VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il pane e salame di Sarri meglio del caviale di Benitez. Chiediamo scusa a Pradè e a Firenze. Attacco a Infront: ecco come vogliono far saltare il calcio. "Pazza serie B"

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
19.10.2015 18:26 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 59073 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Tra serie A, serie B e Lega Pro è stata una giornata emozionante. Le conferme arrivano dal Milan che non riesce ad avere uno sprazzo di gioco e dal Torino dell'era Cairo che con il Milan non riesce mai a vincere. Il Verona di Bigon è in una difficoltà pazzesca nonostante investimenti importanti. A Carpi hanno capito che sarà solo una passeggiata mentre a Frosinone sognano perché quei 7 punti fanno ben sperare per il futuro. A Bologna è buio totale. Corvino deve intervenire perché, se pensa di difendere Delio Rossi fino alla morte, rischia di saltare insieme al tecnico. Ci arrivano voci di un Delio bollito pronto per il prepensionamento. Forse non ha più cattiveria né voglia di combattere. Sta di fatto che questo Bologna ha un elettroencefalogramma piatto. Destro rischia di finire la carriera prima di cominciarla e sarebbe grave fare un pessimo campionato con una proprietà così forte alle spalle. In Lega Pro si nota il Pisa scaltro di Gattuso che perde 2-0 a Carrara ma rimonta e pareggia 2-2: bravo Rino. La rivelazione è nel girone B dove Mister Bucchi porta la Maceratese al secondo posto momentaneo dopo il 3-2 al Teramo. Una squadra costruita dal Mister fatta con due peperoni, senza dirigenza e con una proprietà anomala. Crolla la Feralpisalò con la Reggiana mentre Pea a Cremona torna alla vittoria. Piano piano, nel girone C, esce il Matera di Padalino che ha fermato il Benevento, ma di problemi da risolvere ce ne sono ancora tanti. Andiamo ad analizzare, però, lo spot della domenica.

-AVEVAMO RAGIONE NOI-
Un mese fa a Napoli disertavano il San Paolo e insultavano De Laurentiis. Due anni prima osannavano Benitez. Diciamo che ognuno deve fare il proprio mestiere. Il tifoso faccia il tifoso, l'allenatore faccia l'allenatore (meglio se è bravo) e il Presidente faccia il Presidente. A Napoli, ieri, erano di nuovo in tantissimi al San Paolo. Se i tifosi fanno i tifosi, il Napoli ha 6-7 punti in più in automatico in classifica. Ieri è stato uno spettacolo e anche chi ha perso deve essere fiero dei suoi 90 minuti. Sarri si è presentato con la valigia di cartone e un anno di contratto. Attenzione: giudicare il lavoro di una società o di un allenatore sulla base dei risultati è pura follia. Gli addetti ai lavori hanno il compito di andare oltre il risultato. Altrimenti prendiamo mia nonna Lucia, le diciamo che il Napoli ha vinto e lei vi risponderà "allora è forte il Napoli". Ad un allenatore come Sarri va dato del tempo, la cosa che ci stupisce è che sembra che gliene serva meno del previsto. Il suo gruppo prevedeva che ruotasse attorno a Valdifiori, invece il Napoli si è ritrovato a ruotare attorno ad Allan. Quando c'è il brasiliano in campo il Napoli vince. Ha ridato entusiasmo al gruppo, ma soprattutto ha dato un ruolo ad Insigne e ha ridato le giuste motivazioni a Marek Hamsik. Patrimoni del Napoli che Rafa da Madrid aveva bruciato, in due anni di pessima gestione. Il salame nel pane a Napoli lo preferiscono. Il caviale con lo champagne è roba da ricchi di cui sinceramente possiamo fare anche a meno. La pizza, la bufala e il pane invece non possono mancare sulla tavola azzurra. Sarri ha portato un salame che profuma di caviale. Il Napoli gioca bene, concretizza e ha sistemato con gli stessi difensori una difesa che fino a un mese fa era ridicola. Lui è il maestro del gioco senza palla, i movimenti con la palla lontana e la linea difensiva gestita in una certa maniera. Ha impiegato un mesetto ma poteva richiedere molto più tempo. Ad Empoli Valdifiori era indispensabile per il gioco di Sarri, adesso Allan è il termometro perché in fase difensiva si conferma il leader nel recuperare palloni, come già faceva ad Udine, ma al contrario di quello che gli veniva chiesto in Friuli, Sarri lo manda molte più volte ad inserirsi in area; ottimi movimenti senza palla e tante occasioni per diventare anche un cecchino. Complimenti anche a Sarri. Un altro cresciuto a pane e mortadella. Anche lui all'inizio ha avuto delle difficoltà, nella gestione di De Guzman e nella pressione mediatica subita al suo arrivo a Napoli. Poi, invece, ha capito le regole del gioco e ha iniziato a fare il suo mestiere. Punti oscuri non ce ne sono. Fin quando vinci va bene tutto, quando e se il Napoli non vincerà più rinfacceranno a Sarri lo scarso utilizzo di Gabbiadini.

-NON AVEVAMO RAGIONE NOI-
Dieci, cento, mille complimenti anche alla Fiorentina. A prescindere da come andrà il campionato devo ammettere che il mercato della Fiorentina non l'avevo proprio capito. Sembrava un'accozzaglia di gente pescata in giro per il mondo con un allenatore che avrebbe avuto bisogno di mesi per ambientarsi nel nostro campionato. Mentre a Napoli, forse la maggiore conoscenza di Sarri e Giuntoli, ci ha permesso un certo ottimismo, a Firenze non avevamo capito la strategia di Pradè. A giudicare i singoli e il gioco di Sousa ci inginocchiamo sui ceci. Questa Fiorentina vola. Lo diciamo dopo una sconfitta. Impressiona per il ritmo che ha durante tutta la gara e fa ben sperare per come vola sulle corsie laterali. Se fossi un top club seguirei la Fiorentina solo per vedere come gioca Alonso. Kalinic è stato un acquisto capolavoro. Per lo scudetto crediamo che alla fine saranno coinvolte sempre le solite squadre ma Fiorentina e Napoli quest'anno non dovranno porsi limiti. La squadra che ha giocato meglio, finora, è la Fiorentina. Unico dubbio: i viola rendono quando hanno un ritmo altissimo, dovendo giocare in tre competizioni quanto durerà questa intensità? Speriamo a lungo perché è un belvedere.

-TUTTI GIU' PER TERRA-
Merita un approfondimento l'inchiesta che coinvolge Infront Italy e diversi Presidenti di serie A e serie B. Proviamo a fare delle riflessioni e a dare il nostro contributo, preferibilmente sensato. La Procura della Repubblica mette nel mirino Infront e la gestione dei diritti tv e da lì allarga l'indagine ad alcune società di calcio. Nel tritacarne finiscono Galliani, Paparesta, Preziosi e Lotito. Report, trasmissione settimanale di inchiesta di Rai 3, la scorsa settimana inizia la sua nuova stagione e si occupa della materia. Sembra tutto studiato e tutto ha un filo logico. Il potere che oggi contrasta altri poteri non si può allargare ulteriormente. Si avvicinano le elezioni del Presidente federale, il Presidente della Lega di serie A e tre anni volano per poi ridiscutere dell'assegnazione dei prossimi diritti televisivi. La materia è complicata. Il ruolo di Infront nel nostro calcio non è importante bensì determinante. Senza i soldi recuperati sul mercato da Infront Italy, la serie A sarebbe morta. Da due anni. Di conseguenza anche la B e la Lega Pro. Giochi finiti tutti a casa. Infront si è dovuta inventare un modello nuovo di fare business, nessun altro è riuscito a portare più di 1 miliardo e 200 milioni nelle casse dei club e oggi, come sempre, si prova a sparare al più forte. In Italia non vale la regola "se corro più veloce di te sono bravo" ma vale la regola "se tu corri più di me l'obiettivo deve essere di tagliare le gambe al competitor". Solito schifo. Infront non ha bisogno di difese di ufficio ma sui diritti Tv ha portato a casa il miglior risultato della storia. Non ci raccontiamo storie inutili, come "anche qualcun altro al loro posto avrebbe ottenuto lo stesso risultato" perché il passato insegna che non è così. Si parte sempre da una legge (Melandri n.d.r.) scritta male e interpretata peggio. A Infront si contesta la gestione dei tabelloni a bordo campo di diverse società italiane. Se non ci sono più soldi da raccogliere a livello locale l'unica soluzione era il famoso pacchetto "vuoto per pieno". Se trovo uno sponsor e gli vendo solo il Bari porto a casa 1.000 euro ma se allo stesso sponsor propongo di finire sui campi di Milan, Lazio, Genoa, Bari, Udinese etc etc forse quello sponsor non solo mette 1.000 euro ma ne metterà anche 10.000. Ora la Procura indaga su Preziosi, Lotito e Galliani. Qui il discorso cambia. Se Infront procaccia sponsor e diritti tv e i club gestiscono male questo patrimonio allora è un'altra partita. Preziosi finisce sempre in tutte le mischie e ci ha stufato, Lotito è sempre sulla linea di fuorigioco e Galliani è il vero capo del calcio italiano. Da 30 anni. Ben vengano le indagini, servono per farci capire e per farci sapere quello che non sappiamo. W le inchieste e soprattutto avanti con la pulizia nel nostro calcio. Ma ci auguriamo che sia una pulizia diversa da quella di Catania, dove Pulvirenti ha pagato ma tutti gli altri sono rimasti Santi in Paradiso. Discorso diverso riguarda i soldi finiti, come anticipazioni, nelle casse dei club. Quello sarebbe un aspetto molto grave per eludere la Covisoc ma la Covisoc è una società che andrebbe rifondata, senza motivo di esistere che spara sui piccoli e difende i poteri forti dove la vicinanza con alcuni Presidenti è un dato di fatto. La Procura della Repubblica dovrebbe indagare prima sulla Covisoc e più sui club. Lì si divertirebbe un mondo.

-SERIE B, TUTTO RIBALTATO-
Quando il Livorno volava raccomandavamo prudenza. Con Panucci in panchina e Spinelli in tribuna c'è sempre qualcosa da temere. Il Livorno gioca male e subisce tanto. Stupisce il Crotone di Juric. Sarà il nuovo Carpi? Probabile ma quando parti così forte è più difficile arrivare in fondo con la stessa forza. La B è un campionato strano. Molto. Ho visto dal vivo il Cagliari del mio amico Rastelli. Squadra di altra categoria ma se i calciatori sardi credono di poter vincere con i cognomi sulla maglia, Rastelli farà fatica. In B devi prendere e devi dare calci. Devi correre e sudare sulla prima palla e soprattutto sulla seconda. Il Cagliari deve guardarsi meno allo specchio e finire più volte sul taccuino degli arbitri. In casa squadra imbattibile, in trasferta trova avversari che daranno sempre il 101% nella partita dell'anno. Comunque non avrà problemi, alla lunga, perché nettamente più forte delle altre. Quando hai in panchina Di Gennaro e Cerri e a casa Sau ti metti le mani nei capelli. L'Avellino è penultimo con qualche difficoltà difensiva di troppo: 7 gol subiti al Partenio, nelle ultime due gare, sono troppi. Certamente non è la squadra dello scorso anno ma ora bisognerà prima pensare a salvarsi e poi a sognare annate come quella dello scorso campionato. Sempre più giù la Salernitana. Il problema è Torrente. Il Como fatica ed è sfortunato. Il Vicenza perde a Vercelli ma le squadre di Marino fanno sempre paura mentre al Pescara manca solo una certa costanza di rendimento per iniziare a volare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.