VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.01.2017 09:22 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 160152 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non ti ho detto... "Gagliardini non è convocato perché la prossima settimana Percassi lo vende all'Inter e - se si fa male - non posso rischiare che Percassi poi non dia questo pacco ad Ausilio". Spieghiamoci meglio: Gagliardini non è un pacco ma la trattativa sì. La Juventus si frega le mani e il Milan, poveraccio e senza padrone, se la ride sotto i baffi. Ormai le trattative dell'Inter sembrano diventate una barzelletta. Immaginate di andare ad un'asta per un quadro di Picasso. Mi presento elegante e con il papillon. Il mio primo lancio è di 1.200 euro. Poi c'è un tizio, dietro di me che rilancia: 2.000. Io mi infervoro. 3.000!!! Poi, per evitare che quel tizio mi batta, insisto: 4.000... 6.000.... 9.000. Stop!!! 50.000 euro è la mia ultima offerta per il quadro. Aspetta un attimo... Chiedo al banditore d'asta. Il tempo di voltarmi e il tizio non c'è più. Accidenti, avrei potuto chiudere a 3.000. Ho pagato il quadro 50.000 euro. E adesso vuoi vedere che devo anche dare la mancia a chi mi ha fatto entrare? Scusatemi, sono sobrio. Giuro, neanche un goccio di prosecchino. Gagliardini rischia di costare all'Inter più di quanto sia costato Dybala alla Juventus: rapporto qualità, prezzo e minuti giocati. Voglio specificare ancora una volta che le qualità e la prospettiva di Gagliardini non sono in discussione, ma il prezzo sì; a maggior ragione se la concorrenza non era così agguerrita. Non mi risulta una Juve pronta a fare follie o il Milan disposto ad arrivare a cifre importanti. Dopo Kondogbia, un altro acquisto a cifre folli. Così come Joao Mario a 43 milioni di euro e Gabigol a 32 milioni. Tutti calciatori forti, attenzione, ma se vendessi la mia BMW a Pedullà a 150.000 euro, secondo me Pedullà sarebbe un pirla e non ho detto che la mia macchina ha il motore a pezzi o non va oltre i 130 km/h. E' una buona auto ma a 150.000 Pedullà si compra due Porsche Panamera. W Percassi, che tra Caldara e Gagliardini mette 50 milioni a bilancio: con quei soldi costruisca uno stadio all'Atalanta che non può andare avanti con un impianto così vecchio. W il Genoa che incassa per Rincon dalla Juve e per Pavoletti da Napoli, mentre acquista Morosini dal Brescia e Beghetto dalla Spal, facendo girare la moneta interna. In serie B si possono fare grandi affari e dovremmo essere tutti più bravi a pescare dalle categorie inferiori. Si risparmia e si alimenta il mercato interno. La A può acquistare dalla B, la B dalla C e la C dalla D. Così possiamo cambiare il nostro sistema. Perché è interesse di tutti far sì che il pallone continui a rotolare. Una parentesi che non c'entra nulla con il titolo dell'editoriale. Tavecchio è stato bastonato dai critici per aver detto: "Mi auguro che le due milanesi tornino in Champions". Tavecchio, da Presidente Federale, non ha gufato Roma e Napoli ma ha detto una cosa intelligente: Milano muove, insieme alla Juve, il motore della macchina italiana, se continuano Milan e Inter a stare in vacanza sicuramente il calcio italiano ci metterà più tempo a tornare competitivo. La Juventus nel frattempo deve battere un colpo da Juve. Ma un colpo vero. Passi l'operazione Rincon, va bene la cessione Evra, ma i miei amici Marotta e Paratici hanno bisogno di un esterno sinistro e di un centrocampista forte. Solo rinforzi di classe e qualità. Mezze operazioni, ad Allegri, non servono a nulla. La Juve deve credere maggiormente alla conquista della Champions League quest'anno, perché davvero può essere la volta buona. Se, però, ci credono i tifosi ci devono credere anche i dirigenti. Questo è un rimprovero che facciamo ad Agnelli-Marotta-Paratici. Basta dire "proviamo ad andare più avanti possibile in Europa". No! Sbagliato! Una società che vince per cinque anni consecutivi lo scudetto e, in estate, si è rinforzata a suon di milioni di euro deve avere la forza di dire pubblicamente che l'obiettivo è la vittoria finale, creando convinzione nel gruppo e sicurezza all'ambiente. Basta con i tentativi, questa squadra può farcela davvero.
L'Inter vince a Udine, l'Atalanta stravince a Verona, il Milan mentre scrivo sta giocando e la Juventus giocherà stasera. Napoli-Sampdoria, di ieri sera, però l'ho vista tutta. Anche le lacrime di Ferrero a Sky. C'era il microfono di Ugolini che quasi quasi chiedeva un phon per asciugarsi. Premesso che la Samp mi è piaciuta tantissimo, premesso che Muriel resterà un fenomeno incompiuto perché non ha la testa che lo aiuta, premesso che Giampaolo non allenerà mai una grande, premesso che il Napoli non meritava la vittoria, Ferrero ha perso un'altra occasione per andare prima al ristorante a cenare. Ha detto che non voleva polemizzare e poi ha sputato solo veleno. Che Di Bello sia scarso lo sappiamo tutti e lo abbiamo visto anche ieri sera, ma anche il Napoli esce penalizzato. L'espulsione sicuramente ha cambiato il volto della gara ma con quella corsa di Silvestre era probabile cadere nell'inganno. Non andava espulso, siamo d'accordo, ma da un commento a tutto lo sproloquio di Ferrero ce ne passa. Cosa farà Ferrero quando avrà un arbitraggio a suo favore? Nulla, se non qualche macchietta con il fazzoletto in testa.
Ultimo pensiero della settimana, prima di iniziare la seconda settimana di calciomercato: vi aspettiamo tutte le sere, alle 23.00, su Sportitalia, nella casa del calciomercato dalla A alla Lega Pro. Basta alle mogli addette stampa che, tramite social, devono difendere i mariti. Sono un estimatore della "4ciocche". Bellissima ed intelligente, però sinceramente la preferisco al fianco di Roul Bova che nei panni di avvocato del diavolo. Se Aquilani scrive una cosa e lei sotto ne scrive un'altra mi dà l'impressione che lei non si faccia gli affaracci suoi e che Aquilani abbia recitato e non abbia espresso il suo reale pensiero. Aquilani ha preso una parabola discendente e la "4ciocche" dovrebbe capirlo da sola. Siccome Michela non è la prima, bensì l'ultima di una lunga serie, aspettiamo impazientemente la prossima WAG che sui social intervenga a favore del povero maritino che non ha la lingua, e forse non solo la lingua, per esprimere ciò che pensa veramente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.