HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Il mercato, la Champions e il ruolo dell’Italia. Ecco cosa si impara dal doppio confronto contro le big spagnole...

05.04.2018 07:55 di Luca Marchetti   articolo letto 22401 volte
© foto di Federico De Luca

Di sorprese la Champions non ne fa, anzi. Soprattutto non le fa alle italiane, ma solo al Liverpool che comunque sotto la sapiente e “folle”guida di Klopp ha cominciato a costruire una squadra dalla mentalità gagliarda, dalla velocità spaziale unita alla tecnica e alla ferocia sottoporta. Guardiola è stato sconfitto dalle sue stesse armi, ma mixate in un modo diverso.
Le italiane sono state invece sconfitte dalle solite, di armi. Un CR7 che ormai abbiamo finito gli aggettivi e una tecnica, generalmente, troppo superiore. Una testa libera, poche preoccupazioni, capacità di gestire la pressione, il potere, la gloria. Il divario c’è, c’è sempre stato e chissà per quanto ci sarà. Abbiamo sperato, scritto, illuso che qualcosa potesse essere cambiato. Che chissà per quale strano motivo da Cardiff la Juve avesse trovato qualità e forze per rimettere in equilibrio la partita. Che la capolista della Liga potesse essere messa in crisi dalla Roma in piena rifondazione.
Le distanze ci sono, sono grandi. Non significa che Barca e Real siano imbattibioi (per le italiane), ma quasi. E la differenza forse più importante è sapere (e potere) trattenere i migliori. Alla Juve e alla Roma i grandi giocatori ci sono e sono passati. Non sempre sono rimasti. Prendete Salah, giusto per citarne uno, quello che ora sta regalando al Liverpool un grande sogno e che nel mondo è il giocatore che si è apprezzato di più. Ma non sempre Juve e Roma sono stati in gradi di trattenerli e spesso non per scelta. Questa è la vera grande differenza fra le italiane e le spagnole ora. Cristiano Ronaldo, all’inizio della sua carriera, avrebbe potuto firmare per la Juventus soltanto se Salas avesse accettato di far parte della trattativa andando allo Sporting Lisbona. Il tentennamento del cileno ha fatto in modo che ne approfittasse il Manchester United. Ma anche se CR7 fosse arrivato in Italia (giusto per fare un esempio, magari sarebbe cambiata completamente la storia!!!) non ci sarebbe rimasto a lungo. Soprattutto se arrivasse nell’Italia di ora. Per il momento la serie A, e anche le squadre più importanti della A, sono quasi un trampolino, delle tappe di passaggio, di crescita. La difficoltà (e la bravura) della Juve in questi anni è stata quella di rinnovarsi continuando a vincere. Non solo in Italia: continuando ad essere efficace anche in Europa. Ma dalla finale del 2015 alla partita persa contro il Real ci stanno dentro due Juventus diverse. E la Juve non è “costretta” a vendere. Almeno non dal FFP e grazie a un bilancio molto più strutturato rispetto alle altre italiane. Ma ha cambiato lo stesso: perché a certe offerte non puoi dire di no (Pogba, Vidal e Bonucci), perché certi affari erano strutturati così (Tevez e Morata), perché qualcuno considerava finito il proprio ciclo (Dani Alves, Evra o lo stesso Conte). Ha saputo rinnovarsi e continuare ad essere competitiva. Ma non sempre si può arrivare fino alla fine, soprattutto quando incontri i migliori, e anche in forma.
Così la Roma. Per rimanere al sicuro da sanzioni Uefa e per mantenere l’autofinanziamento ha venduto. Tanto. E giocatori anche forti, importanti, difficili da rimpiazzare subito. Ha cambiato anche allenatore, la scorsa stagione. Marquinhos e Salah di sicuro i più importanti. Senza dimenticare Pjanic, Benatia, Romagnoli e Paredes, giusto per citarne altri. Non sono state scelte semplici, sono state dettate dal mercato. Dalle necessità. Ma la serie A, spesso è diventata questa. A tutti i livelli: una vetrina. Per le squadre che sanno produrre o scovare talenti (come l’Atalanta o il Torino per esempio) e per quelle che sanno valorizzarli a livello internazionale. Pronti per farli arrivare a cifre da capogiro che solo i grandi e ricchi club possono permettersi. È difficile trattenere. È difficile creare un ciclo intorno a un gruppo allargato. La Juve ci ha provato intorno al gruppo italiano, quella BBBC (con Buffon) che è stata il minimo comun denominatore degli ultimi successi bianconeri. Ma la formazione (di massima) del Real e del Barca (negli ultimi anni) la sbagliate di un giocatore su undici e forse solo perché Neymar ha voluto cambiare aria.
È anche questo la differenza. Oltre al fatturato, alla potenza economica, a quella tecnica costruita nel corso degli anni, anche grazie alla capacità di trattanere. Di essere attrattivi. E questo però non dipende solo dal fascino della squadra, dalla storia, dai compagni o dalla città. Dipende anche dal campionato, dagli avversari, dalla competizione. Ecco perché un cambiamento generale servirebbe a partire da un circolo virtuoso per rendere il calcio italiano nel complesso più attrattivo. Altrimenti saremo costretti sempre ad inseguire. Perché mai come in questo momento business e calcio sono andati d’accordo. Essere più ricchi non significa vincere. Ma aiuta. Sicuramente. Hai più chanches. Un’italiana per vincere la Champions deve essere perfetta. Forse Real e Barca possono permettersi una sbavatura in più. Poi nel calcio succede anche che i meno ricchi vincano (vedi Siviglia con lo United o Liverpool con City) perché il pallone non è solo questione di soldi. Ma i soldi cambiano la possibilità di fare mercato o meno. O di fare un certo tipo di mercato. Per, eventualmente, cambiare la squadra. Poi bisogna essre bravi, e qui tornano le competenze. Ma comunque la vedi, la strada è sempre in salita. Rigori o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510