VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il bastone di Mihajlovic lascia solo lividi ma c'è la soluzione... l'anno prossimo. Allegri avrà un problema dopo la sosta

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
07.10.2015 17:44 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 89022 volte
© foto di Federico De Luca

22 agosto 2015, non una vita fa... "Obiettivi? Non firmo per il terzo posto...". Parole e musica di Mihajlovic... "Per fortuna...", potremmo aggiungere. Quello che sembrava evidente a tanti, troppi tifosi rossoneri al termine del mercato, si è rivelato tragicamente corretto. Questo Milan, costato (solo per i nuovi arrivati), circa 100 milioni di euro, non pare affatto una creatura con testa, coda e tutti gli arti al proprio posto. Se becchi 13 gol e la tua difesa viene paragonata a quella del Carpi (unica squadra, in A, non nell'Interregionale) ad aver subito più gol del Diavolo), allora sei messo davvero male. Romagnoli, Ely, Zapata... tutti buoni giocatori ma il condottiero della difesa dove è? Passiamo al centrocampo. Statua al
povero Bonaventura che corre e suda come un bulldog lasciato, senza acqua, nel deserto... Ma il resto? Manca qualità, manca personalità, manca il centrocampo! Attacco. Nessun dubbio che Bacca, Luiz Adriano e Balotelli siano nomi da top club. Però, insegnava un vecchio dotto del calcio, "...se la palla non ti arriva, fatichi a fare qualcosa di buono". Onestamente, non vorrei essere nei panni di Mihajlovic. Li sta prendendo a scudisciate da settimane ma non funziona... L'arma del sorriso di Sarri ha ridato lustro e gioia ad Higuain, il bastone di Mihajlovic lascia solo lividi... Più li carica, più si sciolgono alla prima difficoltà. Mi duole dirlo ma il futuro del Milan mi pare francamente orrido. Due opzioni: si ricambia la squadra o si ricambia allenatore. Ci sarebbe una terza opzione, quella che coinvolge Galliani ma pare impraticabile per questioni "di famiglia". In effetti, a pensarci bene, ci sarebbe una soluzione drastica e forse, proprio perché drastica, da prendere in considerazione: cosa accadrebbe se, il prossimo anno, arrivasse Conte a Milanello? Quanti dei giocatori presenti ora in rosa giocherebbero e quanti si siederebbero in panchina a lungo? Conte ha preso una Juve a pezzi, più o meno come nelle stesse condizioni in cui versa il Diavolo ora... L'attuale CT della Nazionale è indubbiamente duro e rigido come (o forse di più) di Mihajlovic ma, a differenza del serbo, è più abile a dare un gioco, in tempi rapidi, alle proprie squadre. Stiamo quindi già mettendo in discussione Mihajlovic? Sì, ma solo perché non è possibile cambiare una squadra intera (o quasi), come la logica imporrebbe... A proposito di Juve... Beh, allora Allegri non è poi così scarso... Dopo settimane di pensieri e riflessioni, il tecnico bianconero ha trovato la squadra che gli dà maggiori garanzie. Il tridente composto da Cuadrado, Dybala e Morata funziona... Sono imprevedibili e sanno come far male alle difese avversarie... Problema: torna Mandzukic e, con lui in area di rigore, Morata si deve spostare altrove e Cuadrado (o Dybala) resta in panca... Che fare? Un bella domanda, alla quale dovrà dare una risposta Allegri. Dopo la sosta, contro l'Inter, vincere significherebbe tornare abbondantemente in corsa. Con o senza Mandzukic? Un vecchio detto recita: "squadra che vince non si cambia" ma come si fa a lasciar fuori uno come Mandzukic?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.