VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il campionato già falsato: è Lotito il vero presidente della Federcalcio? Scordata Calciopoli. Sospetti e polemiche, molte società si ribellano

12.09.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43891 volte
© foto di Federico De Luca

Lotito, sempre Lotito, fortissimamente Lotito. Come se non bastassero le polemiche internazionali attorno a Tavecchio e alle sue imbarazzanti frasi a sfondo razzista di un mese fa e in attesa della sentenza dell'Uefa, il calcio italiano sta vivendo un'altra imbarazzante situazione legata al ruolo del presidente della Lazio.

Come sapete, tutto è nato da una sempre più invasiva presenza di Lotito attorno alla nazionale, ha viaggiato sullo stesso aereo, è stato più e più volte a Coverciano, si è fatto vedere in panchina con addosso la tuta della nazionale azzurra e la grande scritta Italia sul petto.

Questo ha scatenato alcune reazioni degli Azzurri (in particolare De Rossi), altri giocatori dopo lo sconcerto iniziale sono stati addomesticati e hanno detto cose contrarie a quelle confidate ai giornalisti. Insomma, un'altra grande bufera attorno al nostro pallone della quale potevamo fare a meno.

Mentre Conte con le due vittorie consecutive sta levando la pressione attorno e addosso a tutti (devono fargli un monumento), vi immaginate se la Nazionale avesse perso?

Non può passare comunque sotto silenzio la gestione della nuova Federcalcio e in particolare proprio il ruolo del presidente della Lazio.

Lui, incurante delle critiche, ha fatto vedere i muscoli, ha più volte ribadito di poter fare quello che vuole, di essere un superconsigliere del presidente Tavecchio, di rappresentare il nuovo del calcio, mentre invece trattasi di una posizione che dovrà essere rivista e discussa da tutti.

Sappiamo che Lotito è il grande elettore di Tavecchio. Ha fatto e brigato affinchè il presidente dei Dilettanti diventasse un professionista. In pratica l'ha condizionato e ora il vero presidente della Federcalcio sembra essere proprio l'esuberante Latinista. Una situazione insostenibile.

Come sapete ha un ufficio al quinto piano di via Allegri, proprio al fianco di Tavecchio. E senza il parere di Lotito non si muove foglia. Gianni e Pinotto, il Gatto e la Volpe, Rik e Gian: fate voi. Il due si presta a una grande letteratura in proposito e basta navigare un po' nella rete per capire l'aria che tira.

A parte l'imbarazzante presenza (anche fisica) e le gaffes (ultima all'aeroporto di Oslo), Lotito è stato condannato dalla giustizia sportiva e da quella penale (ha accettato la prescrizione) nella vicenda Calciopoli, uno degli scandali più grossi del calcio italiano. Tutto dimenticato?

Può essere Lotito a guidare il cambiamento. Può essere Lotito il numero uno occulto del calcio italiano?

Siccome, al di là della persona , dei suoi pregi e dei suoi limiti, sapere che il presidente della Lazio è anche l'uomo più potente del calcio italiano non fa bene a nessuno anche in chiave campionato.

I tifosi sono già scatenati, la cultura del sospetto è uno dei mali (o dei beni nel nostro caso) del calcio italiano, quindi il campionato che in pratica parte sabato è già falsato.

Immaginate i sospetti, immaginate cosa potrà succedere al primo favore per la Lazio. Il calcio italiano in grave difficoltà non ha bisogno di tutto questo, è necessario che Lotito faccia da subito un passo indietro.

E se non lo fa lui ci risulta che sia in atto un movimento di opinione attorno a diverse società e non solo tra quelle che non hanno appoggiato la candidatura di Tavecchio-Lotito.

Il presidente della Lazio, forse per carattere, è andato ben oltre quelle che dovevano essere i suoi compiti. E Tavecchio lo subisce.

Ma non soltanto molte società, anche fra gli arbitri l'imbarazzo sale, tanto più che Nicchi ha votato contro questa gestione.

Insomma, un grande pasticcio che rischia di far partire un campionato già falsato, pieno di rumors, di sospetti e di situazioni di difficile gestione.

Il presidente della Federcalcio dovrebbe essere sopra le parti, è intollerabile un presidente ombra: le riforme che vanno fatte urgentemente non possono essere demandate a Lotito, ma a una commissione della quale dovrebbero far parte tutti i presidenti, ma anche manager esterni.

Il presidente del Coni Malagò non ha nascosto ieri il suo imbarazzo e senza ledere l'autonomia della Federcalcio, ha detto cose sulle quali è logico riflettere.

E poi, come può l'Italia essere rappresentata da Tavecchio che non è in grado neppure di parlare davanti a una platea internazionale.

Per evitare che il campionato scoppi in mano a qualcuno, non c'è che da sperare in una rapida sentenza dell'Uefa sul caso di razzismo che condanni pesantemente Tavecchio e lo costringa alle dimissioni con susseguente nomina del commissario. Uefa, salvaci tu.

Nel frattempo l'Espresso in edicola si sofferma su Tavecchio e sulla Lega Dilettanti esprimendo perplessità su operazioni immobiliari fatte per conto di questa Lega con il prezzo di un appartamento forse fuori dai pressi di mercato.

In attesa di sapere, per il rinnovamento della Federcalcio e di tutto il pallone italiano servivano altri personaggi: la nostra convinzione è sempre più forte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Conte, no all'Inter. Sabatini pensa a Luis Enrique. Nainggolan e Manolas più vicini. Milan, Montella in bilico. Via senza Europa League. Roma, c'è Di Francesco 12.05 - Conte resterà al Chelsea, almeno così pare. Lo ha ribadito anche lui ieri facendo capire che dopo la Premier vuol provare a vincere la Champions e per chi vi scrive non è una novità. L’ho sempre capito (e scritto) dopo contatti, frasi, confessioni più o meno ufficiali. Non sono i...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.