VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

In dubio pro ritiro: Napoli, i risultati ottenuti danno ragione a De Laurentiis. Benitez impone un pesante aut aut al presidente...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.04.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18032 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Farsene una ragione per il bene collettivo. Parliamo del ritiro, quella costrizione intollerante per chi da due anni a questa parte era stato abituato diversamente. Non sappiamo se era meglio o peggio, è noto solo che la presa di posizione del patron ha sortito gli effetti sperati: due vittorie con 7 gol fatti e solo 1 incassato, oltre all'ipoteca della semifinale di Europa League quando sembrava più probabile il ko in casa del Wolfsburg. Sarà stato un caso? Forse, ma come recita il diritto penale, "in dubio pro ritiro": meglio proseguire lungo la strada tracciata con il diktat presidenziale, così da non lasciarsi addosso nessuno scrupolo quando la stagione sarà tramontata. E poi, non saranno pochi giorni di ritiro a rovinare l'esistenza dei calciatori messi sotto chiave tra mille sbuffi e imprecazioni, qualche altra ora di convivenza comune non estinguerà il ménage familiare. Il loro lavoro, remunerato da nababbi, è fatto anche di questi momenti necessari a ritrovare verve e condizione. Ora la squadra gioca con più grinta ed una concentrazione sconosciuta in precedenza, forse perché troppi momenti di libertà fanno calare la tensione agonistica che si sviluppa, di contro, con lo svolgimento di una vita d'atleta e con il chiacchierare comune delle cose relative al pallone e dell'avversario che si andrà ad affrontare. Non è una novità e non c'è nulla di cui sorprendersi, è quella "preistoria" ancora necessaria in un calcio che cambia vorticosamente. Ecco perché ogni ritiro viene definito scorrettamente "punitivo", trattandosi invece di un momento per ritrovare l'assieme venuto a mancare. Proprio come è accaduto nel Napoli, già da un po' di tempo, e con la necessità di un intervento che è stato tardivo. De Laurentiis avrebbe dovuto (voluto) metter mano già dopo la sconfitta di Milano, per poi fare dietro front al cospetto di una contrarietà ferrea ed opposta, quella di Benitez. Sarebbe stato giusto riproporre il provvedimento dopo lo scivolone di Palermo, ma stavolta doveva essere don Rafè disporre la serratura sui ranghi un po' sfilacciati. Non l'ha fatto e ha atteso silenziosamente speranzoso che fosse il patron ad intervenire per riaccendere il motore del Napoli ormai prossimo allo spegnimento. Con tutte le conseguenze del caso, a cominciare dalla turbolenza interna al gruppo poi sancita con l'abbraccio coram popolo, titolari e riserve, voluto da Mertens dopo il vantaggio contro la Fiorentina. Tutto calcolato da De Laurentiis, consapevole della necessità di vestire i panni del burbero per sollecitare il clima di solidarietà tra i calciatori. Era stato messo nel conto anche la furente reazione di Rafa Benitez che stavolta ha dovuto ingoiare un provvedimento che il suo datore di lavoro aveva sempre rinviato, finché ha potuto, per non invadere l'area di competenza del tecnico. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il mercato che lui avrebbe voluto ed incautamente spifferato alla vigilia della gara- chiave della stagione, oltre all'elenco delle condizioni dettate pubblicamente da Benitez subito dopo il successo in Germania. Dal business plan al settore giovanile, passando per il mercato e lo stadio, quelle sì che sono state parole che hanno il sapore di un addio scritto da Benitez con la firma apposta lettera per lettera. Gradualmente e non senza livore. Magari avrà ragione lui è forse De Laurentiis gli affiderà le chiavi del Napoli, oppure no e le loro strade si separeranno chissà con quanta cordialità. Poi si ricomincerà grazie alla generosità della tifoseria partenopea, che ha sopportato tutto, finanche un fallimento che altrove non è mai stato scritto in presenza di identiche condizioni debitorie. Se in 25 anni, quelli che ogni tanto Benitez ricorda esser stati sprovvisti di trofei, Napoli è rimasta ai margini del calcio che conta, è successo non per scelta ma per l'imposizione di un Tribunale. È proprio vero che non basta visitare musei e monumenti per poter dire di conoscere la storia di Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.