HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
18.04.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 18946 volte

È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto un danno d'immagine all'Italia e alla Juventus che va ben al di là del non raggiungere un risultato, visto che adesso dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, ci danno dei mocciosi viziati senza alcuna classe in caso di sconfitta.

Eppure, anche quello è il meno. Perché in fondo si può capire la reazione di Buffon, la cui espulsione probabilmente è stata ingiusta, ma che a prescindere è comprensibile come possa perdere la calma quando la sua ultima partita di Champions in 20 anni di carriera gli sta scappando via, e a poco vale dire "Ma perché ha continuato a tenere lo stesso atteggiamento anche fino a due ore dopo il fischio finale", perché l'adrenalina dopo una partita simile rimane altissima fino alle 3 di notte per noi giornalisti che siamo solo osservatori, figuriamoci allora per i protagonisti. La reazione di Buffon è stata molto meno grave di quella di Zidane nel 2006, entrambe non condivisibili (quella di Zidane imparagonabile) ma in un certo senso comprensibili (quella di Zidane, molto meno) proprio perché reazioni di nervi a una situazione che fa leva sul calore delle parole.

Buffon si può capire. Andrea Agnelli no. Un presidente che non parla mai direttamente, e che pensa all'occupazione della postazione televisiva immediatamente dopo il fischio finale per indirizzare immediatamente la comunicazione e la linea politica del club, che a cascata ha segnato la via alla critica giornalistica, e gli atteggiamenti che ne sono seguiti sono solo la conseguenza delle sue parole.
Ma in un certo senso, visto la posta in palio, si potrebbe anche giustificare. In fondo, come si è sempre detto, Andrea Agnelli non è solo un presidente o un bravo presidente, ma prima di tutto è il primo tifoso.

E il punto non è nemmeno il teatro dell'assurdo messo su per un rigore assolutamente accettabile. Un rigore che può fare rabbia. Ti può far recriminare e protestare. D'accordo. Ma qua si è trattato di qualcosa di completamente diverso, che è incredibile sia passato in cavalleria.

Andrea Agnelli ha in pratica accusato Pierluigi Collina di penalizzare scientemente le squadre italiane così da conservare il proprio posto da designatore Uefa, in modo da non poter essere tacciato di interessi campanilistici.
L'avesse accusato di incapacità, di inadeguatezza, insomma fosse entrato nel merito dell'essere all'altezza del ruolo, si sarebbe potuto anche discutere. Non dico condividere, ma per carità tutti sono criticabili.

Ma l'accusa è un'altra: Andrea Agnelli ha sostenuto che il designatore Collina praticamente abbia una malafede nei confronti delle squadre italiane, e che - perché altrimenti non si spiega come altro possa farlo - praticamente dia precise indicazioni agli arbitri designati in Europa con le italiane, cioè di adottare con loro un metro diverso dalle altre.

E' l'accusa più grave che ci sia. In assoluto. Pensateci. Il presidente leader del calcio italiano che sostiene una cosa simile, urbi et orbi. Ce n'è a sufficienza addirittura per fare causa per diffamazione, cosa che non avverrà ovviamente perché nelle istituzioni Uefa sono naturalmente portati a rabbonire gli scontri.

E noi non siamo certo né gli avvocati di Collina né di Andrea Agnelli. Ma questo è quello che è stato detto, e con intenzione. Pianificato. Non sono state parole scappate per sbaglio.

Forse Andrea Agnelli avrà cominciato a vincere la prossima Champions con quelle parole. Perché se è successo un casino simile (nel mondo, non solo in Italia) per un rigore che c'era, figuratevi il prossimo anno con che serenità un arbitro potrà assegnare un rigore contro la Juventus in Europa, sapendo che rischia il posto o una gogna simile.

Forse è stato il primo grande acquisto della prossima campagna Champions che il giovane Andrea Agnelli ha operato per curare i propri dolori.
Ma a che costo? Un Gigi Buffon fuori di sé e fuori di senno è stato mandato allo sbaraglio, in un momento in cui invece doveva essere protetto, a infangarsi una immagine mondiale che era letteralmente adorata, e adesso è vista con occhio diverso.
Il rispetto che il mondo aveva per lui è stato letteralmente sacrificato in nome della ragion di stato.
Davvero una Champions vale perfino questo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema 22.10 - La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità...

Editoriale DI: Andrea Losapio

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy