VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il ritiro fa incazzare i calciatori ma porta risultati, ben venga la disputa tra Benitez e De Laurentiis se ora il Napoli può vincere l'Europa League

26.04.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 17419 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La ragione oltre l’esultanza. Cosa o chi avrà permesso al Napoli di passare dal rendimento sciagurato di 2 punti in 5 partite di campionato alla striscia virtuosa di 3 vittorie ed un pari, con 12 gol segnati e l’approdo alla semifinale di Europa League con tanto di umiliazione alla quale è stato sottoposto il facoltoso Wolfsburg? E’ stata la rabbia dei calciatori, quella che Benitez aveva etichettato come frutto amaro della clausura imposta dal presidente. “Il ritiro punitivo fa incazzare la squadra”, la considerazione di Rafa Benitez corrisponde al vero, ma è sprovvista del seguito, cioè degli effetti che tale collera ha prodotto in termini di risultati. Allora diciamolo: il ritiro fa bene. Ma solo quando la squadra smarrisce intensità, concentrazione, la reattività che nella competizione ognuno deve naturalmente sviluppare. Diciamo pure che dall’8 aprile i rapporti tra Benitez e De Laurentiis si sono incrinati fino al punto che potrebbe diventare di non ritorno. Diciamolo, perché la verità è scomoda e va sempre riferita a dispetto degli zotici che infangano la categoria dell’informazione, perché solo guardandosi negli occhi si chiariscono gli equivoci e si ricomincia a vincere. Al Napoli è successo questo e proprio nel momento decisivo, quando si rischiava di fallire tutti gli obiettivi raggruppati in pochi giorni. Se l’eliminazione in semifinale di Coppa Italia è stato il sacrificio necessario al gran finale, allora ben venga che quel trofeo passi in altre mani. La scossa c’è stata, è arrivata forte e probabilmente lascerà il segno a fine stagione. Almeno è servita a rimettere in moto il Napoli che ha riacquistato aggressività ed appetito. In gran parte del campionato ha trovato la porta avversaria solo nel 37,72% dei tiri, mentre nelle ultime 4 gare la stessa percentuale è salita al 64%. E, se gente come Higuain, Callejon e Gabbiadini trova la porta, difficilmente sbaglia. Grazie anche alla loro vena realizzativa il racconto della stagione partenopea può entrare nel vivo, dopo una lunga serie di capitoli smunti e privi di pathos che sembravano il preludio ad un esito scontato e deludente. Ora tutto è possibile, pure che Benitez rimanga a Napoli per un altro anno. Sarà difficilissimo, soprattutto se dovesse riportare in sede la Coppa Uefa che manca dal 1989: sarebbe complicato per don Rafè fare di meglio nella stagione a venire. Pure se De Laurentiis dovesse accettare le condizioni pretese dal coach: mettere mano nel business plan e gestire con ampi poteri le risorse previste per il mercato. Non accadrà, perché in Italia non funziona così e con De Laurentiis ancor meno. La risposta è arrivata dalle indiscrezioni piovute in settimana e di questo accordo che il patron avrebbe trovato con Mihajlovic per allenare il Napoli nei prossimi due anni. Magari non diventerà contratto, come accadde quando De Laurentiis si piombò a casa di Gasperini per incassare il sì ad allenare il Napoli dal quale Mazzarri stava per allontanarsi a causa delle divergenze sulle strategie societarie per potenziare una squadra che nella stagione successiva avrebbe disputato la sua prima Champions League. Alla fine tutto rientrò e Mazzarri rimase per altre 2 stagioni. Potrebbe ripetersi la storia? Manca poco tempo, ma ancora troppe partite importanti per prendere una decisione delicata. Varsavia è un capolinea ormai all’orizzonte e la sconfitta della Roma contro l’Inter permette di riavvicinare la mente alla zona Champions, senza rodersi il fegato per le tante occasioni sprecate in campionato. Aurelio, Rafa, Sinisa….


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.