HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

I limiti di Sarri, così evidenti proprio nell’anno in cui Allegri sta mostrando di essere l’uomo più decisivo della Juve. Di Francesco aveva ragione, i romanisti torto. Gli juventini tifano Conte

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
14.03.2018 07:35 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 38786 volte

Di Mourinho ce n'è uno, come lui non c'è nessuno (e vale anche al'indomani forse della sua notte più disgraziata in carriera) . E' saggio tenerlo sempre in mente ogni qualvolta qualcuno sia tentato dall'ormai stucchevole cliché del "faccio come Mourinho, distolgo l'attenzione".
Sono stati pochissimi i momenti di difficoltà del Napoli quest'anno, e sottolineati solo perché di fronte c'è una Juve a ritmi straordinari. Ma in quei pochi momenti, abbiamo sempre sentito Sarri lamentarsi dell'impossibilità del Napoli non all'altezza finanziariamente della Juventus. La premessa di ogni discorso di Maurizio Sarri in situazione di crisi è: "Del resto la Juve ha una rosa di molto più forte, possiamo solo provarci". Premessa doverosa e condivisibile, davvero nessuno può negare che la Juventus sia l'unica squadra che può mettere in campo due formazioni di titolari. E di conseguenza nessuno può evitare di applaudire quanto la scienza calcistica di Sarri stia moltiplicando le forze del Napoli. Ma dire che Sarri si lamenti sistematicamente così come fa Mourinho, per schermare la squadra dalle critiche, è una scempiaggine.
L'effetto è ormai controproducente: a che serve che Maurizio Sarri lo ricordi a ogni difficoltà?
Questo è il momento in cui si serrano le fila per quel che rimane del campionato. Non ha più senso parlare del gioco, dell'Olanda del 74 etc. C'è un momento in cui il carattere devi dartelo. E a che serve che Maurizio Sarri continui a trovare una scusante a prescindere per i suoi giocatori?
Non rischia di demotivare la squadra, il cui bel gioco ormai ha una colonna sonora di sottofondo: "Tanto anche se va male, non dovevamo mica vincere"? Insomma, è proprio sicuro Maurizio Sarri che in questa maniera il Napoli si caricherà per il rush finale?
E' l'ultimo stadio che manca a Sarri per entrare nel novero dei vincenti, a prescindere dal vincere o no. Ed è quello stadio che da quest'anno possiede totalmente Allegri. Forse la sua Juve non aveva mai giocato così male, eppure Allegri si sta adattando a tutte le situazioni, prendendo di petto anche il suo ambiente quando mugugna per i risultati in Champions. Certo, anche lui non è scevro dal ricordare che in Europa ci sono ben altri budget. Eppure si ferma un attimo prima che questo diventi una scusante per i propri giocatori. Forse Sarri deve ritrovare un po' di freschezza, e mettere da parte la faccia sconsolata.

Intanto gli juventini stasera tifano per Antonio Conte. L'ascia di guerra non è seppellita, ma il motivo è un altro: il Barcellona è forse l'unica squadra davvero superiore alla Juventus, tutte le altre grandi sono allo stesso livello, o nel caso del Manchester City e del Real Madrid hanno dei punti deboli in fase difensiva di cui la Juve può cibarsi. Se il Chelsea eliminasse il Barcellona, la Champions 2018 per la Juventus potrebbe cominciare a prendere le sembianze di quella 2010 per l'Inter, una amore che matura turno dopo turno. Sempre che sulla strada poi non arrivi l'amante tradito, Antonio Conte...

A proposito: qualcuno chiederà scusa a Di Francesco? No perché due settimane fa erano in tanti a tirare le pietre, a programmare la lista dei sostituti, e perfino a chiederne l'esonero. Vero, forse è troppo facile scriverlo il giorno dopo, ma la Roma ha compiuto un percorso progressivo, con semplici fisiologiche battute d'arresto. E' la somma che fa il totale, come diceva Totò, quindi vedremo a fine stagione, ma non c'era niente che facesse presagire una tale sfiducia intorno all'allenatore. Forse il problema era e rimarrà un altro, quelli che Daniele De Rossi denominava come "papponi", quel circo dei miracoli che campa a sbafo sul nome della Roma.
La società sta crescendo, la squadra pure, che l'ambiente cresca di conseguenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve Campione nel deserto d'Italia. Spalletti, cosa combini? Derby milanese per Mulattieri. Follia a Perugia. Seconde squadre? Sì ma senza promozioni 14.05 - Ha vinto la Juventus. Qual è la novità? In Italia c'è il deserto e dobbiamo solo ringraziare il Napoli se, a Torino, hanno festeggiato a maggio e non a marzo. Ormai è diventato un problema di mese. Sinceramente una roba triste. La storia dice che, in Italia, lo scudetto va alla Juventus...

EditorialeDI: Marco Conterio

Emre Can e il mercato dei colpi di scena della Juventus. Milan, altra rivoluzione in vista e occhio ai tanti cambi in panchina in Serie A. Seconde squadre: a chi servono? 13.05 - Emre Can sarà un giocatore della Juventus. Che ha deciso, per la prima volta, di optare per una clausola rescissoria nel contratto di un giocatore, pur di farlo sbarcare a Torino. Quello dei Campioni d'Italia, al quarto meritato poker consecutivo e al settimo Scudetto di fila, è certo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy