VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il mercato fa la classifica, o è la classifica che fa il mercato? Analisi sulle big 5 del nostro campionato

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.04.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 25966 volte
© foto di Federico De Luca

Facciamo un gioco, proviamo a rileggere il mercato con il senno di poi. E' il lavoro più facile, giudicare in base a quello che abbiamo visto finora in campionato. Vedere veramente chi può sorridere, chi è cresciuto. Chi invece ha toppato. Chi ha fatto il salto più in alto. Chi invece dovrà necessariamente rimettere mano al portafogli (magari cedendo pure).
E sembra banale dirlo ma anche qui le prime tre della classe sono quelle con più luci che ombre. E forse i distacchi in classifica possiamo vederli anche in relazione a quello che è successo anche nelle finestre di mercato.
Prendete Napoli e Juventus, quindi. Intanto ognuna delle due squadre ha giocatori che se domani dovessero decidere di vendere (e non ne hanno intenzione) avrebbero a disposizione almeno 100 milioni di euro. E con quei soldi (come abbiamo detto la scorsa settimana) potrebbero ricostruire una squadra per intero. Da una parte (sponda bianconera) Cavani, Isco, Andre Gomes, Gundogan, Mkhitaryan, Lukaku, Goetze, almeno quelli conosciuti. Dall'altra (sponda azzurra) Andre Gomes, Maksimovic, Sportiello, Klaassen, Vecino, Kramer, giusto per rimanere su quelli che il Napoli ha certamente seguito.
Ma obiettivi di mercato a parte se valutiamo la rosa della Juventus anche i giocatori pagati molto (come per esempio Alex Sandro e Dybala) non solo hanno portato alla Juve dei risultati tecnici incredibili (le 20 partite vinte nelle ultime 21) ma hanno addirittura visto crescere il loro valore. Forse di tutti quelli arrivati in bianconero nelle ultime due sessioni di mercato quello che non ha fatto un salto di qualità (per il bilanci) è Hernanes, pagato all'ultimo giorno della finestra estiva 11 milioni di euro.
Anche il Napoli ha visto crescere i valori di mercato dei suoi giocatori più forti. Esempi? Koulibaly, Hamisk, Higuain, Jorginho. Anche Hysaj e Allan, arrivati nel mercato invernale. Insomma Sarri è riuscito a far rendere al meglio anche chi era stato acquistato dalle precedenti gestioni sportive (e questo è un tema ricorrente, anche altrove vedi Roma). Cosa invece non ha girato sono sostanzialmente due cose: i rincalzi (primo fra tutti Gabbiadini che però comunque era stato valutato almeno 25 milioni di euro dal Wolfsburg, e il Napoli disse no) e soprattutto i rinforzi di gennaio: sia Regini che Grassi non hanno fatto neanche un minuto con la nuova maglia. Come a dire: quando ci sarebbe stato bisogno di scalare l'ultimo gradino il Napoli non ce l'ha fatta. I motivi sono tanti e li abbiamo analizzati a lungo nei mesi scorsi. Sostanzialmente il Napoli non ha voluto farsi prendere in giro da nessuno e non ha trovato nessuno per cui valesse veramente la pena aprire il portafogli preferendo prenotare i propri obiettivi per la prossima sessione di mercato. E se questo ora potrebbe pesare sulla classifica, non necessariamente deve essere considerato un errore grave o l'unico motivo per cui in questo momento la Juve sta scappando.
Insomma il comprare tanto per comprare non funziona. Mai. Quando si compra bisogna essere convinti. Prendete la Roma. Alzi la mano chi avrebbe minimamente creduto che l'impatto di El Shaarawy e Perotti sarebbe stato questo. Sabatini ha covato questi acquisti a lungo, facendo diventare i due giocatori quasi un tormentone. Tanto che molti avevano delle perplessità concrete su quanto sarebbero stati utili. Hanno risposto sul campo. Ma qui è necessario fare un'altra valutazione: l'impatto di Spalletti. E qui torniamo al discorso di Sarri/Napoli. Il grande lavoro dei due allenatori di Roma e Napoli è stato quello non solo di continuare ad essere competitivi (o di tornare ad esserlo) ma anche di aver aumentato i valori di mercato dei propri giocatori. Certo vincere ha un altro sapore, ma vince solo uno. Essere in grado di poter avere una società solida è comunque altrettanto importante (almeno per il bilancio, che evidentemente non stuzzica l'entusiasmo dei tifosi però...).
E a proposito di giocatori che rendono o che invece si fermano. Prendete Eder: da tutti considerato come miglior acquisto del mercato invernale non è riuscito affatto ad imporsi in maglia nerazzurra. Dobbiamo parlare di acquisto sbagliato? A livello di rendimento certamente sì. Così come per altri giocatori nerazzurri (vedi Jovetic) sui quali Mancini aveva puntato molto per tornare ai vertici, almeno in Italia. I risultati non aiutano, ma i risultati sono la conseguenza del rendimento in campo. Sempre intrecciato con la capacità dell'allenatore, ovvio. E nella Milano nerazzurra siamo al limite. Alcuni hanno fallito (su tutti Kondogbia che non ha mai ingranato al 100%), altri non hanno pienamente convinto (Ljajic e Telles che difficilmente saranno riscattati). La sensazione è che si andrà incontro a un'altra rivoluzione, anche se il punto interrogativo più grande (non per la società, questo va sottolineato) è proprio la permanenza di Mancini se non con un progetto molto ambizioso (e concreto).
E a proposito di allenatori arriviamo al Milan. Mihajlovic (ormai pare evidente) ha un rapporto ai minimi termini con la presidenza. Addirittura se dovesse andar male (molto male) con la Juve potrebbe salutare in anticipo. Il presidente Berlusconi vuole Brocchi: è deciso in questa sua convinzione. Per un Milan italiano che peschi dalla sua Primavera. E' un percorso difficile, complicato, lungo. Non si può pretendere di vincere subito, ma la convinzione presidenziale si basa principalmente su due tre giocatori molto giovani che il Milan già ha e sui quali vuole costruire: Donnarumma, Romagnoli e Niang. Se a questi aggiungi Bonaventura, Bacca, De Sciglio (più gli altri componenti della rosa rossonera che saranno confermati) il disegno di Berlusconi non è molto lontano dalla realtà. Quello che forse è lontano è la spesa: scordatevi gli 80 milioni spesi la scorsa estate. Il mercato del Milan sarà diverso. Ma per tornare a Brocchi non mettete in soffitta l'idea di Di Francesco né tantomeno quella Lippi (che potrebbe essere il direttore tecnico rossonero, una sorta di guida per la prima esperienza di Brocchi sulla panchina dei "grandi")
Non sarà un caso quindi. Ma le ambizioni o le delusioni delle grandi vanno di pari passo con le scelte fatte sul mercato. Di pari passo con le scelte e le capacità dei loro allenatori. Il mercato ingloba e determina. Non solo i bilanci, anche le classifiche.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.