VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

I superpoteri della Juventus e l'imbarazzo di De Laurentiis. Unica strada per HiguaNI. Mancini, deciditi! Ora o mai più.

18.07.2016 14:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 114140 volte
© foto di Federico De Luca

La storia di Higuain è molto più semplice di come tutti la vogliono far credere. Primo punto: illudere i tifosi non avrebbe senso. La posizione della Juventus è chiara. Il modello Marotta è sempre più simile a quello degli amici tedeschi del Bayern Monaco. Comprare e togliere i migliori alle dirette concorrenti del proprio Paese. Così - innanzitutto - continuiamo a vincere il campionato e poi puntiamo alla crescita europea. Dani Alves e Benatia sono due ottimi colpi per rinforzare una difesa già di ferro che anche all'Europeo ha dimostrato affidabilità internazionale. Pjanic è un colpo che vale doppio e la Roma sta sottovalutando che il prossimo anno non avrà il suo miglior calciatore e soprattutto che ad averlo oggi è la Juventus. Il romanzo Higuain, invece, ha meno tinte gialle di quello che vogliamo far credere ai tifosi. Marotta sta pensando a Gonzalo, questo è chiaro e ve lo abbiamo detto, ma annunciare una trattativa con il Napoli non è proprio l'elogio della verità. La Juve ha sondato il terreno con il fratello-procuratore che sta creando un macello per portare Higuain lontano da Napoli. Giustamente vuole raccogliere più soldi possibili dopo un'annata irripetibile. Certamente per uscire di scena da una città ci sono mille modi e alla famiglia Higuain i napoletani chiedono almeno tatto e stile. La Juve prima di arrivare ai 94 milioni di euro deve fare delle cessioni, ma per arrivare all'attaccante argentino non farà leva sulle cessioni dei big: Pogba o Bonucci per intenderci. Il tesoretto si potrebbe costruire dagli addii di Pereyra, Rugani, Lemina e Zaza. Ad oggi non c'è la volontà di cedere nessuno di questi calciatori, anche se sono arrivate offerte interessanti. 30 milioni per Rugani, 17 per Lemina, 15 per Pereyra e 30 per Zaza. La Juve ha una convinzione: non vendere oggi perché sicura che alle stesse cifre arriveranno offerte anche la prossima stagione. Sembra chiaro che De Laurentiis, per mille ragioni, non può trattare il suo uomo d'oro con la Juventus. E fa bene. Deve tenere un profilo alto e non si può permettere di cederlo in Italia. Forse sarà obbligato a vendere il calciatore che si è messo di traverso e rifiuta il rinnovo di contratto; poco male. Importante per il Napoli è non darlo ai bianconeri. La minaccia della clausola persiste ma a quel punto nessuno potrebbe rimproverare nulla a De Laurentiis. Se due anni fa ha messo una clausola da 94 milioni di euro e qualcuno la paga, il Napoli avrà poche responsabilità. A prescindere che a pagarla sia la Juve, il Milan (difficile con i tempi che corrono), l'Arsenal o l'Albinoleffe. Se dobbiamo riconoscere una colpa al Napoli è forse da ricercare nella scorsa stagione: bisognava convocare il fratello procuratore verso febbraio-marzo e discutere in anticipo il rinnovo di contratto senza arrivare sotto schiaffo alla fine di luglio. Oggi il Napoli non può subire gli isterismi dell'argentino e le minacce che non si presenterà in ritiro, dovrebbe anticipare la Juve e accompagnare Higuain verso l'Inghilterra. L'Arsenal sarebbe la soluzione perfetta. Certamente De Laurentiis deve mentalizzarsi sul fatto che sta perdendo il suo calciatore migliore e più incisivo ma non sarà un atto di debolezza, sarà solo una strategia vincente per non restare con il cerino in mano e, come direbbero a Napoli, cornuto e mazziato. Oggi i napoletani sono quasi entrati nell'ottica di idea di perdere Higuain, ma se dovesse andare alla Juve andrebbero fuori di testa. Giuntoli sia bravo a trovare una soluzione inglese, incassare 60 milioni di euro e farsi trovare il giorno dopo con l'alternativa di lusso che potrà garantire un futuro al Napoli. Tanto nessun altro attaccante, Higuain o non Higuain, tornerà a fare più di 30 gol nel prossimo campionato italiano.
All'Inter hanno problemi più seri. Il passaggio Moratti-Thohir-Suning non è stato gestito tecnicamente nel migliore dei modi. Mancini ha una certa confusione in testa, Icardi bussa alle porte sbagliate e gli acquisti tardano ad arrivare. Il rischio di perdere un'altra stagione si fa sempre più concreto. Dove c'è poca chiarezza si genera confusione e oggi Ausilio rischia di essere troppo distante da Mancini e poco vicino ai cinesi. La speranza dell'Inter è quella di assicurarsi Gabriel Jesus; sarebbe un colpo fantastico di uno dei prospetti migliori del mondo, ma non cambierà gli equilibri prima di gennaio. Oggi serve rinforzare difesa e soprattutto centrocampo e trovare nuove soluzioni in attacco dove il solo Icardi, tra l'altro con mal di pancia, non basta più. Se Mancini ha dei dubbi decida cosa vuole fare. Meglio adesso che più avanti. Non si può iniziare una stagione senza convinzione. Farebbe il suo male è quello dell'Inter, in un campionato che si preannuncia il meno divertente degli ultimi anni. Certamente c'è tempo ancora un mese e mezzo per fare colpi veri di mercato ma la sensazione è che ci sarà poco da divertirsi...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.