HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Il mercato, la Champions e il ruolo dell’Italia. Ecco cosa si impara dal doppio confronto contro le big spagnole...

05.04.2018 07:55 di Luca Marchetti   articolo letto 22399 volte
© foto di Federico De Luca

Di sorprese la Champions non ne fa, anzi. Soprattutto non le fa alle italiane, ma solo al Liverpool che comunque sotto la sapiente e “folle”guida di Klopp ha cominciato a costruire una squadra dalla mentalità gagliarda, dalla velocità spaziale unita alla tecnica e alla ferocia sottoporta. Guardiola è stato sconfitto dalle sue stesse armi, ma mixate in un modo diverso.
Le italiane sono state invece sconfitte dalle solite, di armi. Un CR7 che ormai abbiamo finito gli aggettivi e una tecnica, generalmente, troppo superiore. Una testa libera, poche preoccupazioni, capacità di gestire la pressione, il potere, la gloria. Il divario c’è, c’è sempre stato e chissà per quanto ci sarà. Abbiamo sperato, scritto, illuso che qualcosa potesse essere cambiato. Che chissà per quale strano motivo da Cardiff la Juve avesse trovato qualità e forze per rimettere in equilibrio la partita. Che la capolista della Liga potesse essere messa in crisi dalla Roma in piena rifondazione.
Le distanze ci sono, sono grandi. Non significa che Barca e Real siano imbattibioi (per le italiane), ma quasi. E la differenza forse più importante è sapere (e potere) trattenere i migliori. Alla Juve e alla Roma i grandi giocatori ci sono e sono passati. Non sempre sono rimasti. Prendete Salah, giusto per citarne uno, quello che ora sta regalando al Liverpool un grande sogno e che nel mondo è il giocatore che si è apprezzato di più. Ma non sempre Juve e Roma sono stati in gradi di trattenerli e spesso non per scelta. Questa è la vera grande differenza fra le italiane e le spagnole ora. Cristiano Ronaldo, all’inizio della sua carriera, avrebbe potuto firmare per la Juventus soltanto se Salas avesse accettato di far parte della trattativa andando allo Sporting Lisbona. Il tentennamento del cileno ha fatto in modo che ne approfittasse il Manchester United. Ma anche se CR7 fosse arrivato in Italia (giusto per fare un esempio, magari sarebbe cambiata completamente la storia!!!) non ci sarebbe rimasto a lungo. Soprattutto se arrivasse nell’Italia di ora. Per il momento la serie A, e anche le squadre più importanti della A, sono quasi un trampolino, delle tappe di passaggio, di crescita. La difficoltà (e la bravura) della Juve in questi anni è stata quella di rinnovarsi continuando a vincere. Non solo in Italia: continuando ad essere efficace anche in Europa. Ma dalla finale del 2015 alla partita persa contro il Real ci stanno dentro due Juventus diverse. E la Juve non è “costretta” a vendere. Almeno non dal FFP e grazie a un bilancio molto più strutturato rispetto alle altre italiane. Ma ha cambiato lo stesso: perché a certe offerte non puoi dire di no (Pogba, Vidal e Bonucci), perché certi affari erano strutturati così (Tevez e Morata), perché qualcuno considerava finito il proprio ciclo (Dani Alves, Evra o lo stesso Conte). Ha saputo rinnovarsi e continuare ad essere competitiva. Ma non sempre si può arrivare fino alla fine, soprattutto quando incontri i migliori, e anche in forma.
Così la Roma. Per rimanere al sicuro da sanzioni Uefa e per mantenere l’autofinanziamento ha venduto. Tanto. E giocatori anche forti, importanti, difficili da rimpiazzare subito. Ha cambiato anche allenatore, la scorsa stagione. Marquinhos e Salah di sicuro i più importanti. Senza dimenticare Pjanic, Benatia, Romagnoli e Paredes, giusto per citarne altri. Non sono state scelte semplici, sono state dettate dal mercato. Dalle necessità. Ma la serie A, spesso è diventata questa. A tutti i livelli: una vetrina. Per le squadre che sanno produrre o scovare talenti (come l’Atalanta o il Torino per esempio) e per quelle che sanno valorizzarli a livello internazionale. Pronti per farli arrivare a cifre da capogiro che solo i grandi e ricchi club possono permettersi. È difficile trattenere. È difficile creare un ciclo intorno a un gruppo allargato. La Juve ci ha provato intorno al gruppo italiano, quella BBBC (con Buffon) che è stata il minimo comun denominatore degli ultimi successi bianconeri. Ma la formazione (di massima) del Real e del Barca (negli ultimi anni) la sbagliate di un giocatore su undici e forse solo perché Neymar ha voluto cambiare aria.
È anche questo la differenza. Oltre al fatturato, alla potenza economica, a quella tecnica costruita nel corso degli anni, anche grazie alla capacità di trattanere. Di essere attrattivi. E questo però non dipende solo dal fascino della squadra, dalla storia, dai compagni o dalla città. Dipende anche dal campionato, dagli avversari, dalla competizione. Ecco perché un cambiamento generale servirebbe a partire da un circolo virtuoso per rendere il calcio italiano nel complesso più attrattivo. Altrimenti saremo costretti sempre ad inseguire. Perché mai come in questo momento business e calcio sono andati d’accordo. Essere più ricchi non significa vincere. Ma aiuta. Sicuramente. Hai più chanches. Un’italiana per vincere la Champions deve essere perfetta. Forse Real e Barca possono permettersi una sbavatura in più. Poi nel calcio succede anche che i meno ricchi vincano (vedi Siviglia con lo United o Liverpool con City) perché il pallone non è solo questione di soldi. Ma i soldi cambiano la possibilità di fare mercato o meno. O di fare un certo tipo di mercato. Per, eventualmente, cambiare la squadra. Poi bisogna essre bravi, e qui tornano le competenze. Ma comunque la vedi, la strada è sempre in salita. Rigori o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy