosse entrato nel merito dell'essere all'altezza del ruolo, si sarebbe potuto anche discutere. Non dico condividere, ma per carità tutti sono criticabili.

Ma l'accusa è un'altra: Andrea Agnelli ha sostenuto che il designatore Collina praticamente abbia una malafede nei confronti delle squadre italiane, e che - perché altrimenti non si spiega come altro possa farlo - praticamente dia precise indicazioni agli arbitri designati in Europa con le italiane, cioè di adottare con loro un metro diverso dalle altre.

E' l'accusa più grave che ci sia. In assoluto. Pensateci. Il presidente leader del calcio italiano che sostiene una cosa simile, urbi et orbi. Ce n'è a sufficienza addirittura per fare causa per diffamazione, cosa che non avverrà ovviamente perché nelle istituzioni Uefa sono naturalmente portati a rabbonire gli scontri.

E noi non siamo certo né gli avvocati di Collina né di Andrea Agnelli. Ma questo è quello che è stato detto, e con intenzione. Pianificato. Non sono state parole scappate per sbaglio.

Forse Andrea Agnelli avrà cominciato a vincere la prossima Champions con quelle parole. Perché se è successo un casino simile (nel mondo, non solo in Italia) per un rigore che c'era, figuratevi il prossimo anno con che serenità un arbitro potrà assegnare un rigore contro la Juventus in Europa, sapendo che rischia il posto o una gogna simile.

Forse è stato il primo grande acquisto della prossima campagna Champions che il giovane Andrea Agnelli ha operato per curare i propri dolori.
Ma a che costo? Un Gigi Buffon fuori di sé e fuori di senno è stato mandato allo sbaraglio, in un momento in cui invece doveva essere protetto, a infangarsi una immagine mondiale che era letteralmente adorata, e adesso è vista con occhio diverso.
Il rispetto che il mondo aveva per lui è stato letteralmente sacrificato in nome della ragion di stato.
Davvero una Champions vale perfino questo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy