VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter che botta: Stramaccioni immaturo. Mazzarri sempre più verso l'Inter, ma non vuole Cassano. Allegri sedotto dalla Roma, Guidolin al Napoli. Juve: dopo Vidal, il Bayern vuole anche Lichtsteiner

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno.
08.03.2013 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 29603 volte
© foto di Federico De Luca

L'Inter è andata Stra-Male un'altra volta, l'Europa League è quasi finita qui. La batosta con il Tottenham è una delle peggiori imbarcate della storia europea dei nerazzurri, ben oltre il risultato. Certe partite senza senso tattico e una squadra senza identità, svuotata, come l'Inter vista ieri sera a Londra, ma di recente anche con la Fiorentina, nel primo tempo di Catania e in altre occasioni, hanno fatto ampiamente capire che Stramaccioni è un potenziale buon allenatore, ma il salto in alto è stato troppo vistoso, troppo prematuro. Troppo e basta. Tra l'altro la gestione dei giovani non è ottimale, rischia di bruciarli come sta facendo con Kovacic invece di farli crescere.

Questo ha indotto Moratti, perso Simeone che resta all'Atletico, ad acellerare con Mazzarri. I sondaggi sono vecchi di mesi, i contatti di gennaio e il pressing delle ultime settimane. Su Mazzarri c'era anche la Roma, Moratti sembra in vantaggio anche se tiene aperta pure un'altra pista che porta a Bielsa, un allenatore molto sponsorizzato dalla colonia argentina che fa il bello e il cattivo tempo nello spogliatoio dell'Inter. Mazzarri ha detto sì al progetto giovani, non ha problemi. Ha chiesto un attaccante di peso e la pista che porta a Dkeko del City è concreta. C'è solo un grosso problema chiamato Cassano. Mazzarri per dire sì alla panchina dell'Inter vuole la cessione del fantasista barese che ha già avuto alla Samp e sa quanto sia ingestibile fino a condizionare il lavoro di tutto il gruppo. Liberarsi dell'ex barese non sarà facile, Moratti sta valutando.

Per sostituire Mazzarri De Laurentis sta pensando ad Allegri, ma il rossonero è già in parola con la Roma. Guidolin vuol lasciare Udine, vuole nuovi stimoli e Napoli lo attira anche se ci sono dubbi di affinità con la piazza. Per questo, dopo averlo cercato, De Laurentiis si è raffreddato. Da grande uomo di spettacolo, il presidente-produttore sta pensando anche a Maradona. Il viaggio a Napoli non è venuto per caso, è una sorta di prova generale. Se Diego riuscirà a liberarsi dei suoi problemi con il fisco, l'affare potrebbe concretizzarsi anche per far digerire alla piazza il possibile addio di Cavani. Maradona con qualche allenatore-tattico in panchina potrebbe essere più di un'idea. Se invece il prescelto dovesse essere Guidolin a Udine andrebbe Zola già nella scuderia Pozzo. Con Guidolin potrebbe tornare in Italia il suom pupillo Sanchez con i soldi della clausula di Cavani se l'uruguagio dovesse decidere di andar via.

Allegri, dicevamo, era un'altra idea di De Laurentiis, ma è arrivato dopo la Roma. L'allenatore del Milan è stato contattato quando è stato silurato Zeman, per cominciare a progettare la prossima stagione. Erano giorni difficili anche per Allegri, ai minimi con Berlusconi, spesso punzecchiato e oggetto di altre battute che l'avrebbero indotto a dire sì ai giallorossi e a un contratto molto interessante. Poi è tornato il sereno al Milan e Berlusconi l'ha confermato promettendo anche un ritocco all'ingaggio, ma Allegri è perplesso per due ragioni. Una per la parola data alla Roma e anche per la voglia di un'avventura nuova con una squadra giovane di grande qualità, l'altra per il timore che al primo momento negativo possano ritornare tutte le perplessità del presidente rossonero. Non è un caso se ieri alla domanda sul contratto Allegri abbia glissato con un , invece di dire chiaramente come avrebbe dovuto rispondere in un momento così positivo. Scenario aperto. Conte, invece, è più juventino di dieci giorni fa e meno attratto da Abramovich. Il colpo sognato dalla Juve (se Raiola non riuscirà a mettere insieme il mosaico Ibra) è Cavani e questa promessa avrebbe indotto Conte a prendere tempo. La Juve 60 milioni non li ha, ma sta cercando di imitare Moggi vendendo bene alcuni giocatori importanti. Il Bayern vuole Vidal e un discorso è aperto sui 25 milioni. Guardiola ha chiesto anche Lichtsteiner: per il terzino la Juve vuole altri 15 milioni e Conte potrebbe dire sì alla cessione per rilanciare Isla su quella fascia. Con un gruzzolo da 40 milioni l'assato a Cavani potrebbe diventare realtà e con l'arrivo del top player in attacco svanirebbero anche tutti i dubbi di Conte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.