HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
18.04.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 19033 volte

È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto un danno d'immagine all'Italia e alla Juventus che va ben al di là del non raggiungere un risultato, visto che adesso dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, ci danno dei mocciosi viziati senza alcuna classe in caso di sconfitta.

Eppure, anche quello è il meno. Perché in fondo si può capire la reazione di Buffon, la cui espulsione probabilmente è stata ingiusta, ma che a prescindere è comprensibile come possa perdere la calma quando la sua ultima partita di Champions in 20 anni di carriera gli sta scappando via, e a poco vale dire "Ma perché ha continuato a tenere lo stesso atteggiamento anche fino a due ore dopo il fischio finale", perché l'adrenalina dopo una partita simile rimane altissima fino alle 3 di notte per noi giornalisti che siamo solo osservatori, figuriamoci allora per i protagonisti. La reazione di Buffon è stata molto meno grave di quella di Zidane nel 2006, entrambe non condivisibili (quella di Zidane imparagonabile) ma in un certo senso comprensibili (quella di Zidane, molto meno) proprio perché reazioni di nervi a una situazione che fa leva sul calore delle parole.

Buffon si può capire. Andrea Agnelli no. Un presidente che non parla mai direttamente, e che pensa all'occupazione della postazione televisiva immediatamente dopo il fischio finale per indirizzare immediatamente la comunicazione e la linea politica del club, che a cascata ha segnato la via alla critica giornalistica, e gli atteggiamenti che ne sono seguiti sono solo la conseguenza delle sue parole.
Ma in un certo senso, visto la posta in palio, si potrebbe anche giustificare. In fondo, come si è sempre detto, Andrea Agnelli non è solo un presidente o un bravo presidente, ma prima di tutto è il primo tifoso.

E il punto non è nemmeno il teatro dell'assurdo messo su per un rigore assolutamente accettabile. Un rigore che può fare rabbia. Ti può far recriminare e protestare. D'accordo. Ma qua si è trattato di qualcosa di completamente diverso, che è incredibile sia passato in cavalleria.

Andrea Agnelli ha in pratica accusato Pierluigi Collina di penalizzare scientemente le squadre italiane così da conservare il proprio posto da designatore Uefa, in modo da non poter essere tacciato di interessi campanilistici.
L'avesse accusato di incapacità, di inadeguatezza, insomma fosse entrato nel merito dell'essere all'altezza del ruolo, si sarebbe potuto anche discutere. Non dico condividere, ma per carità tutti sono criticabili.

Ma l'accusa è un'altra: Andrea Agnelli ha sostenuto che il designatore Collina praticamente abbia una malafede nei confronti delle squadre italiane, e che - perché altrimenti non si spiega come altro possa farlo - praticamente dia precise indicazioni agli arbitri designati in Europa con le italiane, cioè di adottare con loro un metro diverso dalle altre.

E' l'accusa più grave che ci sia. In assoluto. Pensateci. Il presidente leader del calcio italiano che sostiene una cosa simile, urbi et orbi. Ce n'è a sufficienza addirittura per fare causa per diffamazione, cosa che non avverrà ovviamente perché nelle istituzioni Uefa sono naturalmente portati a rabbonire gli scontri.

E noi non siamo certo né gli avvocati di Collina né di Andrea Agnelli. Ma questo è quello che è stato detto, e con intenzione. Pianificato. Non sono state parole scappate per sbaglio.

Forse Andrea Agnelli avrà cominciato a vincere la prossima Champions con quelle parole. Perché se è successo un casino simile (nel mondo, non solo in Italia) per un rigore che c'era, figuratevi il prossimo anno con che serenità un arbitro potrà assegnare un rigore contro la Juventus in Europa, sapendo che rischia il posto o una gogna simile.

Forse è stato il primo grande acquisto della prossima campagna Champions che il giovane Andrea Agnelli ha operato per curare i propri dolori.
Ma a che costo? Un Gigi Buffon fuori di sé e fuori di senno è stato mandato allo sbaraglio, in un momento in cui invece doveva essere protetto, a infangarsi una immagine mondiale che era letteralmente adorata, e adesso è vista con occhio diverso.
Il rispetto che il mondo aveva per lui è stato letteralmente sacrificato in nome della ragion di stato.
Davvero una Champions vale perfino questo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->