VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
19.03.2017 08.18 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 48977 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee.
La Roma in campo europeo è la stessa di sempre: non regge la pressione. Rende vane buone prestazioni e qualche impresa, come quella del Madrigal, con black-out che non hanno spiegazioni razionali ma che si ripetono con una ciclicità disarmante. Perché il secondo tempo di Lione è uguale alla sconfitta interna col Porto dello scorso agosto, alla disfatta di Manchester o ai sette gol incassati all'Olimpico contro il Bayern Monaco. C'è sempre un motivo per perdere la testa, per rimandare a data da destinarsi un salto di qualità che chissà se arriverà mai.
Discorso diverso per il Napoli, che ha pagato un sorteggio sfortunato. Ci ha provato contro il Real Madrid, ma la disparità di forze in campo era evidente. Troppe frecce nell'arco di Zidane per pensare di avere la meglio, troppo forti i campioni d'Europa contro un Napoli divertente che ha pregi e limiti ben delineati. De Laurentiis può prendersela solo con l'urna di Nyon perché questo è il livello della sua squadra: ha un gioco spesso entusiasmante, ma mancano i campioni per poter anche solo ipotizzare, o accarezzare, il colpo grosso in Italia e in Europa.

E allora resta solo la Juventus, purtroppo. E la colpa non è certo della società di corso Galileo Ferraris, l'unica che tiene il passo con le big europee. Una mancanza di rappresentanza e competitività preoccupante che fa emergere con chiarezza un dato: solo la Milano calcistica può tener testa ai bianconeri. Solo Inter e Milan, oltre alla Juventus, hanno storicamente la capacità di competere a pari livello e spesso battere le più accreditate rivali europee.
Lo dice la storia, lo ribadiscono i numeri. In Serie A Juventus, Milan e Inter hanno conquistato quasi il 75% degli Scudetti da quando esiste la Serie A a girone unico e in Champions League (o Coppa dei Campioni) nessuna squadra italiana - oltre a queste tre - ha mai vinto.
Solo il ritorno ad altissimi livelli della Milano calcistica può spezzare questo noioso monopolio e ridare vivacità a un campionato che non ha troppo da dire. Sia in testa che in coda.

C'è, inoltre, un 'regalo' da difendere. Quello che la UEFA con la nuova regolamentazione ha consegnato anche alla Serie A per evitare la nascita della 'Superlega'. A partire dalla prossima stagione, garantito alle prime quattro leghe (ranking alla mano) l'accesso alla Champions League successiva senza passare per i preliminari per le prime quattro in graduatoria.
Un aiuto importante per il calcio italiano, che ormai arriva regolarmente alla fase a gironi con due sole squadre. Un assist per rilanciare l'intero movimento che non può essere dissipato, ma che resta a rischio fin quando il rendimento dei club nostrani resta quello attuale. Simile o a volte peggiore rispetto a quello di una Francia che ha ancora due squadre in corsa (Monaco in Champions, Lione in Europa League) e incalza anche grazie a una competitività interna che quest'anno è cresciuta.
E allora, ancora una volta, non resta che affidarsi alla Juventus. Con la speranza che le grandi assenti tornino quanto prima a dare una mano alla Vecchia Signora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.