VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

In dubio pro ritiro: Napoli, i risultati ottenuti danno ragione a De Laurentiis. Benitez impone un pesante aut aut al presidente...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.04.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18032 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Farsene una ragione per il bene collettivo. Parliamo del ritiro, quella costrizione intollerante per chi da due anni a questa parte era stato abituato diversamente. Non sappiamo se era meglio o peggio, è noto solo che la presa di posizione del patron ha sortito gli effetti sperati: due vittorie con 7 gol fatti e solo 1 incassato, oltre all'ipoteca della semifinale di Europa League quando sembrava più probabile il ko in casa del Wolfsburg. Sarà stato un caso? Forse, ma come recita il diritto penale, "in dubio pro ritiro": meglio proseguire lungo la strada tracciata con il diktat presidenziale, così da non lasciarsi addosso nessuno scrupolo quando la stagione sarà tramontata. E poi, non saranno pochi giorni di ritiro a rovinare l'esistenza dei calciatori messi sotto chiave tra mille sbuffi e imprecazioni, qualche altra ora di convivenza comune non estinguerà il ménage familiare. Il loro lavoro, remunerato da nababbi, è fatto anche di questi momenti necessari a ritrovare verve e condizione. Ora la squadra gioca con più grinta ed una concentrazione sconosciuta in precedenza, forse perché troppi momenti di libertà fanno calare la tensione agonistica che si sviluppa, di contro, con lo svolgimento di una vita d'atleta e con il chiacchierare comune delle cose relative al pallone e dell'avversario che si andrà ad affrontare. Non è una novità e non c'è nulla di cui sorprendersi, è quella "preistoria" ancora necessaria in un calcio che cambia vorticosamente. Ecco perché ogni ritiro viene definito scorrettamente "punitivo", trattandosi invece di un momento per ritrovare l'assieme venuto a mancare. Proprio come è accaduto nel Napoli, già da un po' di tempo, e con la necessità di un intervento che è stato tardivo. De Laurentiis avrebbe dovuto (voluto) metter mano già dopo la sconfitta di Milano, per poi fare dietro front al cospetto di una contrarietà ferrea ed opposta, quella di Benitez. Sarebbe stato giusto riproporre il provvedimento dopo lo scivolone di Palermo, ma stavolta doveva essere don Rafè disporre la serratura sui ranghi un po' sfilacciati. Non l'ha fatto e ha atteso silenziosamente speranzoso che fosse il patron ad intervenire per riaccendere il motore del Napoli ormai prossimo allo spegnimento. Con tutte le conseguenze del caso, a cominciare dalla turbolenza interna al gruppo poi sancita con l'abbraccio coram popolo, titolari e riserve, voluto da Mertens dopo il vantaggio contro la Fiorentina. Tutto calcolato da De Laurentiis, consapevole della necessità di vestire i panni del burbero per sollecitare il clima di solidarietà tra i calciatori. Era stato messo nel conto anche la furente reazione di Rafa Benitez che stavolta ha dovuto ingoiare un provvedimento che il suo datore di lavoro aveva sempre rinviato, finché ha potuto, per non invadere l'area di competenza del tecnico. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il mercato che lui avrebbe voluto ed incautamente spifferato alla vigilia della gara- chiave della stagione, oltre all'elenco delle condizioni dettate pubblicamente da Benitez subito dopo il successo in Germania. Dal business plan al settore giovanile, passando per il mercato e lo stadio, quelle sì che sono state parole che hanno il sapore di un addio scritto da Benitez con la firma apposta lettera per lettera. Gradualmente e non senza livore. Magari avrà ragione lui è forse De Laurentiis gli affiderà le chiavi del Napoli, oppure no e le loro strade si separeranno chissà con quanta cordialità. Poi si ricomincerà grazie alla generosità della tifoseria partenopea, che ha sopportato tutto, finanche un fallimento che altrove non è mai stato scritto in presenza di identiche condizioni debitorie. Se in 25 anni, quelli che ogni tanto Benitez ricorda esser stati sprovvisti di trofei, Napoli è rimasta ai margini del calcio che conta, è successo non per scelta ma per l'imposizione di un Tribunale. È proprio vero che non basta visitare musei e monumenti per poter dire di conoscere la storia di Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.