VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

In dubio pro ritiro: Napoli, i risultati ottenuti danno ragione a De Laurentiis. Benitez impone un pesante aut aut al presidente...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.04.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18032 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Farsene una ragione per il bene collettivo. Parliamo del ritiro, quella costrizione intollerante per chi da due anni a questa parte era stato abituato diversamente. Non sappiamo se era meglio o peggio, è noto solo che la presa di posizione del patron ha sortito gli effetti sperati: due vittorie con 7 gol fatti e solo 1 incassato, oltre all'ipoteca della semifinale di Europa League quando sembrava più probabile il ko in casa del Wolfsburg. Sarà stato un caso? Forse, ma come recita il diritto penale, "in dubio pro ritiro": meglio proseguire lungo la strada tracciata con il diktat presidenziale, così da non lasciarsi addosso nessuno scrupolo quando la stagione sarà tramontata. E poi, non saranno pochi giorni di ritiro a rovinare l'esistenza dei calciatori messi sotto chiave tra mille sbuffi e imprecazioni, qualche altra ora di convivenza comune non estinguerà il ménage familiare. Il loro lavoro, remunerato da nababbi, è fatto anche di questi momenti necessari a ritrovare verve e condizione. Ora la squadra gioca con più grinta ed una concentrazione sconosciuta in precedenza, forse perché troppi momenti di libertà fanno calare la tensione agonistica che si sviluppa, di contro, con lo svolgimento di una vita d'atleta e con il chiacchierare comune delle cose relative al pallone e dell'avversario che si andrà ad affrontare. Non è una novità e non c'è nulla di cui sorprendersi, è quella "preistoria" ancora necessaria in un calcio che cambia vorticosamente. Ecco perché ogni ritiro viene definito scorrettamente "punitivo", trattandosi invece di un momento per ritrovare l'assieme venuto a mancare. Proprio come è accaduto nel Napoli, già da un po' di tempo, e con la necessità di un intervento che è stato tardivo. De Laurentiis avrebbe dovuto (voluto) metter mano già dopo la sconfitta di Milano, per poi fare dietro front al cospetto di una contrarietà ferrea ed opposta, quella di Benitez. Sarebbe stato giusto riproporre il provvedimento dopo lo scivolone di Palermo, ma stavolta doveva essere don Rafè disporre la serratura sui ranghi un po' sfilacciati. Non l'ha fatto e ha atteso silenziosamente speranzoso che fosse il patron ad intervenire per riaccendere il motore del Napoli ormai prossimo allo spegnimento. Con tutte le conseguenze del caso, a cominciare dalla turbolenza interna al gruppo poi sancita con l'abbraccio coram popolo, titolari e riserve, voluto da Mertens dopo il vantaggio contro la Fiorentina. Tutto calcolato da De Laurentiis, consapevole della necessità di vestire i panni del burbero per sollecitare il clima di solidarietà tra i calciatori. Era stato messo nel conto anche la furente reazione di Rafa Benitez che stavolta ha dovuto ingoiare un provvedimento che il suo datore di lavoro aveva sempre rinviato, finché ha potuto, per non invadere l'area di competenza del tecnico. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il mercato che lui avrebbe voluto ed incautamente spifferato alla vigilia della gara- chiave della stagione, oltre all'elenco delle condizioni dettate pubblicamente da Benitez subito dopo il successo in Germania. Dal business plan al settore giovanile, passando per il mercato e lo stadio, quelle sì che sono state parole che hanno il sapore di un addio scritto da Benitez con la firma apposta lettera per lettera. Gradualmente e non senza livore. Magari avrà ragione lui è forse De Laurentiis gli affiderà le chiavi del Napoli, oppure no e le loro strade si separeranno chissà con quanta cordialità. Poi si ricomincerà grazie alla generosità della tifoseria partenopea, che ha sopportato tutto, finanche un fallimento che altrove non è mai stato scritto in presenza di identiche condizioni debitorie. Se in 25 anni, quelli che ogni tanto Benitez ricorda esser stati sprovvisti di trofei, Napoli è rimasta ai margini del calcio che conta, è successo non per scelta ma per l'imposizione di un Tribunale. È proprio vero che non basta visitare musei e monumenti per poter dire di conoscere la storia di Napoli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.