VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli troppo pieno di sé deve ritrovare l'umiltà! Solo con lo spirito corporativo potrà pensare a quel terzo posto che Benitez insegue per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata come "fallimentare"

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
17.05.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 19656 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di volare, per poi precipitare. La notte di Kiev è arrivata come un incubo per il Napoli che si era illuso di decollare da Capodichino per Varsavia, sorvolando beatamente i cieli dell'Ucraina. Un errore gravissimo di sottovalutazione, ancor più se commesso da un allenatore esperto come Rafa Benitez. Gli avversari non si suddividono tra quelli da snobbare e quelli per i quali valga la pena impegnarsi, la schedatura è molto più banale e veritiera: gli avversari sono tutti uguali, perché ognuno di loro farà di tutto per portare via i tre punti in palio. E allora rieccoci qua, col culo a terra per un tonfo diventato frastuono a causa dell'alta quota nella quale il Napoli aveva deciso di rimanere, pur sapendo di essere a corto di carburante per i troppi chilometri percorsi. E' stata sufficiente una turbolenza minima, una squadra chiamata Dnipro per farci cadere in picchiata e svelare tutti quanti i nostri limiti, quelli che invece credevamo fossero qualità. Sembrava fosse sicurezza nei nostri mezzi, invece era solo presunzione. Quell'incomprensibile senso di superiorità che ci aveva costretto a concedere 27 punti alle formazioni che in serie A vanno dall'undecimo al ventesimo posto e che "ci può stare" l'errore dell'arbitro o che il calcio italiano sia di "m...", ma mai e poi mai si è elevato un mea culpa di Rafa Benitez. Sempre più rubizzo in volto, segnale evidente della compressione interna di chi vorrebbe esplodere. Sarà cosa buona e giusta dare corso alle parole di De Laurentiis, mai come quest'anno interventista alla luce dello scollamento che da troppo tempo emerge all'interno di un gruppo diventato pentola a pressione. Per quieto vivere non è stato ripristinato il ritiro punitivo, segno evidente che il presidente voglia confidare nella professionalità dei calciatori ai quali è stato garantito il premio Champions pur conquistando il terzo posto. La vil pecunia per raffreddare la temperatura di uno spogliatoio diventato pentola a pressione: sarà sufficiente per il miracolo di fine maggio? Si può fare, purchè il Napoli dopo le chiappe metta anche e soprattutto i piedi a terra. L'umiltà è l'arma per l'insperato traguardo, "uno per tutti" da celebrare nonostante certe insofferenze palesi o nascoste. Come la clamorosa ed esagerata sfuriata di Higuain a Parma, o l'espressione delusa di Hamsik seduto in panchina a Kiev, oppure Zapata spedito in Tribuna senza una spiegazione su questa scelta suicida per una gara importante come può esserlo una semifinale di Europa League. E che dire della qualità del gioco? Il fantomatico e mai visto Tiqui Taka è diventato qualcosa che non ha né forma e né nome: il gioco del Napoli passa attraverso il lancio lungo dal piede del difensore centrale oppure con il cross degli esterni nelle aree di rigore sempre troppo affollate di difensori. Il gioco palla a terra, quello che serve per esaltare la qualità degli attaccanti azzurri, è stato disinnescato da chi ormai conosce a memoria il prevedibile sistema di gioco del Napoli. Ora, però, va tutto azzerato per il bene comune di un traguardo che potrebbe attutire il tonfo provocato da una stagione vissuta troppo pericolosamente dopo l'eliminazione precoce per mano del Bilbao ed un mercato estivo che aveva fatto meditare l'addio a Benitez. Con queste premesse è già tanto se ancora adesso si stia puntando ad un obiettivo comunque di prestigio come il terzo posto in serie A, l'ultima chance che ha Benitez per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata sotto la voce "fallimentare".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.