VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il Milan e il caso Bonera, uno che non possiamo considerare inferiore a Bonucci

Giornalista sportivo a Mediaset, è stato caporedattore di Tele+ (oggi Sky). Opinionista per Telenova e Milan Channel. I suoi libri: "Soianito", "La vita è una" con Martina Colombari, "Sembra facile" con Ugo Conti.
14.11.2014 00:00 di Luca Serafini  Twitter:    articolo letto 31044 volte
© foto di Federico De Luca

E' alla sua nona stagione in rossonero, ha vinto una Champions, una Supercoppa europea, un Mondiale per club, uno scudetto e una Supercoppa italiana. Conta 16 presenze in Nazionale. Il suo rendimento in questo campionato è ai minimi termini, inevitabile che la critica e soprattutto i tifosi siano spietati con lui. E' oggetto di scherno, insulti, vignette ironiche, un massacro mediatico dalle reti nazionali a quelle locali sino al più irrisorio dei social, che va di pari passo con prestazioni disastrose. A rincarare la dose di giudizi feroci, alcuni aneddoti che arrivano dallo spogliatoio nell'ultima stagione e nel primo periodo dell'era Inzaghi. Un calderone in cui rischia di annegare senza difendere nemmeno se stesso, perché preferisce il silenzio.
Eppure Bonera non è mai stato questo irriconoscibile giocatore. La sua parabola non è stata questa fino al 2014. Senza mai assurgere a livelli assoluti, si è sempre distinto per affidabilità e persino una certa duttilità tra il ruolo di centrale o terzino a destra o a sinistra. In un Milan ondivago come questo ogni errore ha un peso che ti schiaccia fino a stritolarti, in un momento di vita dello spogliatoio dove mancano guide e leader ogni spiffero ha la forza di un uragano. Non sottilizziamo le sue mancanze tecniche palesate in questi mesi tremendi, non sminuiamo l'incidenza che possono avere avuto e potrebbero ancora avere i suoi errori. Luca Antonini che pure non ha avuto la stessa storia e il suo pedigree con la maglia del Milan, fu scorticato fino a una cessione voluta quasi a furor di popolo. Dunque al bando qualsiasi forma di miopia nel vedere le partite e capire cosa succede.
Piuttosto, la situazione di Bonera ci fa riflettere per via della conoscenza di Daniele, scindendo il giocatore dall'uomo. Giocatore senza picchi, la carriera del quale non è comunque individualmente inferiore a quella di Bonucci fino a prova contraria. Uomo sostanzialmente mite, educato, impegnato nel sociale, ottimo padre di famiglia, forse nell'episodio raccontato da Amelia fu condizionato dall'insofferenza per le proprie magagne così crudelmente sottolineate dai fatti e dalla critica, appunto. Non si tratta di una difesa d'ufficio, già quelle nei confronti di Pirlo e Ambrosini e di Inzaghi in questi mesi ci procurano accuse di amicizia miope e condizionante. Stiamo solo prendendo atto dell'inasprimento dell'atteggiamento dei tifosi milanisti storicamente buonisti verso chi comunque qualcosa alla causa e alla maglia ha dato, nella sua vita professionale. Pensiamo che oggi per Bonera basti e avanzi la panchina in attesa di un ritorno a un'accettabile affidabilità, senza linciaggi. E che forse si potrebbe anche pensare a un incoraggiamento più affettuoso che caloroso una volta che questa bufera gli finisse alle spalle. Siamo i primi a ritenere che in questo momento solo Alex e Rami concedano qualche garanzia a Pippo Inzaghi nel pacchetto dei centrali. Ma mentre Mexes e Zapata paiono patologicamente irrecuperabili, forse un minimo lavoro di restauro psicologico, atletico e quindi di rendimento nei confronti di uno che è giunto al nono anno di milizia si possa anche fare. In fondo Daniele Bonera ha 33 anni, gli manca poco. Quel poco sarebbe importante gestirlo al meglio, per sé e per il Milan.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.