VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli è troppo brutto per esser vero e bene ha fatto Benitez a usare il pugno duro dopo il pareggio contro il Palermo. Caro Rafa, potresti caricare la squadra ricordandogli la finale di Champions vinta col Liverpool contro il Milan

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
28.09.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22921 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Troppo brutto per esser vero, troppo deludente per non intervenire. Finalmente è successo che Rafa Benitez decidesse di abbandonare la mano morbida e quella teoria permissiva messa in discussione dopo l'eliminazione dalla Champions. Con una squadra scottata e depressa (forse anche distratta) e con i risultati che continuavano ad essere deludenti, era arrivato il momento dell'inevitabile giro di vite. Annullato il giorno di riposo per la prima volta durante l'era Benitez e pure le chiacchiere profuse in sala stampa a mo' di simposio sul mondo del calcio, da ieri sono state (forse) definitivamente bandite. Risposte secche ed un abbondante utilizzo di monosillabi hanno lasciato intendere che da questo momento il coach parteciperà alle conferenze stampa sol perché previste da programma, ma il suo principale obiettivo sarà quello di far parlare il campo. Con i fatti ed i risultati che questa squadra è in grado di ottenere, nonostante l'avvio di stagione triste e con pochissime ragioni per sorridere. Ecco, il nuovo corso di don Rafè ci piace molto, improntato com'è al privilegio della sostanza, alla scelta del pugno duro quando serve ed all'utilizzo dei ricordi per caricare una squadra oggi in crisi di identità. Perché no, alla suo gruppo attuale potrebbe ricordare cosa fece, ma soprattutto cosa disse, nello spogliatoio del Liverpool che perdeva 3-0 contro il Milan in finale di Champions. Spiegare come fece ad evitare il tracollo psicologico di Gerrard e Xavi Alonso, cosa disse per convincerli a tornare in campo con la consapevolezza di riuscire in una rimonta oggettivamente improbabile. Quella sera proprio non riusciamo ad immaginare Benitez con la lavagnetta tra le mani spiegando ad ognuno dei suoi calciatori se dovese spostarsi un po' più a sinistra o se restare mezzo metro al centro. No, certamente in quella notte irripetibile avrà sguainato la scimitarra, indicando il corridoio che portava al terreno di gioco e che quella sarebbe la strada per la gloria che loro e soltanto loro avrebbero potuto conquistare. Con il cuore, con l'orgoglio ed un appetito che in quel momento al Milan era già venuto via. Ne avrà sicuramente tanti altri di aneddoti vissuti lungo l'arco di tutta la sua carriera di allenatore da garantirsi una vasta gamma di opzioni per caricare il Napoli nelle prossime partite e fino a quando non avrà ritrovato la serenità che manca attraverso il raggiungimento dei risultati. Tre sfide nell'arco di otto giorni, importanti per non dire fondamentali, di certo utili a garantire quella spinta che occorre per cambiare il senso di un campionato troppo simile al peggiore periodo di De Laurentiis per poter essere vero ed accettabile. L'inizio della stagione 2009-2010 fu identico, però quel Napoli aveva come obiettivo massimo il ritorno in Europa League attraverso il quinto, sesto posto (cosa che poi avvenne con Mazzarri), perché il valore della squadra di più non consentiva di pensare. Ma il Napoli di adesso è cosa ben diversa, tanto da convincere De Laurentiis all'utilizzo del sostantivo "scudetto" e Benitez ad assecondarlo (in parte) con l'espressione: "Non dobbiamo aver paura di parlarne". Avranno sicuramente ragione loro, perché il Napoli visto all'opera nelle prime sette sfide stagionali è davvero troppo brutto per essere vero. O forse troppo distratto per lottare su tutti i palloni ed in ogni partita. Ecco perché ci piace immaginare che, a partire dalla sfida con il Sassuolo, ci sia Benitez a lanciare l'assalto con la sciabola tra i denti, nel mentre De Laurentiis si gode di buon mattino lo spettacolo da Los Angeles.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.