VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti

22.04.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 29527 volte

Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa ossigeno. Ma propulsione, spinta in avanti, una azione ad ampio raggio nel corso degli anni. Al Milan, al nuovo Milan, sono abbastanza scafati per sapere tutto quello che si va dicendo nei vicoli. Spiacenti, ma non c'è nessun progetto di tirare avanti qualche tempo e poi vendere. La strategia della nuova proprietà è e sarà quella di un rilancio di altissimo e lunghissimo periodo per il Milan ricevuto dalle mani gloriose di Silvio Berlusconi. Una parte del Milan è stata acquistata facendo leva su una somma in prestito, di gran lunga inferiore rispetto al Manchester United che, a suo tempo, quando i tifosi Mancunians vedevano Glazer come il fumo negli occhi, venne acquistato totalmente in prestito con una operazione che fra esperti si definisce LBO: leverage buy-out. Al Milan non è così e non sarà così. Le strategie sui ricavi che dovranno, secondo le ambizioni del nuovo board rossonero, raddoppiare il fatturato rossonero, non saranno affatto tradizionali e saranno innovative in tutto e per tutto sul piano squisitamente promo-pubblicitario. La proprietà del Milan apre molte, moltissime porte, soprattutto in Cina. Ed è questo enorme, quasi infinito, bacino che unito al rilancio e alla ritrovata competitività della squadra, il primissimo tassello sarà il prossimo mercato, darà nuova linfa al Club rossonero prossimo venturo. A Casa Milan si alzano le spallucce al confronto in servizio permanente effettivo fra buoni e cattivi, fra figli e figliastri, alla corsa a dirla più grossa sul nuovo presidente e proprietario del Milan. Nessun problema, le truffe non sono truffe e sono derubricabili a peccati veniali sanati da semplici multe, mentre Panama Papers è molto generosa come istituzione e non fa torto a nessuno. Non viviamo nella torre d'avorio e sappiamo che, su temi forti, come il cambio di proprietà del Milan, si formano legittimamente schieramenti giornalistici di orientamento opposto. Chi derideva il closing è passato dai cinesi che non esistono a quelli che non esisteranno: è la competizione mediatica baby e nessuno si scandalizza. Ma un risultato c'è già ed è molto importante. Che le contrapposizioni siano all'esterno di un grande Club, in questo caso il Milan, è nella normalità delle cose e fa parte del gioco. Non ci sono e non ci saranno più invece all'interno, ed è questo il vero, grande, balzo in avanti che il Milan prima o poi doveva compiere.

Piccola appendice per tutti i tifosi che ci chiedono e si chiedono, che ci rivolgono e si pongono domande sulla nomina di Fabio Guadagnini a Chief Communications Officer del Milan. Oltre ad essere una conferma del Milan che guarda avanti e che si struttura veloce e compatto, Fabio è stato preceduto da un comunicato chiarissimo che non ammette fraintendimenti. E che ad uso e consumo di tutti i tifosi in buona fede, riproponiamo, con un gentile invito a tutti a leggerlo con la massima attenzione: "A lui faranno capo la Comunicazione Istituzionale e Relazioni Esterne, la Comunicazione Sportiva, la "Milan Media House", Milan TV".

Sarà anche tutta colpa di Pioli, accusa frettolosa, che lascia il tempo che trova e che non ci trova d'accordo, ma su un punto è arrivato il momento di intendersi: Gabigol è costato come Dybala. Nessuna ironia sulla sua presentazione in pompa magna di stampo ronaldiano. Ma bisogna che su questo tema si arrivi prima o poi alla sostanza, alla polpa. Gabigol è costato 30 milioni di euro e percepisce un ingaggio netto di 3.5 milioni netti a stagione. Siccome all'Inter non sono impazziti, il giocatore era stato a lungo accostato anche alla Juventus. Per lui, è insorto, fino alle carte bollate, addirittura il Barcellona. Gabigol non deve vergognarsi di nulla, tanto è vero che è arrivato a Milano dopo aver vinto le Olimpiadi nella stessa squadra in cui erano titolari, oltre a lui, Gabriel Jesus e Neymar. Il divario fra le premesse e il risultato finale è oceanico. Si può giocare poco, si può giocare malino. Ma non giocare mai no. Non ci sta. E' strano. E non viene mai spiegato, se non con qualche perifrasi e con alcune frasi fra il detto e il non detto che non soddisfano soprattutto loro, soprattutto i tifosi dell'Inter ai quali è rimasta una gran voglia, peraltro insoddisfatta, di Gabigol.

Il sorteggio di ieri ha fornito una nuova, grande motivazione, allo spogliatoio bianconero. Nella sua storia, tutte le volte che la Juventus ha affrontato il Monaco nei turni decisivi di Champions League, ha sempre passato il turno ma ha anche poi sempre perso la finale. Al di là delle manie sui corsi e sui ricorsi, ci sono già autorevoli opinionisti che sostengono come la Juventus, largamente favorita, abbia tutto da perdere contro i monegaschi. Non siamo mica tanto d'accordo. Le Semifinali del Louis II e dello Stadium sono sfide vere, roba seria. Ci aiutano i dati ma non solo: con 146 gol segnati in partite ufficiali, il Monaco è la squadra più prolifica della stagione in termini di gol segnati e va ad affrontare una Juventus che ha subìto solo 2 gol (con 8 clean sheet) fino ad oggi nella più importante competizione europea. Ma non solo: una squadra come il Monaco che è prima in Campionato davanti al PSG, che ha eliminato il Tottenham che sta facendo tremare Conte e il Manchester City che ha speso decine e decine di milioni di euro in estate, non può nascondersi. E' un piccolo, imprevedibile castigamatti il Monaco di Jardim e tutti, anche la Juventus, devono starci attenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.