VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

I superpoteri della Juventus e l'imbarazzo di De Laurentiis. Unica strada per HiguaNI. Mancini, deciditi! Ora o mai più.

18.07.2016 14.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 114104 volte
© foto di Federico De Luca

La storia di Higuain è molto più semplice di come tutti la vogliono far credere. Primo punto: illudere i tifosi non avrebbe senso. La posizione della Juventus è chiara. Il modello Marotta è sempre più simile a quello degli amici tedeschi del Bayern Monaco. Comprare e togliere i migliori alle dirette concorrenti del proprio Paese. Così - innanzitutto - continuiamo a vincere il campionato e poi puntiamo alla crescita europea. Dani Alves e Benatia sono due ottimi colpi per rinforzare una difesa già di ferro che anche all'Europeo ha dimostrato affidabilità internazionale. Pjanic è un colpo che vale doppio e la Roma sta sottovalutando che il prossimo anno non avrà il suo miglior calciatore e soprattutto che ad averlo oggi è la Juventus. Il romanzo Higuain, invece, ha meno tinte gialle di quello che vogliamo far credere ai tifosi. Marotta sta pensando a Gonzalo, questo è chiaro e ve lo abbiamo detto, ma annunciare una trattativa con il Napoli non è proprio l'elogio della verità. La Juve ha sondato il terreno con il fratello-procuratore che sta creando un macello per portare Higuain lontano da Napoli. Giustamente vuole raccogliere più soldi possibili dopo un'annata irripetibile. Certamente per uscire di scena da una città ci sono mille modi e alla famiglia Higuain i napoletani chiedono almeno tatto e stile. La Juve prima di arrivare ai 94 milioni di euro deve fare delle cessioni, ma per arrivare all'attaccante argentino non farà leva sulle cessioni dei big: Pogba o Bonucci per intenderci. Il tesoretto si potrebbe costruire dagli addii di Pereyra, Rugani, Lemina e Zaza. Ad oggi non c'è la volontà di cedere nessuno di questi calciatori, anche se sono arrivate offerte interessanti. 30 milioni per Rugani, 17 per Lemina, 15 per Pereyra e 30 per Zaza. La Juve ha una convinzione: non vendere oggi perché sicura che alle stesse cifre arriveranno offerte anche la prossima stagione. Sembra chiaro che De Laurentiis, per mille ragioni, non può trattare il suo uomo d'oro con la Juventus. E fa bene. Deve tenere un profilo alto e non si può permettere di cederlo in Italia. Forse sarà obbligato a vendere il calciatore che si è messo di traverso e rifiuta il rinnovo di contratto; poco male. Importante per il Napoli è non darlo ai bianconeri. La minaccia della clausola persiste ma a quel punto nessuno potrebbe rimproverare nulla a De Laurentiis. Se due anni fa ha messo una clausola da 94 milioni di euro e qualcuno la paga, il Napoli avrà poche responsabilità. A prescindere che a pagarla sia la Juve, il Milan (difficile con i tempi che corrono), l'Arsenal o l'Albinoleffe. Se dobbiamo riconoscere una colpa al Napoli è forse da ricercare nella scorsa stagione: bisognava convocare il fratello procuratore verso febbraio-marzo e discutere in anticipo il rinnovo di contratto senza arrivare sotto schiaffo alla fine di luglio. Oggi il Napoli non può subire gli isterismi dell'argentino e le minacce che non si presenterà in ritiro, dovrebbe anticipare la Juve e accompagnare Higuain verso l'Inghilterra. L'Arsenal sarebbe la soluzione perfetta. Certamente De Laurentiis deve mentalizzarsi sul fatto che sta perdendo il suo calciatore migliore e più incisivo ma non sarà un atto di debolezza, sarà solo una strategia vincente per non restare con il cerino in mano e, come direbbero a Napoli, cornuto e mazziato. Oggi i napoletani sono quasi entrati nell'ottica di idea di perdere Higuain, ma se dovesse andare alla Juve andrebbero fuori di testa. Giuntoli sia bravo a trovare una soluzione inglese, incassare 60 milioni di euro e farsi trovare il giorno dopo con l'alternativa di lusso che potrà garantire un futuro al Napoli. Tanto nessun altro attaccante, Higuain o non Higuain, tornerà a fare più di 30 gol nel prossimo campionato italiano.
All'Inter hanno problemi più seri. Il passaggio Moratti-Thohir-Suning non è stato gestito tecnicamente nel migliore dei modi. Mancini ha una certa confusione in testa, Icardi bussa alle porte sbagliate e gli acquisti tardano ad arrivare. Il rischio di perdere un'altra stagione si fa sempre più concreto. Dove c'è poca chiarezza si genera confusione e oggi Ausilio rischia di essere troppo distante da Mancini e poco vicino ai cinesi. La speranza dell'Inter è quella di assicurarsi Gabriel Jesus; sarebbe un colpo fantastico di uno dei prospetti migliori del mondo, ma non cambierà gli equilibri prima di gennaio. Oggi serve rinforzare difesa e soprattutto centrocampo e trovare nuove soluzioni in attacco dove il solo Icardi, tra l'altro con mal di pancia, non basta più. Se Mancini ha dei dubbi decida cosa vuole fare. Meglio adesso che più avanti. Non si può iniziare una stagione senza convinzione. Farebbe il suo male è quello dell'Inter, in un campionato che si preannuncia il meno divertente degli ultimi anni. Certamente c'è tempo ancora un mese e mezzo per fare colpi veri di mercato ma la sensazione è che ci sarà poco da divertirsi...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.