VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como

26.11.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 16997 volte

All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari? Cambieranno dirigenti e prospettive, oppure no? Tra chi si dice certo che non cambierà nulla e chi pensa che ormai il Milan sia già di Sino Europe, il divario è enorme. Tra un colore e l'altro poi, una serie infinita di tonalità di grigio, di congetture, di ipotesi per le quali vale tutto e il contrario di tutto. I fatti: il 5 Luglio, Silvio Berlusconi annuncia all'uscita dall'ospedale San Raffaele di aver ceduto il Milan. Dopo quelle dichiarazioni, cambia la cordata e nasce il contratto preliminare del 5 Agosto. Arrivano 15 milioni. Poi 85 milioni. In totale fanno 100. Il closing doveva essere fra il 4 Novembre e il 4 Dicembre. Siamo al 25 Novembre e l'Assemblea dei Soci è stata fissata per il 13 Dicembre. Tra un passaggio della trattativa e l'altro, fra una data e l'altra, Fininvest e Sino Europe tirano dritto. Piccolo particolare: ha ricominciato a parlare Silvio Berlusconi e il fatto non è mai trascurabile. Dopo le sue parole del 5 Luglio, è cambiata la prima cordata e sono spariti Galatioto e Gancikoff. Nel frattempo, oggi, prova a riapparire all'orizzonte un Mr Bee Taechaubol più sfocato mediamente, non sostenuto dalle solite ammiraglie. Cosa dice l'esperienza? Che Silvio Berlusconi è sorprendente e decisivo per sua natura. Ogni volta che parla, agisce. E ogni volta che agisce, determina. Fossimo nei pasionari dell'uno e dell'altro schieramento, fossimo fra i fans della Cina è già qui oppure della Cina non esiste, faremmo un passo indietro in entrambi i casi. Non è il caso di esibire la verità. L'unico che la disegna è lui, Silvio Berlusconi. E a giudicare il suo attivismo mediatico, il presidente del Milan sembra tutt'altro che un numero uno vicino ai titoli di coda. Tutt'altro.

Quest'estate Eusebio Di Francesco ha risposto in maniera un po' ruvida e sbrigativa ad una domanda sul Milan: "Non vado dove c'è confusione". Per carità, non è che il Milan degli ultimi anni abbia brillato per univocità, ma al buon Di Francesco è andata male. Si è ritrovato tanta confusione attorno, anche senza andare al Milan. La confusione fra la posta elettronica del Sassuolo e della Lega di Serie A. La confusione sui mesi dell'infortunio di Berardi, passati in un battibaleno da uno a tre. La confusione sul passo da tenere fra Campionato ed Europa League, smarrito su entrambi i fronti. Ma il tecnico del Sassuolo sa già come risolvere tutti i problemi, approfondire l'arbitraggio di Guida. A San Siro. Contro il Milan. Naturalmente.

Il terzo a volte è incomodo. In questi caso Stefano Pioli non lo è, è stato invocato, selezionato, ben accolto. Non è incomodo, ma certamente scomodo. Ha fatto un buon primo tempo contro il Milan, finendo per segnare dopo una rimessa laterale mezza e mezza e dopo un calcio d'angolo. Ha esultato ed è andato in Israele dove, forse, ha capito tutto. Non ci sono soluzioni rapide per l'Inter. Con quella difesa e con quella fragilità nella psiche e negli equilibri, l'Inter anti-Juve dichiarata da Massimo Moratti nella seconda quindicina d'Agosto non c'è, non esiste. Tanti soldi spesi, tanti allenatori rescissi, tante proprietà che intervengono e dichiarano. Grande abbondanza all'Inter, ma non di difensori.

Domenica 20 Novembre. Una squadra di Eccellenza piemontese, siamo fra i Dilettanti, lo Stresa sta raggiungendo Biella in pullman per giocare contro La Biellese. Si sente male il Team manager, Fabio Marchionini. Emorragia cerebrale: pericolo di vita. Nonostante l'intervento, prima timido e poi più energico del presidente della Lega Nazionale dilettanti piemontese Mossino, La Biellese vuole giocare. E si gioca. La Biellese vince pure. Con quello splendido ragazzo in ospedale a lottare contro il malore e i suoi ragazzi in campo con la pena nel cuore. Per fortuna, oggi Fabio sta meglio. Ma che calcio è questo? E' ancora sport? E che gente è quella che costringe un giornalista a recarsi presso la Questura di Como per difendersi dalla sputata di gruppo che uno stalkerino su Facebook stava "organizzando", davanti alla sua tv, per manifestare disaccordo rispetto alle sue tesi sul Milan? Nel calcio di oggi, il campo è marginale. Non vince questa o quella squadra, vince sempre il peggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.