VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il nostro calcio è morto: retroscena di quello che succede ma nessuno dice. Roma, Garcia fallimentare ma Sabatini è complice. Verona, Setti dovrebbe mandare a casa i Direttori

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
30.11.2015 11.45 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 88653 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Se avessi dedicato la mia domenica pomeriggio ad un sano riposino avrei recuperato qualche ora di sonno. La domenica, ormai, è diventata inutile. Poche partite, spezzatino inutile anche per i diritti tv all'estero e qualità espressa in campo sempre più approssimativa. Il calcio italiano è in declino, ma - se prima era un lento declino - adesso sta diventando vertiginoso. Siamo malati, quasi terminali e non possiamo far finta di nulla solo perché nel 2006 abbiamo vinto un Mondiale, perché la Juventus è arrivata lo scorso anno in finale di Champions e nel ranking stiamo raggiungendo gli inglesi. Dobbiamo parlare del sistema, quello non funziona e ognuno di noi deve provare a fare il massimo per salvare un'industria e uno sport che trascina un intero Paese. Non dobbiamo commettere l'errore di crederci invincibili e insuperabili solo perché siamo dell'idea che "tanto il calcio in Italia non muore mai". Il basket è un gioco straordinario e 10 anni fa era il secondo più seguito in Italia. Ha sbagliato tutte le scelte politiche e in pochi anni è diventato inguardabile, almeno per noi italiani. Cerchiamo di fare una vera analisi del male del calcio italiano; abbiamo un obbligo: non cadere in facile e inutile retorica e dobbiamo provare a far arrivare un messaggio ai veri potenti del calcio italiano. Siamo ancora in tempo, perché tra poco si cambiano i Presidenti e la lotta politica è appena iniziata. Non possiamo far finta di nulla se il 35% dei soldi del sistema ogni anno finisce nelle tasche sbagliate. Mi spiego: i Direttori Sportivi non fanno (quasi) mai gli interessi del club. Il primo obiettivo è fare cassa (la loro), il secondo è fare carriera, il terzo è ottenere risultati sul campo. Non vi siete chiesti come mai oggi, in Italia, un Direttore è più ricco di un calciatore medio? In serie A i soldi si perdono nelle losche operazioni di mercato tra Direttori e procuratori amici. Conti all'estero e movimenti utili a sistemare i bilanci. In serie B i soldi spariscono nei mancati pagamenti delle tasse, dove il 70% delle società paga una parte dei compensi a nero evitando i conti più salati. Se un calciatore guadagna 100, in B, alla società costa almeno 200. A questo punto la società paga 40 in bianco e 60 in nero, sul lordo paga 80 e nel sistema 120 vanno in fumo in un amen. Fate una moltiplicazione con tantissimi zeri e capirete che con quei soldi avremmo potuto costruire stadi e impianti. In Serie C i calciatori hanno perso anche la dignità. Pagano colpe altrui e non proprie. Per portare a casa qualche soldo molte volte sono costretti a sconfinare nell'illegittimo e oggi la media di uno stipendio di Lega Pro è di 1.200 euro. Gli allenatori pagano pur di allenare. Sono costretti a portare sponsor o vantaggi alla società, altrimenti rischiano stop interminabili con carriere compromesse per sempre. La serie A per 8 anni ha avuto un Presidente dimissionario, la Lega Pro pensava di aver risolto con l'addio di Macalli tutti i problemi della serie C e adesso non prende mezza decisione con il Commissario Miele. La Federazione è stata sfiduciata ancor prima di avere la fiducia e non c'è nessuno che prenda una decisione. Il blocco del sistema e la crescita che non arriverà mai sono dati oggettivi. Ai potenti del nostro calcio chiediamo di prendere decisioni, poi ovviamente alcune saranno sbagliate perché non chiediamo dei geni al potere ma almeno qualcuno che si assuma una responsabilità per non far morire questo sport. I club guadagnano solo dai diritti televisivi. I botteghini sono sempre più vuoti e di merchandising non si vive... si muore! Gli stadi sono obsoleti e poco funzionali. Andare a vedere una partita dal vivo comporta enormi difficoltà logistiche. I settori giovanili sono destinati ad un rapido declino e i nostri ragazzi non potranno mai crescere se non aumenta il tasso di competitività dei tornei. Ogni week end vediamo partite della Primavera finire 5-0 (Inter-Salernitana), 7-0 (Latina-Avellino) quando invece servirebbe un campionato Primavera con tutte le squadre di serie A a sfidarsi tra loro con conseguenti play off scudetto e retrocessioni con le squadre di serie B. Se non vogliamo le seconde squadre almeno procediamo velocemente ad una riforma semplice ma sostanziale. I procuratori bravi lavorano, quelli scarsi dovrebbero essere cancellati dal calcio italiano perché fanno solo danni. Bisognerebbe regolamentare bene la professione del procuratore perché se domani mattina mi sveglio e voglio assistere il mio vicino di casa che è un talento naturale non posso farlo. Bisogna studiare ed avere un certo pedigree. Il procuratore è molto più importante di quello che può apparire. Rischia di rovinare, in un colpo solo, sia il calciatore che la società. Quando parliamo di Mino Raiola pizzaiolo è una provocazione-invidia nei confronti di un uomo che si è fatto da solo. Raiola è antipatico e spocchioso come pochi ma è bravo e professionale. In ogni Paese dove lavora ha un ufficio legale top per assistere i suoi giocatori con contratti milionari. Un altro male sono i Direttori Sportivi che si fanno raccomandare per lavorare ma poi quando iniziano ad operare fanno danni. Sabatini è la piovra del calcio italiano. Come scrivemmo tempo fa su tuttomercatoweb, si muove come Luciano Moggi. Sistema i Direttori amici in club amici, fa saltare trattative di mercato quando le stesse sono condotte da procuratori non amici e le riapre passandole a procuratori amici. Non sono stato chiaro? Peccato, perché le operazioni sono chiarissime. Alla Sampdoria c'è Carlo Osti, uomo di Sabatini, che sta facendo più danni del suo mentore. A Como è stato esonerato il fratello Carlo e a Roma gli americani iniziano a preparagli la valigia. Senza valigetta. Garcia ha gettato vergogna su tutto il calcio italiano. La Roma in giro per l'Europa, con le big, sta rimediando solo umiliazioni. A Barcellona si può perdere, ma senza giocare sembra davvero troppo. Sabatini difende l'indifendibile e non ha ancora capito che, a breve, gli americani gli faranno fare la stessa fine che meriterebbe di fare il francese. Sabatini sbaglia, quasi sempre, la scelta dell'allenatore ed è un pessimo gestore della settimana. Ha un buon occhio ma quello non basta per fare il Direttore Sportivo. Sarebbe preferibile fargli fare l'osservatore per qualche top club europeo ma tenetelo lontano dalla gestione del gruppo. Fino a qualche anno fa, con Lotito e Zamparini era un uomo ombra, adesso crede di essere diventato Moggi con l'eccezione che uno fuma le sigarette e l'altro i sigari. Il sistema Sabatini rischia di saltare con i pessimi risultati ottenuti sul campo. Il Verona crolla miseramente e il Presidente Setti se la prende con Mandorlini ma non si chiede come abbiano fatto Gardini e Bigon a distruggere una squadra così, portandola alle soglie di una retrocessione inaspettata. Gardini ha prima lavorato alle spalle di Sogliano per farlo fuori, poi ha individuato un Direttore di poco spessore per prendere in mano tutta la gestione del club ma non aveva fatto i conti con le sue competenze. Si è preso una bella gatta da pelare. Adesso che non può nascondersi dietro Sogliano dovrebbe spiegare come ha fatto a far crollare in questo modo il Verona. Ci sono anche Direttori Sportivi bravi che riescono a dare lustro alle proprie società. Giuntoli a Napoli rappresenta il top, Sartori a Bergamo lavora bene sul mercato e sulla gestione del gruppo, Capozucca a Cagliari ha il controllo di tutto dall'alto della sua esperienza, Marotta e Paratici ottengono risultati sul campo e nel bilancio, Ausilio è giovane e competente, Castagnini a Brescia sta rientrando nel giro dalla porta principale e Giannetti a Frosinone ha dimostrato che con la chiarezza delle idee si può andare avanti, fregandosene del pensiero degli altri (compreso il nostro). Potremmo discutere e scrivere per ore ma se non risolviamo i veri mali del nostro calcio non avremo mai un futuro roseo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.