VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
11.02.2018 09:47 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 43369 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano da qualche stagione, la Juventus almeno sulla carta è senza rivali. Subito dopo il calciomercato invernale Aurelio De Laurentiis, mentre provava a giustificare i mancati innesti, ha sottolineato che il suo Napoli è in competizione con una squadra che incassa il triplo dei soldi. E quindi, può permettersi il triplo delle spese.
Nonostante ciò, Sarri e i suoi ragazzi sono lì. Ancora in vetta dopo 24 giornate, nonostante una Juventus quasi mai così lanciata. Negli ultimi sei anni solo nel campionato dei 103 punti finali i bianconeri dopo 24 turni avevano conquistato più punti: i 63 di allora contro i 62 attuali.
Per entrambe le squadre in lotta per il titolo la proiezione finale sono i 100 punti, un ritmo folle che il Napoli, con 7-8 titolari in meno della Juventus, spera di mantenere
forte di un undici che fino a questo momento è riuscito a coniugare bel gioco e risultati come solo Barcellona e Manchester City nel resto d'Europa.
Già, il resto d'Europa. Quello che a inizio febbraio ha poco da raccontare. Come da tradizione, il Bayern già al giro di boa ha ammazzato la Bundesliga a suon di vittorie. Stessa sorte è toccata alla Ligue 1, col PSG che ormai ha nel campionato poco più di un torneo di preparazione alla Champions League. Giochi fatti anche in quelle leghe che in teoria dovrebbero assicurare maggiore competitività. In Liga il solito duello Barcellona-Real Madrid non è mai partito perché i campioni d'Europa, dopo due anni perfetti, stanno attraversando una stagione di preparazione a un nuovo ciclo che verrà intrapreso in estate. Mentre in Premier League c'è un Manchester City che viaggia con la migliore media punti d'Europa e in 27 giornate ha lasciato per strada solo nove punti. Proprio come quel Napoli che con 63 punti in 24 giornate rasenta il miracolo. E tiene testa alla corazzata Juventus.

Proprio i bianconeri di Allegri venerdì sera al Franchi hanno superato l'ennesima prova di maturità. Aiutati da un decisione errata di Guida e del VAR Di Bello, i campioni d'Italia hanno aspettato che nella ripresa la Fiorentina abbassasse ritmo e pressione per venire fuori con le sue individualità. E' stata la serata di un Higuain sempre più in forma, ma soprattutto di Federico Bernardeschi, alla sua seconda consecutiva da titolare e sempre più centrale nel progetto bianconero.
Nella serata emotivamente più complessa, l'ex numero 10 viola ha confermato che la gestione fin qui adottata da Allegri è stata pressoché perfetta. Utilizzato col contagocce all'inizio, poi subentrante con sempre maggiore frequenza e infine, agevolato da qualche infortunio di troppo, gettato nella mischia con regolarità. Dopo aver fatto svanire il peso delle aspettative e con le aspettative dell'ambiente juventino ben stampate nella testa.
Gestione perfetta: non è il primo e non sarà l'ultimo. Bernardeschi, così come è accaduto in passato per Pogba e Dybala, è la conferma che Allegri sa come muoversi con i migliori giovani che la società gli mette a disposizione e sa come trasformarli in campioni. E Bernardeschi in questo senso è sulla buona strada: non è ancora un campione, ma sicuramente un calciatore che da agosto a febbraio ha fatto passi in avanti notevoli.

Infine un occhio alla corsa Champions, che alla luce degli ultimi risultati rischia addirittura di rimettere in carreggiata il Milan. Al netto della flessione degli ultimi 15 giorni, la Lazio sembra avanti alle altre. E' una squadra più compiuta, gioca meglio e ha più certezze. Poi per tutti, anche per la Lazio, può capitare il periodo complicato ma col momento di Inter e Roma non sembra esserci paragone.
Nelle ultime dieci partite di campionato la Roma ha conquistato 13 punti, uno in meno l'Inter. Ritmo da salvezza tranquilla che è servito negli ultimi due mesi a creare un gap incolmabile con Napoli e Juventus e ad alimentare i dubbi sui due allenatori: Eusebio Di Francesco e Luciano Spalletti.
I tempi degli elogi per i due tecnici sono ormai lontani: i sogni Scudetti sono archiviati da un pezzo e non centrare nemmeno l'obiettivo minimo, cioè la qualificazione alla prossima Champions, potrebbe essere il preludio all'ennesimo rivoluzione tecnica. Chi si salverà?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.