HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
11.02.2018 09:47 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 44078 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano da qualche stagione, la Juventus almeno sulla carta è senza rivali. Subito dopo il calciomercato invernale Aurelio De Laurentiis, mentre provava a giustificare i mancati innesti, ha sottolineato che il suo Napoli è in competizione con una squadra che incassa il triplo dei soldi. E quindi, può permettersi il triplo delle spese.
Nonostante ciò, Sarri e i suoi ragazzi sono lì. Ancora in vetta dopo 24 giornate, nonostante una Juventus quasi mai così lanciata. Negli ultimi sei anni solo nel campionato dei 103 punti finali i bianconeri dopo 24 turni avevano conquistato più punti: i 63 di allora contro i 62 attuali.
Per entrambe le squadre in lotta per il titolo la proiezione finale sono i 100 punti, un ritmo folle che il Napoli, con 7-8 titolari in meno della Juventus, spera di mantenere
forte di un undici che fino a questo momento è riuscito a coniugare bel gioco e risultati come solo Barcellona e Manchester City nel resto d'Europa.
Già, il resto d'Europa. Quello che a inizio febbraio ha poco da raccontare. Come da tradizione, il Bayern già al giro di boa ha ammazzato la Bundesliga a suon di vittorie. Stessa sorte è toccata alla Ligue 1, col PSG che ormai ha nel campionato poco più di un torneo di preparazione alla Champions League. Giochi fatti anche in quelle leghe che in teoria dovrebbero assicurare maggiore competitività. In Liga il solito duello Barcellona-Real Madrid non è mai partito perché i campioni d'Europa, dopo due anni perfetti, stanno attraversando una stagione di preparazione a un nuovo ciclo che verrà intrapreso in estate. Mentre in Premier League c'è un Manchester City che viaggia con la migliore media punti d'Europa e in 27 giornate ha lasciato per strada solo nove punti. Proprio come quel Napoli che con 63 punti in 24 giornate rasenta il miracolo. E tiene testa alla corazzata Juventus.

Proprio i bianconeri di Allegri venerdì sera al Franchi hanno superato l'ennesima prova di maturità. Aiutati da un decisione errata di Guida e del VAR Di Bello, i campioni d'Italia hanno aspettato che nella ripresa la Fiorentina abbassasse ritmo e pressione per venire fuori con le sue individualità. E' stata la serata di un Higuain sempre più in forma, ma soprattutto di Federico Bernardeschi, alla sua seconda consecutiva da titolare e sempre più centrale nel progetto bianconero.
Nella serata emotivamente più complessa, l'ex numero 10 viola ha confermato che la gestione fin qui adottata da Allegri è stata pressoché perfetta. Utilizzato col contagocce all'inizio, poi subentrante con sempre maggiore frequenza e infine, agevolato da qualche infortunio di troppo, gettato nella mischia con regolarità. Dopo aver fatto svanire il peso delle aspettative e con le aspettative dell'ambiente juventino ben stampate nella testa.
Gestione perfetta: non è il primo e non sarà l'ultimo. Bernardeschi, così come è accaduto in passato per Pogba e Dybala, è la conferma che Allegri sa come muoversi con i migliori giovani che la società gli mette a disposizione e sa come trasformarli in campioni. E Bernardeschi in questo senso è sulla buona strada: non è ancora un campione, ma sicuramente un calciatore che da agosto a febbraio ha fatto passi in avanti notevoli.

Infine un occhio alla corsa Champions, che alla luce degli ultimi risultati rischia addirittura di rimettere in carreggiata il Milan. Al netto della flessione degli ultimi 15 giorni, la Lazio sembra avanti alle altre. E' una squadra più compiuta, gioca meglio e ha più certezze. Poi per tutti, anche per la Lazio, può capitare il periodo complicato ma col momento di Inter e Roma non sembra esserci paragone.
Nelle ultime dieci partite di campionato la Roma ha conquistato 13 punti, uno in meno l'Inter. Ritmo da salvezza tranquilla che è servito negli ultimi due mesi a creare un gap incolmabile con Napoli e Juventus e ad alimentare i dubbi sui due allenatori: Eusebio Di Francesco e Luciano Spalletti.
I tempi degli elogi per i due tecnici sono ormai lontani: i sogni Scudetti sono archiviati da un pezzo e non centrare nemmeno l'obiettivo minimo, cioè la qualificazione alla prossima Champions, potrebbe essere il preludio all'ennesimo rivoluzione tecnica. Chi si salverà?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy