VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Il Milan, la Juventus, l'Inter e Kondogbia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
09.04.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29737 volte

Leggiamo da sempre Giampaolo Pansa. E abbiamo apprezzato, da umili osservatori, la grinta monferrina con cui il grande casalese si rivolgeva qualche decennio fa a Giorgio Bocca sui problemi delle concentrazioni editoriali dell'epoca: "Ma parla per te Giorgio" e così via. Mutatis mutandis e scendendo clamorosamente di livello, il "parla per te" perdendo anche la pazienza lo utilizziamo anche noi, modestamente e impropriamente quanto volete ma lo facciamo nostro per qualche riga. O giornalista interista, ma parla per te. Il Milan deve giocare con la Juventus, che c'entra l'Inter? Nulla, assolutamente. E poi il giornalista interista, almeno formalmente, non è l'Inter. Il fatto è che, è sempre Pansa che insegna, il troppo stroppia. Capito che conosci le tabelline, le percentuali, gli excel di tutti i mercati del Milan e capito, che in epoca di incazzature, qualche tifoso milanista ti cita addirittura come esempio perchè dici..."la verità". Ma almeno per qualche attimo e almeno noi nel nostro piccolo, andiamo oltre. Ma a chi continui a dare lezioni? Al Milan? Forte della tua Inter che negli ultimi tre anni è arrivata nona, quinta, ottava e adesso è ancora quinta, a chi devi continuare a spiegare come si fa il mercato? Su chi continui ad alludere, mostrando bene il sasso e tenendo la manina ben riposta? Al Milan e a Galliani che negli ultimi anni sono arrivati terzi, ottavi, decimi e adesso sono sesti? Fai pure. Il Milan oggi non è più cohibentato, è bellamente e continuamente infiltrato, per cui si può fare tutto. Ma sdottorare sul Milan e su Galliani, dopo aver definito un esempio di mercato intelligente il mercato di Vidic (!), Dodò (!), M'Vilà (!!!), Osvaldo (!) e Medel, è francamente il massimo. L'esempio che stiamo facendo non è di simpatia o antipatia personale, ne l'arrampicata sugli specchi o la classica sindrome da accerchiamento. E' una foto. Una istantanea. E' l'aria strana che respirano i Suso, gli Acerbi, i Torres, i Saponara, gli El Shaarawy, persino i Birsa. Quando arrivano vengono citati da tanti tifosi e addetti ai lavori, compreso l'Osvaldiano come esempio della spectre societaria o della casualità con cui vengono portati i giocatori in rossonero, quando vanno via e raggiungono lidi in cui c'è fiducia, serenità, compattezza e possono finalmente dimostrare il loro valore, ecco che gli stessi, rinforzati dall''M'Vilaiano ironizza sulla loro partenza. Comunque stia pure tranquillo il nostro Vidiciano, non è Mihajlovic il responsabile di tutto. Tanto è vero che il management sportivo, la squadra e tutta Milanello sono con lui e tifano per lui oltre che per il Milan. Mesto ieri il Mister? Non lo conoscete, dentro di se vuole spaccare tutto. E sa perfettamente che se porta i risultati può stare, con convinzione, tutela e protezione, nel Milan anche nella prossima stagione. Certo, che siano la Juventus e in fondo anche Allegri, criticatissimo ai tempi rossoneri dallo zizzanioso (grande Piero Ausilio, visto come li faccio becchi?) giornalista interista di cui sopra, gli arbitri di cotanto destino, non è il massimo che Sinisa o chiunque altro al suo posto possa augurarsi. Ma l'uomo può affrontare questo ed altro. Con buona pace della quantità industriale di rutti liberi che si riversano sul Milan, al netto dei problemi, delle contraddizioni, degli errori vissuti e commessi in questi anni. E con buona pace del buon Kondogbia. Che illustra, come fondamento delle proprie scelte di vita, la differenza fra il quinto e il sesto posto di oggi fra Inter e Milan. Siamo pigri e indaffarati, per cui non ci ricordiamo se fosse presente nell'ultimo derby di Milano e il motore di ricerca non funziona, magari è rimasto anche lui al palo. Ma al buon Kondogbia non stiamo per dare una buona notizia: non tanto a noi che non siamo nessuno e che non contiamo nulla, ma è ai suoi tifosi che va bene lo stesso se lui c'è o non c'è. Al contrario del tifosi del Milan per i quali se Kucka c'è o non c'è cambia molto, cambia tutto o quasi. Ecco questo è il segno dei tempi sta pensando il Dodoiano, nel suo incedere prevedibilissimo. Può essere, ma per chi avesse dei dubbi è proprio lui Kucka, è quello che sfrecciava per un ora senza mai essere preso sia nel derby di Settembre che in quello di Gennaio. E' quello che è costato tre milioni e non trenta tolti gli "spiccioli", ma soprattutto quello che parla poco e pensa tanto ad allenarsi e a correre. Si fidi Kondo, è un buon esempio da seguire.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.