HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

I limiti di Sarri, così evidenti proprio nell’anno in cui Allegri sta mostrando di essere l’uomo più decisivo della Juve. Di Francesco aveva ragione, i romanisti torto. Gli juventini tifano Conte

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
14.03.2018 07:35 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 39015 volte

Di Mourinho ce n'è uno, come lui non c'è nessuno (e vale anche al'indomani forse della sua notte più disgraziata in carriera) . E' saggio tenerlo sempre in mente ogni qualvolta qualcuno sia tentato dall'ormai stucchevole cliché del "faccio come Mourinho, distolgo l'attenzione".
Sono stati pochissimi i momenti di difficoltà del Napoli quest'anno, e sottolineati solo perché di fronte c'è una Juve a ritmi straordinari. Ma in quei pochi momenti, abbiamo sempre sentito Sarri lamentarsi dell'impossibilità del Napoli non all'altezza finanziariamente della Juventus. La premessa di ogni discorso di Maurizio Sarri in situazione di crisi è: "Del resto la Juve ha una rosa di molto più forte, possiamo solo provarci". Premessa doverosa e condivisibile, davvero nessuno può negare che la Juventus sia l'unica squadra che può mettere in campo due formazioni di titolari. E di conseguenza nessuno può evitare di applaudire quanto la scienza calcistica di Sarri stia moltiplicando le forze del Napoli. Ma dire che Sarri si lamenti sistematicamente così come fa Mourinho, per schermare la squadra dalle critiche, è una scempiaggine.
L'effetto è ormai controproducente: a che serve che Maurizio Sarri lo ricordi a ogni difficoltà?
Questo è il momento in cui si serrano le fila per quel che rimane del campionato. Non ha più senso parlare del gioco, dell'Olanda del 74 etc. C'è un momento in cui il carattere devi dartelo. E a che serve che Maurizio Sarri continui a trovare una scusante a prescindere per i suoi giocatori?
Non rischia di demotivare la squadra, il cui bel gioco ormai ha una colonna sonora di sottofondo: "Tanto anche se va male, non dovevamo mica vincere"? Insomma, è proprio sicuro Maurizio Sarri che in questa maniera il Napoli si caricherà per il rush finale?
E' l'ultimo stadio che manca a Sarri per entrare nel novero dei vincenti, a prescindere dal vincere o no. Ed è quello stadio che da quest'anno possiede totalmente Allegri. Forse la sua Juve non aveva mai giocato così male, eppure Allegri si sta adattando a tutte le situazioni, prendendo di petto anche il suo ambiente quando mugugna per i risultati in Champions. Certo, anche lui non è scevro dal ricordare che in Europa ci sono ben altri budget. Eppure si ferma un attimo prima che questo diventi una scusante per i propri giocatori. Forse Sarri deve ritrovare un po' di freschezza, e mettere da parte la faccia sconsolata.

Intanto gli juventini stasera tifano per Antonio Conte. L'ascia di guerra non è seppellita, ma il motivo è un altro: il Barcellona è forse l'unica squadra davvero superiore alla Juventus, tutte le altre grandi sono allo stesso livello, o nel caso del Manchester City e del Real Madrid hanno dei punti deboli in fase difensiva di cui la Juve può cibarsi. Se il Chelsea eliminasse il Barcellona, la Champions 2018 per la Juventus potrebbe cominciare a prendere le sembianze di quella 2010 per l'Inter, una amore che matura turno dopo turno. Sempre che sulla strada poi non arrivi l'amante tradito, Antonio Conte...

A proposito: qualcuno chiederà scusa a Di Francesco? No perché due settimane fa erano in tanti a tirare le pietre, a programmare la lista dei sostituti, e perfino a chiederne l'esonero. Vero, forse è troppo facile scriverlo il giorno dopo, ma la Roma ha compiuto un percorso progressivo, con semplici fisiologiche battute d'arresto. E' la somma che fa il totale, come diceva Totò, quindi vedremo a fine stagione, ma non c'era niente che facesse presagire una tale sfiducia intorno all'allenatore. Forse il problema era e rimarrà un altro, quelli che Daniele De Rossi denominava come "papponi", quel circo dei miracoli che campa a sbafo sul nome della Roma.
La società sta crescendo, la squadra pure, che l'ambiente cresca di conseguenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510