VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como

26.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 16950 volte

All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari? Cambieranno dirigenti e prospettive, oppure no? Tra chi si dice certo che non cambierà nulla e chi pensa che ormai il Milan sia già di Sino Europe, il divario è enorme. Tra un colore e l'altro poi, una serie infinita di tonalità di grigio, di congetture, di ipotesi per le quali vale tutto e il contrario di tutto. I fatti: il 5 Luglio, Silvio Berlusconi annuncia all'uscita dall'ospedale San Raffaele di aver ceduto il Milan. Dopo quelle dichiarazioni, cambia la cordata e nasce il contratto preliminare del 5 Agosto. Arrivano 15 milioni. Poi 85 milioni. In totale fanno 100. Il closing doveva essere fra il 4 Novembre e il 4 Dicembre. Siamo al 25 Novembre e l'Assemblea dei Soci è stata fissata per il 13 Dicembre. Tra un passaggio della trattativa e l'altro, fra una data e l'altra, Fininvest e Sino Europe tirano dritto. Piccolo particolare: ha ricominciato a parlare Silvio Berlusconi e il fatto non è mai trascurabile. Dopo le sue parole del 5 Luglio, è cambiata la prima cordata e sono spariti Galatioto e Gancikoff. Nel frattempo, oggi, prova a riapparire all'orizzonte un Mr Bee Taechaubol più sfocato mediamente, non sostenuto dalle solite ammiraglie. Cosa dice l'esperienza? Che Silvio Berlusconi è sorprendente e decisivo per sua natura. Ogni volta che parla, agisce. E ogni volta che agisce, determina. Fossimo nei pasionari dell'uno e dell'altro schieramento, fossimo fra i fans della Cina è già qui oppure della Cina non esiste, faremmo un passo indietro in entrambi i casi. Non è il caso di esibire la verità. L'unico che la disegna è lui, Silvio Berlusconi. E a giudicare il suo attivismo mediatico, il presidente del Milan sembra tutt'altro che un numero uno vicino ai titoli di coda. Tutt'altro.

Quest'estate Eusebio Di Francesco ha risposto in maniera un po' ruvida e sbrigativa ad una domanda sul Milan: "Non vado dove c'è confusione". Per carità, non è che il Milan degli ultimi anni abbia brillato per univocità, ma al buon Di Francesco è andata male. Si è ritrovato tanta confusione attorno, anche senza andare al Milan. La confusione fra la posta elettronica del Sassuolo e della Lega di Serie A. La confusione sui mesi dell'infortunio di Berardi, passati in un battibaleno da uno a tre. La confusione sul passo da tenere fra Campionato ed Europa League, smarrito su entrambi i fronti. Ma il tecnico del Sassuolo sa già come risolvere tutti i problemi, approfondire l'arbitraggio di Guida. A San Siro. Contro il Milan. Naturalmente.

Il terzo a volte è incomodo. In questi caso Stefano Pioli non lo è, è stato invocato, selezionato, ben accolto. Non è incomodo, ma certamente scomodo. Ha fatto un buon primo tempo contro il Milan, finendo per segnare dopo una rimessa laterale mezza e mezza e dopo un calcio d'angolo. Ha esultato ed è andato in Israele dove, forse, ha capito tutto. Non ci sono soluzioni rapide per l'Inter. Con quella difesa e con quella fragilità nella psiche e negli equilibri, l'Inter anti-Juve dichiarata da Massimo Moratti nella seconda quindicina d'Agosto non c'è, non esiste. Tanti soldi spesi, tanti allenatori rescissi, tante proprietà che intervengono e dichiarano. Grande abbondanza all'Inter, ma non di difensori.

Domenica 20 Novembre. Una squadra di Eccellenza piemontese, siamo fra i Dilettanti, lo Stresa sta raggiungendo Biella in pullman per giocare contro La Biellese. Si sente male il Team manager, Fabio Marchionini. Emorragia cerebrale: pericolo di vita. Nonostante l'intervento, prima timido e poi più energico del presidente della Lega Nazionale dilettanti piemontese Mossino, La Biellese vuole giocare. E si gioca. La Biellese vince pure. Con quello splendido ragazzo in ospedale a lottare contro il malore e i suoi ragazzi in campo con la pena nel cuore. Per fortuna, oggi Fabio sta meglio. Ma che calcio è questo? E' ancora sport? E che gente è quella che costringe un giornalista a recarsi presso la Questura di Como per difendersi dalla sputata di gruppo che uno stalkerino su Facebook stava "organizzando", davanti alla sua tv, per manifestare disaccordo rispetto alle sue tesi sul Milan? Nel calcio di oggi, il campo è marginale. Non vince questa o quella squadra, vince sempre il peggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.