HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Il mercato, la Champions e il ruolo dell’Italia. Ecco cosa si impara dal doppio confronto contro le big spagnole...

05.04.2018 07:55 di Luca Marchetti   articolo letto 22342 volte
© foto di Federico De Luca

Di sorprese la Champions non ne fa, anzi. Soprattutto non le fa alle italiane, ma solo al Liverpool che comunque sotto la sapiente e “folle”guida di Klopp ha cominciato a costruire una squadra dalla mentalità gagliarda, dalla velocità spaziale unita alla tecnica e alla ferocia sottoporta. Guardiola è stato sconfitto dalle sue stesse armi, ma mixate in un modo diverso.
Le italiane sono state invece sconfitte dalle solite, di armi. Un CR7 che ormai abbiamo finito gli aggettivi e una tecnica, generalmente, troppo superiore. Una testa libera, poche preoccupazioni, capacità di gestire la pressione, il potere, la gloria. Il divario c’è, c’è sempre stato e chissà per quanto ci sarà. Abbiamo sperato, scritto, illuso che qualcosa potesse essere cambiato. Che chissà per quale strano motivo da Cardiff la Juve avesse trovato qualità e forze per rimettere in equilibrio la partita. Che la capolista della Liga potesse essere messa in crisi dalla Roma in piena rifondazione.
Le distanze ci sono, sono grandi. Non significa che Barca e Real siano imbattibioi (per le italiane), ma quasi. E la differenza forse più importante è sapere (e potere) trattenere i migliori. Alla Juve e alla Roma i grandi giocatori ci sono e sono passati. Non sempre sono rimasti. Prendete Salah, giusto per citarne uno, quello che ora sta regalando al Liverpool un grande sogno e che nel mondo è il giocatore che si è apprezzato di più. Ma non sempre Juve e Roma sono stati in gradi di trattenerli e spesso non per scelta. Questa è la vera grande differenza fra le italiane e le spagnole ora. Cristiano Ronaldo, all’inizio della sua carriera, avrebbe potuto firmare per la Juventus soltanto se Salas avesse accettato di far parte della trattativa andando allo Sporting Lisbona. Il tentennamento del cileno ha fatto in modo che ne approfittasse il Manchester United. Ma anche se CR7 fosse arrivato in Italia (giusto per fare un esempio, magari sarebbe cambiata completamente la storia!!!) non ci sarebbe rimasto a lungo. Soprattutto se arrivasse nell’Italia di ora. Per il momento la serie A, e anche le squadre più importanti della A, sono quasi un trampolino, delle tappe di passaggio, di crescita. La difficoltà (e la bravura) della Juve in questi anni è stata quella di rinnovarsi continuando a vincere. Non solo in Italia: continuando ad essere efficace anche in Europa. Ma dalla finale del 2015 alla partita persa contro il Real ci stanno dentro due Juventus diverse. E la Juve non è “costretta” a vendere. Almeno non dal FFP e grazie a un bilancio molto più strutturato rispetto alle altre italiane. Ma ha cambiato lo stesso: perché a certe offerte non puoi dire di no (Pogba, Vidal e Bonucci), perché certi affari erano strutturati così (Tevez e Morata), perché qualcuno considerava finito il proprio ciclo (Dani Alves, Evra o lo stesso Conte). Ha saputo rinnovarsi e continuare ad essere competitiva. Ma non sempre si può arrivare fino alla fine, soprattutto quando incontri i migliori, e anche in forma.
Così la Roma. Per rimanere al sicuro da sanzioni Uefa e per mantenere l’autofinanziamento ha venduto. Tanto. E giocatori anche forti, importanti, difficili da rimpiazzare subito. Ha cambiato anche allenatore, la scorsa stagione. Marquinhos e Salah di sicuro i più importanti. Senza dimenticare Pjanic, Benatia, Romagnoli e Paredes, giusto per citarne altri. Non sono state scelte semplici, sono state dettate dal mercato. Dalle necessità. Ma la serie A, spesso è diventata questa. A tutti i livelli: una vetrina. Per le squadre che sanno produrre o scovare talenti (come l’Atalanta o il Torino per esempio) e per quelle che sanno valorizzarli a livello internazionale. Pronti per farli arrivare a cifre da capogiro che solo i grandi e ricchi club possono permettersi. È difficile trattenere. È difficile creare un ciclo intorno a un gruppo allargato. La Juve ci ha provato intorno al gruppo italiano, quella BBBC (con Buffon) che è stata il minimo comun denominatore degli ultimi successi bianconeri. Ma la formazione (di massima) del Real e del Barca (negli ultimi anni) la sbagliate di un giocatore su undici e forse solo perché Neymar ha voluto cambiare aria.
È anche questo la differenza. Oltre al fatturato, alla potenza economica, a quella tecnica costruita nel corso degli anni, anche grazie alla capacità di trattanere. Di essere attrattivi. E questo però non dipende solo dal fascino della squadra, dalla storia, dai compagni o dalla città. Dipende anche dal campionato, dagli avversari, dalla competizione. Ecco perché un cambiamento generale servirebbe a partire da un circolo virtuoso per rendere il calcio italiano nel complesso più attrattivo. Altrimenti saremo costretti sempre ad inseguire. Perché mai come in questo momento business e calcio sono andati d’accordo. Essere più ricchi non significa vincere. Ma aiuta. Sicuramente. Hai più chanches. Un’italiana per vincere la Champions deve essere perfetta. Forse Real e Barca possono permettersi una sbavatura in più. Poi nel calcio succede anche che i meno ricchi vincano (vedi Siviglia con lo United o Liverpool con City) perché il pallone non è solo questione di soldi. Ma i soldi cambiano la possibilità di fare mercato o meno. O di fare un certo tipo di mercato. Per, eventualmente, cambiare la squadra. Poi bisogna essre bravi, e qui tornano le competenze. Ma comunque la vedi, la strada è sempre in salita. Rigori o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy