HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni

18.10.2018 07:22 di Luca Marchetti   articolo letto 9051 volte
© foto di Federico De Luca

Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A.
Milan e Inter rappresentano la voglia di rinascita del calcio italiano. In un certo senso rappresentano anche il futuro, l'ambizione del nostro pallone. Quella voglia di tornare a giocare nel giardino che si considera proprio... Se la capofila di questo movimento è la Juventus, che con CR7 si è proiettata nell'aristocrazia europea, Milan e Inter vogliono arrivare lì, vogliono tornare lì. E sanno benissimo che non sarà un cammino semplice. Servirà grande competenza, grande pazienza, qualche intuizione particolare e una capacità gestionale e manageriale non indifferente.
Milan e Inter cercano il riscatto, il riscatto completo. Per farlo si sono "dovuti" affidare a una proprietà straniera. Agli antipodi, agli opposti. Una in Cina, l'altra in America dopo aver vissuto esperienze cinesi (?) non proprio edificanti, nonostante le promesse. L'Inter in mano alla famiglia Zhang, una delle più solide realtà dell'Est europeo che ha investito nel calcio prima che le necessità del governo cinese avesse poi altre intenzioni. Ma questo non ha impedito di fare investimenti di primo livello: non tanto e non solo nella squadra (visto che poi c'è da tenere in considerazione anche il FFP) ma sulle infrastrutture e settore giovanile. Il Milan in mano alla famiglia Singer, proprietaria del fondo Elliot, che di mestiere guadagna sugli investimenti quindi a maggior ragione vuole portare il Milan in alto, non soltanto per questioni di prestigio.
L'Inter dopo anni ha trovato un equilibrio (anche dirigenziale) che le ha permesso di costruire una squadra interessante, completa, ancora perfettibile (ci mancherebbe) ma già buona per dire la propria anche in Europa dove le cose si sono messe bene.
Investimenti oculati, prestito molto onerosi con diritti di riscatto hanno "sostituito" gli obblighi di un paio di anni fa. Ma soprattutto sono arrivati i gol della trequarti con Keita, Politano e soprattutto Nainngolan. E' arrivato un giocatore come Lautaro Martinez che ha già meravigliato. Ci sono due parametri zero come De Vrij e Asamoah che hanno dato solidità alla squadra. Il mercato dell'Inter è stato quasi chirurgico e allo stesso tempo ha modificato in maniera molto profonda la rosa. La sinergia fra allenatore e direttori è sembrata perfetta. E' un mercato che ha reso l'Inter più consapevole delle proprie qualità. Poi certamente è il campo a dire l'ultima parola e la vittoria con il Tottenham arrivata all'ultimo respiro in rimonta, con uno stadio che invitava all'impresa ha cambiato la testa dei giocatori nerazzurri che fino a quel momento non avevano certamente brillato.
Una vittoria del genere ancora in casa rossonera non è arrivata: non quella che ti fa svoltare. Ma il Milan si sta costruendo adesso. Giudicare il lavoro di Maldini e Leonardo non sarebbe giusto. Hanno lavorato per 30 giorni circa e sono intervenuti con dei colpi (Higuain su tutti) determinanti, ma dettati anche dalle esigenze del mercato. In realtà rispetto alla passata stagione mancava proprio un bomber (vallo a spiegare al Siviglia perché André Silva non andava bene) perché Gattuso si fida della sua squadra. E al vecchio Milan si possono fare molti rimproveri tranne quello di aver allestito una squadra mediocre. E' chiaro che Higuain cambia la faccia alla squadra, forse anche la mentalità. Ma il contorno, Gattuso compreso, è lo stesso. Ora i due dirigenti rossoneri stanno già lavorando per gennaio, arriverà Paquetà, sanno che devono dare il loro graffio a questa squadra. Una squadra che però ha la sua identità. E anche qui torniamo alla mentalità: sia Maldini che Leonardo ne hanno parlato molto soprattutto in avvio di stagione. La mentalità da Milan e nessuno meglio di loro due più Gattuso può darla alla squadra. Il famoso Milan ai milanisti che è sempre stato uno dei dogmi di Berlusconi.
Sul mercato si scontreranno e si incroceranno ancora, Milan e Inter. Inevitabile: perché hanno lo stesso obiettivo. Tornare grandi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi ha rifiutato Atletico e PSG! Braccio di ferro con il club per avere la Juventus? E attenzione: Conte ha chiesto tempo all’Inter: c’è dietro l’interesse del Milan che ha scaricato Gattuso e si propone per il post-Benitez? 24.04 - Si vis pacem, para bellum - dicevano i latini, e non solo Lotito. Se vuoi la pace, prepara la guerra. Se qualcuno davvero si possa essere fatto traviare dalla pace post-pausa internazionale tra Icardi e l’Inter, allora si è sbagliato di grosso. La notizia è che l’ex capitano...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510