HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

I limiti di Sarri, così evidenti proprio nell’anno in cui Allegri sta mostrando di essere l’uomo più decisivo della Juve. Di Francesco aveva ragione, i romanisti torto. Gli juventini tifano Conte

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
14.03.2018 07:35 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 38984 volte

Di Mourinho ce n'è uno, come lui non c'è nessuno (e vale anche al'indomani forse della sua notte più disgraziata in carriera) . E' saggio tenerlo sempre in mente ogni qualvolta qualcuno sia tentato dall'ormai stucchevole cliché del "faccio come Mourinho, distolgo l'attenzione".
Sono stati pochissimi i momenti di difficoltà del Napoli quest'anno, e sottolineati solo perché di fronte c'è una Juve a ritmi straordinari. Ma in quei pochi momenti, abbiamo sempre sentito Sarri lamentarsi dell'impossibilità del Napoli non all'altezza finanziariamente della Juventus. La premessa di ogni discorso di Maurizio Sarri in situazione di crisi è: "Del resto la Juve ha una rosa di molto più forte, possiamo solo provarci". Premessa doverosa e condivisibile, davvero nessuno può negare che la Juventus sia l'unica squadra che può mettere in campo due formazioni di titolari. E di conseguenza nessuno può evitare di applaudire quanto la scienza calcistica di Sarri stia moltiplicando le forze del Napoli. Ma dire che Sarri si lamenti sistematicamente così come fa Mourinho, per schermare la squadra dalle critiche, è una scempiaggine.
L'effetto è ormai controproducente: a che serve che Maurizio Sarri lo ricordi a ogni difficoltà?
Questo è il momento in cui si serrano le fila per quel che rimane del campionato. Non ha più senso parlare del gioco, dell'Olanda del 74 etc. C'è un momento in cui il carattere devi dartelo. E a che serve che Maurizio Sarri continui a trovare una scusante a prescindere per i suoi giocatori?
Non rischia di demotivare la squadra, il cui bel gioco ormai ha una colonna sonora di sottofondo: "Tanto anche se va male, non dovevamo mica vincere"? Insomma, è proprio sicuro Maurizio Sarri che in questa maniera il Napoli si caricherà per il rush finale?
E' l'ultimo stadio che manca a Sarri per entrare nel novero dei vincenti, a prescindere dal vincere o no. Ed è quello stadio che da quest'anno possiede totalmente Allegri. Forse la sua Juve non aveva mai giocato così male, eppure Allegri si sta adattando a tutte le situazioni, prendendo di petto anche il suo ambiente quando mugugna per i risultati in Champions. Certo, anche lui non è scevro dal ricordare che in Europa ci sono ben altri budget. Eppure si ferma un attimo prima che questo diventi una scusante per i propri giocatori. Forse Sarri deve ritrovare un po' di freschezza, e mettere da parte la faccia sconsolata.

Intanto gli juventini stasera tifano per Antonio Conte. L'ascia di guerra non è seppellita, ma il motivo è un altro: il Barcellona è forse l'unica squadra davvero superiore alla Juventus, tutte le altre grandi sono allo stesso livello, o nel caso del Manchester City e del Real Madrid hanno dei punti deboli in fase difensiva di cui la Juve può cibarsi. Se il Chelsea eliminasse il Barcellona, la Champions 2018 per la Juventus potrebbe cominciare a prendere le sembianze di quella 2010 per l'Inter, una amore che matura turno dopo turno. Sempre che sulla strada poi non arrivi l'amante tradito, Antonio Conte...

A proposito: qualcuno chiederà scusa a Di Francesco? No perché due settimane fa erano in tanti a tirare le pietre, a programmare la lista dei sostituti, e perfino a chiederne l'esonero. Vero, forse è troppo facile scriverlo il giorno dopo, ma la Roma ha compiuto un percorso progressivo, con semplici fisiologiche battute d'arresto. E' la somma che fa il totale, come diceva Totò, quindi vedremo a fine stagione, ma non c'era niente che facesse presagire una tale sfiducia intorno all'allenatore. Forse il problema era e rimarrà un altro, quelli che Daniele De Rossi denominava come "papponi", quel circo dei miracoli che campa a sbafo sul nome della Roma.
La società sta crescendo, la squadra pure, che l'ambiente cresca di conseguenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy