VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il paradosso dell'Inter e le riflessioni su una stagione quasi gettata al vento. Suning decida non solo sul tecnico ma su tutti i ruoli della dirigenza e prenda esempio da due big della Serie A

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
06.11.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 26177 volte
© foto di Image Sport

Con il buon Fabrizio Biasin (sì, i nostri messaggi privati non sono granché eccitanti) ci sfidiamo a suon di titoli burleschi su Twitter. 'Non è un paese per Vecchi'. 'Oggi lavoro Interinale'. 'Visto che figata La Scala a Pioli?'. E mentre dibattevamo sulla paternità di 'Tronchetti dell'infelicità', l'Inter metteva in scena uno dei più grandi paradossi dell'era recente del pallone nostrano. Casting, audizioni, un Inter-Factor made in China che di buono ha solo i ringraziamenti di penne e commentatori che così non hanno dubbi su come aprire giornali, siti e telegiornali. La verità è che i problemi di questa Inter nascono a monte. Un tecnico come Roberto Mancini scelto e voluto dal vecchio proprietario, Massimo Moratti. Un allenatore come Frank de Boer scelto dall'ex socio di maggioranza, Erick Thohir. Il finale, al di là del successore dell'olandese, era già scritto dall'inizio, perché i progetti si costruiscono col tempo e non con improvvisazione.

Non si glorifichi l'eventuale scelta azzeccata di Suning, tra Stefano Pioli, Walter Zenga, Gianfranco Zola, Guus Hiddink, Marcelino o Marco Silva. Quel che verrà di buono sarà, d'ora in poi, in questa stagione dell'Inter, solo e soltanto frutto del caso. Dell'improvvisazione. Quel che arriverà di storto e di stonato, sarà il normale prosieguo di un progetto che è sbagliato definire tale, di una realtà che è più un paradosso che qualcosa di concreto. Prendete gli undici titolari 'tipo' dell'Inter: Handanovic, Ansaldi, Miranda, Murillo, poi un terzino tra Santon, Nagatomo e D'Ambrosio. Due mediani? Joao Mario e uno tra Kondogbia, Medel e Felipe Melo, e già così terremmo fuori Brozovic e pure Eder e Gabigol se nella trequarti mettiamo Candreva, Banega, Perisic e Icardi in attacco. La formazione c'è, tutta. Son tutti giocatori di spessore, il problema è che non c'è parvenza alcuna di un concetto che nel calcio qualcosa, ci insegna il passato, dovrebbe contare. L'Inter non è una squadra.

L'Inter ha tante anime. Troppe anime. Nessuno scheletro. Ben vengano gli investitori dall'estero, perché le frontiere sono solo un freno allo sviluppo di questo mondo e chi vuol alzare mura per fermare il domani che ci viene incontro è il primo a farci scontrare, a farci del male. Ben vengano i cinesi, ma capisca Suning che il calcio non è solo azienda. O che, almeno, devono esistere delle gerarchie ben definite. Mettete sulla scacchiera tutti i protagonisti della dirigenza interista: Jindong Zhang, proprietario e numero uno di Suning. Jun Ren, suo braccio destro. Steven Zhang, figlio di Jindong. Yan Yan, vice CEO dell'Inter. Giovanni Gardini, direttore generale. Piero Ausilio, direttore sportivo. Javier Zanetti, vicepresidente del club. Erick Thohir, presidente dell'Inter. Massimo Moratti, ex presidente che però ha spesso voce in capitolo così come Marco Tronchetti Provera, CEO di Pirelli, main sponsor dell'Inter. Michael Bolingbroke, ad americano del club. Poi Kia Joorabchian, potentissimo agente iraniano e fidato consigliere di Suning.

Chi decide? Chi ha l'ultima parola? Che voce in capitolo e che potere hanno gli altri? Fosse stato per Moratti e per Zanetti, Leonardo sarebbe il tecnico dell'Inter. Fosse per Gardini, invece, Mandorlini mentre Ausilio vota Pioli. Joorabchian all'inizio optava per Hiddink, tra le altre opzioni ha Marco Silva e Vitor Pereira. Suning in primis ha pensato a Fabio Capello, in Cina gli è stato consigliato Walter Zenga, apprezza anche l'idea Marcelino ma sogna Diego Pablo Simeone a fine anno. Il tutto, in una parola. Confusione. Caos. Disordine. Piero Ausilio è tra i migliori direttori sportivi d'Italia per conoscenze e rapporti ma così, in questa Inter, la sua figura viene sminuita. Che credibilità può avere, esternamente, un ds che sceglie un tecnico, nella fattispecie Pioli, e al quale vien detto "sì, ma facci sentire cosa ci dice il nostro consigliere?". Scansati, giusto per prosare termini di moda in questi giorni. Non piacevole, ma è la realtà di casa nerazzurra, con la proprietà che già programmava i primi summit milanesi mentre la dirigenza era in Inghilterra.

Suning abbia il coraggio e la forza di scegliere. Prenda un esempio che non può che essere la Juventus. Deleghi le decisioni a due dirigenti forti, un dg o CEO che dir si voglia, e il mercato a un direttore sportivo. Poi tutti i club hanno gli agenti con cui lavorano meglio, con cui fanno gran parte delle mediazioni. Però di questi non devono diventare schiavi altrimenti poi i nodi vengono al pettine e si riflettono su un rendimento sbagliato sul terreno di gioco. Suning ha individuato in Joorabchian il riferimento per il mercato? Scelga un allenatore-manager e intraprenda un progetto inglese con l'iraniano consigliere esterno come sussurrano faccia James Pallotta alla Roma con Franco Baldini. Ausilio ha e avrà mille strade aperte per il futuro, in Italia e all'estero, non è quello il punto e il problema.

Tra i tanti nomi usciti è difficile sceglierne uno giusto. Riccardo Ferri, che l'Inter l'ha conosciuta in passato, ha suggerito di optare per uno che conosca già l'ambiente o quanto meno l'Italia. Pioli, meglio ancora Mandorlini, Zenga. Non scaldano i cuori? Tant'è, il progetto sembra scritto. All-in su Simeone in estate (ma verrà, nel caso, senza Europa?). Per il momento, Suning faccia la scelta che ritiene meno sbagliata. Quella di fare i casting in versione talent è una pantomima che non rende onore al nome dell'Inter. Per i cinesi errori di gioventù, perdonati. Ma occhio, perché il calendario va avanti. Inesorabile. Questi giorni di colloqui sono solo giorni persi e la panchina a Inter-im di Vecchi è solo un'altra giornata buttata per costruire una parvenza di squadra.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.