VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il Viperetta "convince" Montella e nessuno si chiede come abbia fatto. I "Treni del Gol" sono scomparsi a Catania e il futuro giudiziario di Conte resta appeso ad un filo. Tavecchio, i problemi oltre le banane...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.11.2015 12:39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 76775 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Quando Tavecchio parlò delle banane ci aveva quasi preso. La sua fu una frase razzista e gli stava costando la pelle. Le banane, però, qualcosa c'entravano perché - se Tavecchio avesse detto che siamo "la Repubblica delle banane" - non avrebbe offeso nessuno e avrebbe detto la sacrosanta verità. Siamo stati in grado di far passare i mali del calcio e della Federazione per le frasi di Tavecchio. Certo, chi ricopre un ruolo istituzionale dovrebbe contare fino a mille, ma se vogliamo parlare dei veri problemi del calcio italiano non ci dobbiamo soffermare su Tavecchio che oggi c'è e domani no. Molti tifosi della Samp & Doria (come la chiama Ferrero sui social network) inneggiano il Presidente per aver portato Montella a Genova. Senza dubbio è stato un gran colpo ma perché nessuno, tra Lega e Federazione, entra nel vivo della vicenda e si chiede come mai un personaggio che finisce su Dagospia, un giorno sì e l'altro pure, debba essere considerato credibile. Ferrero fa cinema, insulta le persone e gestisce la Sampdoria senza guardare al domani. Un Presidente che si vede pignorati conti e case come può permettersi uno dei 3-4 allenatori giovani più quotati sul mercato italiano? Vogliamo delle risposte e non le vogliamo da chi ci prende in giro. La Federazione deve vigilare, la Covisoc deve controllare. Non siamo contro la Sampdoria. Così come in estate non eravamo contro il Palermo e lo scorso anno non eravamo contro il Parma. Il tempo cambierà l'opinione dei tifosi. Oggi lo vivono come un attacco alla propria squadra del cuore, domani capiranno che erano semplici avvertimenti dove la puzza di bruciato arriva forte al nostro naso. Ferrero, per il calcio italiano e per l'economia italiana, non può essere considerato personaggio credibile. All'inizio con i suoi show faceva anche ridere, ma Garrone che ha lasciato la gloriosa Sampdoria nelle mani del Viperetta deve tutelare il club. Volpi è considerato il fantasma di Genova, Briatore sta per uscire allo scoperto e Montella torna con il suo aeroplanino. Perché le istituzioni non intervengono con un'indagine su Ferrero? Ci diranno che ha tutti i requisiti per permettersi una società di serie A e ci metteremo, una volta per tutte, l'anima in pace. Non ci siamo messi l'anima in pace per i "Treni del gol" e continueremo fin quando non avremo risposte. I tifosi del Catania ci odiavano quando attaccavamo ferocemente il duo Pulvirenti-Cosentino. Stavano ammazzando il Catania e non spiegavano come mai un dipendente (Cosentino) comandasse più del proprietario. Siamo arrivati talmente in fondo al tunnel che il Catania, in due anni, è passato dalla quasi Europa alla serie C. Però non ci piacciono le inchieste a metà. In Italia funziona sempre così. In estate non avevamo nulla da scrivere e abbiamo dipinto il mostro Pulvirenti come l'unico male del calcio italiano. I numeri delle maglie dei calciatori erano i binari, i calciatori che si erano venduti le partite avrebbero dovuto smettere di giocare a calcio e oltre il Catania sarebbero arrivati deferimenti per tutti gli altri club coinvolti. Siamo a metà novembre: non c'è più una riga su un giornale perché ormai l'argomento non interessa più a nessuno. I calciatori presumibilmente coinvolti hanno trovato una squadra nuova e delle altre società sotto inchiesta non si è più saputo nulla. Un calcio senza giustizia, dove interessa solo fare rumore mediatico per una bomba ad orologeria che esplode quando vuole. Il Catania ha pagato come giusto che fosse ma, ancora oggi, non abbiamo capito i fatti come sono andati e quanti calciatori fossero coinvolti nell'inchiesta. Sembrava la fine delle serie B e abbiamo fatto credere ai tifosi italiani che di partite vere in B ogni settimana ce ne sono due, massimo tre. E invece non è così. In serie A, con l'Atalanta, gioca regolarmente Masiello che sotto confessione ammise di aver realizzato un autogol nel derby Bari-Lecce. Dalla Procura di Cremona abbiamo visto arresti sensazionali e un personaggio come Antonio Conte finire a processo. Oggi non sappiamo ancora se Conte è colpevole o innocente. Andremo agli Europei con un CT che attende di essere processato. La Federazione francese ha dichiarato qualche giorno fa che saranno convocati solo calciatori con una certa integrità morale.
Benvenuti in Italia: il Paese che apre mille inchieste e non ne chiude mezza, dove il vero processo è mediatico e non giudiziario. Vite e carriere spezzate da litri di inchiostro, in attesa di capire se il fatto è stato realmente commesso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.