HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
11.02.2018 09:47 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 44110 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano da qualche stagione, la Juventus almeno sulla carta è senza rivali. Subito dopo il calciomercato invernale Aurelio De Laurentiis, mentre provava a giustificare i mancati innesti, ha sottolineato che il suo Napoli è in competizione con una squadra che incassa il triplo dei soldi. E quindi, può permettersi il triplo delle spese.
Nonostante ciò, Sarri e i suoi ragazzi sono lì. Ancora in vetta dopo 24 giornate, nonostante una Juventus quasi mai così lanciata. Negli ultimi sei anni solo nel campionato dei 103 punti finali i bianconeri dopo 24 turni avevano conquistato più punti: i 63 di allora contro i 62 attuali.
Per entrambe le squadre in lotta per il titolo la proiezione finale sono i 100 punti, un ritmo folle che il Napoli, con 7-8 titolari in meno della Juventus, spera di mantenere
forte di un undici che fino a questo momento è riuscito a coniugare bel gioco e risultati come solo Barcellona e Manchester City nel resto d'Europa.
Già, il resto d'Europa. Quello che a inizio febbraio ha poco da raccontare. Come da tradizione, il Bayern già al giro di boa ha ammazzato la Bundesliga a suon di vittorie. Stessa sorte è toccata alla Ligue 1, col PSG che ormai ha nel campionato poco più di un torneo di preparazione alla Champions League. Giochi fatti anche in quelle leghe che in teoria dovrebbero assicurare maggiore competitività. In Liga il solito duello Barcellona-Real Madrid non è mai partito perché i campioni d'Europa, dopo due anni perfetti, stanno attraversando una stagione di preparazione a un nuovo ciclo che verrà intrapreso in estate. Mentre in Premier League c'è un Manchester City che viaggia con la migliore media punti d'Europa e in 27 giornate ha lasciato per strada solo nove punti. Proprio come quel Napoli che con 63 punti in 24 giornate rasenta il miracolo. E tiene testa alla corazzata Juventus.

Proprio i bianconeri di Allegri venerdì sera al Franchi hanno superato l'ennesima prova di maturità. Aiutati da un decisione errata di Guida e del VAR Di Bello, i campioni d'Italia hanno aspettato che nella ripresa la Fiorentina abbassasse ritmo e pressione per venire fuori con le sue individualità. E' stata la serata di un Higuain sempre più in forma, ma soprattutto di Federico Bernardeschi, alla sua seconda consecutiva da titolare e sempre più centrale nel progetto bianconero.
Nella serata emotivamente più complessa, l'ex numero 10 viola ha confermato che la gestione fin qui adottata da Allegri è stata pressoché perfetta. Utilizzato col contagocce all'inizio, poi subentrante con sempre maggiore frequenza e infine, agevolato da qualche infortunio di troppo, gettato nella mischia con regolarità. Dopo aver fatto svanire il peso delle aspettative e con le aspettative dell'ambiente juventino ben stampate nella testa.
Gestione perfetta: non è il primo e non sarà l'ultimo. Bernardeschi, così come è accaduto in passato per Pogba e Dybala, è la conferma che Allegri sa come muoversi con i migliori giovani che la società gli mette a disposizione e sa come trasformarli in campioni. E Bernardeschi in questo senso è sulla buona strada: non è ancora un campione, ma sicuramente un calciatore che da agosto a febbraio ha fatto passi in avanti notevoli.

Infine un occhio alla corsa Champions, che alla luce degli ultimi risultati rischia addirittura di rimettere in carreggiata il Milan. Al netto della flessione degli ultimi 15 giorni, la Lazio sembra avanti alle altre. E' una squadra più compiuta, gioca meglio e ha più certezze. Poi per tutti, anche per la Lazio, può capitare il periodo complicato ma col momento di Inter e Roma non sembra esserci paragone.
Nelle ultime dieci partite di campionato la Roma ha conquistato 13 punti, uno in meno l'Inter. Ritmo da salvezza tranquilla che è servito negli ultimi due mesi a creare un gap incolmabile con Napoli e Juventus e ad alimentare i dubbi sui due allenatori: Eusebio Di Francesco e Luciano Spalletti.
I tempi degli elogi per i due tecnici sono ormai lontani: i sogni Scudetti sono archiviati da un pezzo e non centrare nemmeno l'obiettivo minimo, cioè la qualificazione alla prossima Champions, potrebbe essere il preludio all'ennesimo rivoluzione tecnica. Chi si salverà?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510