VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Il bilancio del Napoli è come un avvertimento di Standard&Poor's: senza Champions sarà inevitabile il declassamento. Zapata-Higuain, perché mai insieme dal primo minuto?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
07.12.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 23772 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il bilancio del Napoli ha il suono sinistro di un avvertimento di Standard & Poors. Senza l'approdo in Champions sarà necessario abbassare il rating, ridurre investimenti ed aspirazioni sportive. De Laurentiis ne è consapevole, sa quanto sia stato dannoso il doppio match con l'Athletic Bilbao per il mancato bonifico garantito dalla Uefa. L'esperienza è stata fortemente negativa, da non ripetere e adesso il patron si sta adoperando fattivamente, come ha spesso fatto sul mercato, per chiudere in anticipo quei calciatori che potrebbero costare molto di più con il trascorrere dei giorni. Di top player è inutile parlarne, anche perché a gennaio non li vende nessuno, bisogna individuare i profili che completino la rosa, sperando che diventino gli uomini del salto di qualità. "Gabbiadini? Non sento", l'onestà di Rafa Benitez gli impedisce di raccontare pubblicamente bugie sulle operazioni che la società ha già completato, in attesa della data che permetterà l'annuncio: l'1 gennaio. Arriverà il laterale offensivo in comproprietà tra Juventus e Sampdoria, e sarà preso anche (almeno) un altro innesto per sistemare le corsie esterne della retroguardia ormai prossime al depauperamento per infortuni e mancati rinnovi. Mosse rese obbligatorie da un campionato nel quale il Napoli non è riuscito a scavare il solco con le inseguitrici ed ora si ritrova di fronte alla necessità di migliorare la quantità dell'organico per scrollarsi di dosso le genovesi, le milanesi, la Lazio e la Fiorentina ed acchiappare almeno il terzo posto che, stavolta, squadra e tecnico dovranno assolutamente tramutare in accesso alla Champions attraverso il terzo posto. Raggiungere il terzo posto non è impossibile, è il minimo da pretendere quest'anno, e sarebbe stato sufficiente prendere i 7 punti sperperati al San Paolo con Chievo, Palermo e Cagliari per scrivere una storia diversa, quella di una squadra in grado di attaccare anche il secondo posto della Roma. Così non è stato, per qualche errore dei singoli o degli arbitri, per un pizzico di sfortuna e pure per qualche esperimento tattico che non ha funzionato e non funziona. Britos esterno sinistro nella difesa, Inler e Jorgihno non sempre efficienti nel centrocampo a due, Hamsik esterno sinistro offensivo, lì dove anche De Guzman e Ghoulam hanno provato ad accontentare l'allenatore senza risultati meritevoli di una prosecuzione dell'esperimento. Ma l'allenatore spagnolo è fatto così, devono essere i calciatori ad adattarsi alle sue idee di gioco e non lui alle caratteristiche degli stessi. Peccato, davvero, perché don Rafè è sicuramente l'allenatore più titolato che il Napoli abbia mai avuto nella sua storia. Peccato, perché se avesse avuto lui un po' di quella "cazzimma" che ogni tanto reclama per i suoi calciatori, certamente avrebbe messo a profitto più punti e meno perplessità in quei tifosi che stanno riflettendo sulla sua straordinaria ostinazione. Ogni tanto si può pure vincere 1-0 contro le avversarie di livello inferiore, magari giocando pure male. Allora, che sia accontentato l'allenatore prendendogli calciatori che siano duttili. Questo è un aspetto intelligente per una società dalle possibilità non sconfinate qual è il Napoli, però senza esagerare nella volontà a fargli interpretare davvero tutti i ruoli all'interno di una squadra. Provare si può, è necessario, soprattutto se vengono meno elementi cardine come Insigne e Mertens. Però la sperimentazione non può essere protratta all'infinito, senza ottenere i risultati sperati. L'esempio chiave è Hamsik, talento in declino da due stagioni a questa parte. Lo slovacco è il capitano di questa squadra, quindi in potenza un elemento da trattare con i guanti, trattandosi di un graduato. Invece, Marekiaro è stato il capitano più sostituito d'Europa: 14 volte nelle 17 partite da lui disputate. La domanda è: se Hamsik non riesce ad adattarsi al ruolo di seconda punta o addirittura di esterno mancino, non è preferibile tenerlo in panchina? Sarebbe clamoroso, d'accordo, ma almeno utile alla squadra azzurra che potrebbe essere molto più incisiva contro le piccole se Higuain non venisse lasciato da solo. Basterebbe girarsi e guardare sulla panchina, dove siede pacifico Duvan Zapata, il potente colombiano richiesto da mezza Europa. Quest'anno è stato utilizzato solo 10 volte, con 393 minuti giocati ed una media di 39,3 minuti a partita. Ciò nonostante ha messo a segno 2 gol in campionato (1 ogni 58 minuti in serie A) e tutte le volte che viene lanciato nella mischia cambia il senso del match. Domanda: sarà possibile vedere in campo (qualche volta) dal primo minuto Zapata e Higuain? Ci scusiamo per la puerile domanda, però ormai siamo davvero in tanti a chiederci "perché no?"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.