VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

08.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22768 volte
Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

Marco Fassone ci ha creduto tanto in Paolo Maldini. E che il nulla di fatto di oggi non sia positivo per entrambe le parti, lo conferma il nuovo proposito dell'ad incaricato. Dopo Maldini, meglio congelare, più opportuno non proseguire. I piani B possono essere interpretate dalla critica come scelte B e questo non porterebbe nulla di buono, sia al prescelto che a chi lo presceglie. A meno che, anche se non è lo scenario in corso, al piano B non vengano aggiunte altre lettere. Piano B...aresi. Ha una voglia pazza di calcio, è già presente a tempo determinato nel Milan e il 16 Dicembre 1999 è stato eletto direttamente dai tifosi Rossonero del Secolo. La rosa delle bandiere sondate fino ad oggi, Demetrio Albertini a parte che ha da dirigente tanto duttile quanto esperto e consolidato visioni alternative ma non antitetiche, ha fatto parte di un gruppo di opposizione ad Adriano Galliani strutturato e vissuto quasi come una diretta emanazione dei social. Nell'ottica di chi si appresta ad arrivare, era doveroso partire da lì, un passo necessario per riavvicinare i tifosi al linguaggio e al mood della Società Milan. Ma questo non esclude altri ambiti e altri possibili metodi di scelta. Segnaliamo, all'insaputa dell'interessato evidentemente, che il carisma e il prestigio di Franco Baresi sono intatti. Agli occhi dei dirigenti avversari, della squadra e dei tifosi. Il Rossonero del Secolo non è contaminato, ha sempre coniugato la sua disponibilità professionale per il Club con il rispetto delle proprie idee di calcio e di Milan.

Prima della partita fra Italia e Spagna, è stato Beppe Marotta ad inaugurare il tema e a dirsi preoccupato per la sostituzione di un monumento come Gigi Buffon nella Juventus. E proprio nella prima gara successiva a questa frase, Gigi Buffon incappa in un errore perdonabile e rimediato, ma clamoroso, contro la Spagna. Successive alle frasi di Marotta, si sono diffuse voci di mercato sul possibile passaggio dell'erede designato in azzurro, Gianluigi Donnarumma, proprio alla Juventus. Che il Gigi Nazionale, il Re che non ha abdicato e che non sembra avere una gran voglia di abdicare, ne sia rimasto vagamente destabilizzato? Non vogliamo crederci, anche se l'errore sul gol di Vitolo non è certo da Buffon. In ogni caso, la priorità verificata di Gianluigi Donnarumma è una e solo una, prolungare con il Milan. Anche se dal punto di vista economico, dovrà esserci la massima attenzione e la massima disponibilità da parte del Milan.

C'è tutta una letteratura sui colpi di mercato in uscita di Walter Sabatini, il dirigente passato dalla rivoluzione alla risoluzione. Consensuale. WS ha piazzato non solo Marquinhos e Lamela, non solo Osvaldo e altri, ma soprattutto Bradley a 9 milioni. La cessione di Bradley è una di quelle che nel calcio italiano si fanno a zero. Invece lui l'ha fatta a 9, con ricca plusvalenza. E nella conferenza stampa dell'addio di ieri, abbiamo capito il perchè. Non vorremmo mai essere al tavolo di una qualsiasi trattativa, messi di fronte all'eloquio di Walter Sabatini. E' illuminante, magnetico, quasi ipnotico nella sua bravura verbale. Se ha presentato Bradley al Toronto con gli stessi voli dialettici e concettuali con cui ieri ha costruito la sua conferenza stampa d'addio, allora diventa tutto comprensibile. Nei suoi anni alla Roma, Sabatini ha vinto e perso, azzeccato e sbagliato. Ma, davanti ad un microfono, Sabatini è uno da uno fisso. Chapeau.

Gabigol. Punto. In realtà dovremmo già essere a capo. Arrivato con la medaglia d'oro olimpica al collo, presentato in pompa magna e accolto da una vernice pirelliana in grande stile. Al centro di un caso diplomatico fra Barcellona e Santos, Gabigol è l'unico dei tre punteri della Seleçaò olimpica da medaglia d'oro ancora in ritardo. Gabriel Jesus ieri ha fatto doppietta contro la Bolivia ed attende serenamente il suo passaggio al Manchester City dove verrà schierato prontamente, Neymar saltabecca da guizzi e gol con la maglia del Barcellona a prodezze analoghe con la Nazionale verdeoro di Tite. Per Gabigol, invece, un rigore in amichevole con il Lugano dopo una ventina di minuti scarsi contro il Bologna e una gara vissuta interamente in panchina a Roma. Gabigol va lanciato, esibito, sdoganato. Il prima possibile, possibilmente non con i tempi della quarantena di Brozovic.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.