VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il segreto (svelato!) di Conte, il destino (non scontato) di Seedorf, la scelta (clamorosa...) di Mazzarri: ecco che fine faranno i tecnici di Juve, Milan e Inter. Intanto Prandelli ha un'idea per Chiellini

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
13.05.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 83379 volte
© foto di Federico De Luca

Oggi è dura. Durissima. Mister Malesani per intenderci direbbe: "Ma quale mollo e mollo, caSSo!".
Tutto il cucuzzaro ruota attorno alle tre grazie: Conte, Mazzarri, Seedorf. E ai loro eventuali sostituti, ovviamente. La totale mancanza di certezze da parte di noialtri giornalisti e la contemporanea spocchia che mai ci farà dire "oh, io non so una minchia...", semmai "io so cose assai esclusive ma me le tengo per me perché me lo impone l'Fbi", ha dato vita a straordinarie leggende metropolitane.
Per dire: qualcuno spergiura che Mazzarri abbia deciso di mollare l'Internazionale per diventare Fra Walter al termine della stagione. Al convento francescano prescelto pare che sia suonato un allarme bestiale: "Non pretenderà mica di fare l'allenatore alla prossima Clericus Cup??? Col suo 3-5-2 perdiamo secchi con i Carmelitani che notoriamente giocano Scalzi e ci fanno un mazzo tanto".
Su Seedorf gira qualunque cosa, in particolare ognuno ha la sua idea sulla vera motivazione che ha convinto il Berlusca a farlo fuori. La più accreditata racconta di Seedorf che, in visita ad Arcore, avrebbe avuto un alterco insanabile con il cane Dudu al grido di "sono io il prediletto di Silvio! Fatti da parte!". E lui: "Bau!".
Sul caso Conte invece son tutti concordi: il mister bianconero avrebbe preteso l'acquisto sul mercato di Conchita Wurst, il trans fresco vincitore dell'Eurovision e, si dice, ottimo attaccante. Il no di Marotta al grido di: "Scusa Antonio ma Giovinco non capirebbe" starebbe portando al divorzio.

Ma non è il caso di sbrodolare troppo col cazzeggio, perché c'è molta carnazza al fuoco.
E, dunque, partiamo da Seedorf. Ieri Galliani ha chiamato l'allenatore. Galliani: "Pronto Clarence? Volevo chiederti scusa per tande portuali esposti in zone tombali salendo Atalanta...". Seedorf: "Eh?". L'ad avrebbe quindi fatto partire il pernacchione riservato alle vittime della Supercazzola.
Ok, serietà. Nella serata di sabato il mio fido collaboratore Francesco Perugini ("fido" per una curiosa somiglianza con il cane bulldog) ha parlato al telefono con Seedorf. A domanda precisa ("si sente con le spalle al muro?") il tecnico ha risposto con un sibillino "in questo momento non mi è utile parlare". Sticazzi, direte. La stessa cosa che ho detto all'ottimo Perugini che, pungolato nell'orgoglio, ha strappato qualche altra dichiarazione in ambiti vicinissimi al presidente Berlusconi. Da quello che abbiamo avidamente estorto, il patron sarebbe furibondo per il mancato utilizzo del 4-3-1-2, schema gradito al patron e che l'olandese ha scelto di utilizzare solo di recente come a dire "provo a mettere una pezza". Troppo tardi: la contemporanea entrata a gamba tesa di un gruppo di giocatori e di gran parte della dirigenza, avrebbe convinto il patron a cambiare guida tecnica al termine della stagione. Con chi? A furor di popolo s'alza in cielo il nome di Inzaghi Pippo, ma a quanto pare lo stesso Berlusca non sarebbe affatto convinto. Piace anche Donadoni, ma non al punto di mettersi a questionare con il Parma. Insomma, non ci sono certezze. Ecco allora che la verità prende forma: al momento Berlusconi non ha scelto il sostituto di Seedorf e al di là della sconfitta di Bergamo tiene aperta una porticina per la conferma dell'olandese. Lo so, questa cosa la scrive solo il sottoscritto oltre a qualche matto di quelli che di giorno bevono il Tavernello come fosse acqua frizzantina ai "giardini Montanelli" di Milano, ma permettetemi di insistere su due fronti:

1) Berlusconi è rimasto parecchio infastidito ma concretamente non ha ancora deciso. Da qualche parte nella sua testa gira una voce "e se davvero avessi scoperto il nuovo Capello? Lo mando via solo perché non ci ha portato in Europa League dal dodicesimo posto?".

2) Ad oggi non c'è ancora un motivo così significativo che ci possa far dire "al Milan prendono una scelta legittima". Seedorf è costato e costerà tanti quattrini, sa comunicare, ha tifosi e numeri dalla sua parte. Certo, forse talvolta ha sbagliato nella scelta di alcuni giocatori, ma anche in questo caso la faccenda è opinabile. Per capirci: se tieni in panchina Cafu o Zambrotta sei un pazzo da rinchiudere, se invece pensi che Bonera sia meglio di Abate, al massimo hai detto la tua pensando (pazzo!) di essere l'allenatore. Che poi la faccenda è tutta lì: quando il Milan vince (ultimamente è capitato spesso) è "merito del gruppo", se perde è "colpa di quello là". Staremo a vedere.

Ora Mazzarri. Qui si naviga a vista.
Il punto di partenza di Thohir: Lo confermo, ma solo perché altrimenti mi tocca liquidarlo. Quello di Mazzarri: Resto, ma solo se mi prolungano il contratto.
È chiaro che il punto di incontro al momento è lontano. È anche vero che in caso di rottura non è contemplato un piano B.
In passato Thohir ha fatto sondaggi all'estero, ma in mano non gli è rimasto nulla. E, allora (detto con estrema finezza) "so' cazzi". Andare avanti con un tecnico che non piace alla piazza e non piace al presidente è un azzardo in perfetto stile "Allegri 2013-2014". Da parte sua lo stesso tecnico non sembra così convinto di voler proseguire. C'è chi dice "potrebbe andare a Roma in caso di fuga di Garcia". Francamente sembra uno scenario folle, ma non si sa mai. La sensazione in ogni caso è che alla fine le strade di Walter e Beneamata si separeranno: Sinisa già incrocia le dita.

Infine Conte. Qui tocca andare a sensazioni e abboccamenti: Conte tira la corda, esagera, è petulante, sta facendo arrabbiare parte dei suoi stessi tifosi, ma in concreto dice cose vere e condivisibili. Entrare nello stesso spogliatoio a luglio e dire "ciao ragazzi, passate bene le ferie? Ah, a proposito: quest'anno dobbiamo vincere lo scudetto con almeno 103 punti. E la Champions, ovvio" non è strategicamente ammissibile. Serve una rimescolata sostanziosa alla rosa, è necessaria una piccola rivoluzione nei nomi e nell'atteggiamento tattico. Se la sente la società?
Conte ha in gran parte ragione, ma il problema è che certe cose non si dicono in pubblico, a meno che non si tratti di un piano concordato con la società per qualche strampalato motivo (e non è questo il caso). Conte mette (giustamente) le mani avanti: "Non chiedetemi la luna" ma alla fine resterà a Torino, ne siamo moderatamente convinti. Sarà che inzigato da noialtri sulla questione, un certo Luciano Moggi ci ha risposto così: "Ti ho detto che restaaaaaa, hai finto di rompere le palleeee*?". Io: "Se mi dice una cazzata non verrò a trovarla alla casa di riposo". Lui: "Brutto fijo di...".
*(il termine "palle" sostituisce con una certa eleganza il termine originale, il cui suono ricorda da vicino il noto cantautore Baglioni).

In conclusione una considerazione a testa per "salvi" e "mazzulati" del campionato.
Sassuolo: senza il buon Malesani (non si offenda, gli vogliamo bene) gli emiliani sarebbero ai preliminari di Champions. Del resto il calcio è una jungla, caSSo.

Bologna: raramente noialtri abbiamo visto tanto impegno e abnegazione per andare incontro alla retrocessione. Peccato non essere riusciti a vendere ai cinesi anche la Torre degli Asinelli, insieme a Diamanti veniva fuori una plusvalenza bestiale.

Livorno: spiace per la città, non per quei poveracci che hanno attaccato Pepitone Rossi al grido di "al Mondiale in carrozzella". Ma zio mannaro, si può essere così fetenti?

Catania: tafazzismo allo stato puro.
Non possiamo lasciarvi evitando un appunto all'ottimo Prandelli (senza ironia). Giusto un mese fa chiesi al ct: "Mister, e se un azzurrabile tira un pugno all'ultima giornata e si becca tre turni che facciamo?". E lui: "Il codice etico è chiaro, sono stufo di giocatori che non sanno mantenere il controllo sul terreno di gioco". Ma forse ho capito male, forse intendeva "giocatori che non sanno masticare il capocollo sul tendone di fuoco". "Eh?". E clamoroso risuonò il pernacchione supercazzolaro insieme al relativo codicillo, inserito strategicamente tra le righe piccole del regolamento: "In caso di Supercazzola l'azzurro squalificato può comunque andare al Mondiale".
Così chioserebbe l'illuminato Checco Zalone: "Siamo una squadra fortissimi/ fatta di gente fantastici/ e nun potimm' perd'/ e fa' figur' e mmerd'" (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.