VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.01.2017 09.22 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 160027 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non ti ho detto... "Gagliardini non è convocato perché la prossima settimana Percassi lo vende all'Inter e - se si fa male - non posso rischiare che Percassi poi non dia questo pacco ad Ausilio". Spieghiamoci meglio: Gagliardini non è un pacco ma la trattativa sì. La Juventus si frega le mani e il Milan, poveraccio e senza padrone, se la ride sotto i baffi. Ormai le trattative dell'Inter sembrano diventate una barzelletta. Immaginate di andare ad un'asta per un quadro di Picasso. Mi presento elegante e con il papillon. Il mio primo lancio è di 1.200 euro. Poi c'è un tizio, dietro di me che rilancia: 2.000. Io mi infervoro. 3.000!!! Poi, per evitare che quel tizio mi batta, insisto: 4.000... 6.000.... 9.000. Stop!!! 50.000 euro è la mia ultima offerta per il quadro. Aspetta un attimo... Chiedo al banditore d'asta. Il tempo di voltarmi e il tizio non c'è più. Accidenti, avrei potuto chiudere a 3.000. Ho pagato il quadro 50.000 euro. E adesso vuoi vedere che devo anche dare la mancia a chi mi ha fatto entrare? Scusatemi, sono sobrio. Giuro, neanche un goccio di prosecchino. Gagliardini rischia di costare all'Inter più di quanto sia costato Dybala alla Juventus: rapporto qualità, prezzo e minuti giocati. Voglio specificare ancora una volta che le qualità e la prospettiva di Gagliardini non sono in discussione, ma il prezzo sì; a maggior ragione se la concorrenza non era così agguerrita. Non mi risulta una Juve pronta a fare follie o il Milan disposto ad arrivare a cifre importanti. Dopo Kondogbia, un altro acquisto a cifre folli. Così come Joao Mario a 43 milioni di euro e Gabigol a 32 milioni. Tutti calciatori forti, attenzione, ma se vendessi la mia BMW a Pedullà a 150.000 euro, secondo me Pedullà sarebbe un pirla e non ho detto che la mia macchina ha il motore a pezzi o non va oltre i 130 km/h. E' una buona auto ma a 150.000 Pedullà si compra due Porsche Panamera. W Percassi, che tra Caldara e Gagliardini mette 50 milioni a bilancio: con quei soldi costruisca uno stadio all'Atalanta che non può andare avanti con un impianto così vecchio. W il Genoa che incassa per Rincon dalla Juve e per Pavoletti da Napoli, mentre acquista Morosini dal Brescia e Beghetto dalla Spal, facendo girare la moneta interna. In serie B si possono fare grandi affari e dovremmo essere tutti più bravi a pescare dalle categorie inferiori. Si risparmia e si alimenta il mercato interno. La A può acquistare dalla B, la B dalla C e la C dalla D. Così possiamo cambiare il nostro sistema. Perché è interesse di tutti far sì che il pallone continui a rotolare. Una parentesi che non c'entra nulla con il titolo dell'editoriale. Tavecchio è stato bastonato dai critici per aver detto: "Mi auguro che le due milanesi tornino in Champions". Tavecchio, da Presidente Federale, non ha gufato Roma e Napoli ma ha detto una cosa intelligente: Milano muove, insieme alla Juve, il motore della macchina italiana, se continuano Milan e Inter a stare in vacanza sicuramente il calcio italiano ci metterà più tempo a tornare competitivo. La Juventus nel frattempo deve battere un colpo da Juve. Ma un colpo vero. Passi l'operazione Rincon, va bene la cessione Evra, ma i miei amici Marotta e Paratici hanno bisogno di un esterno sinistro e di un centrocampista forte. Solo rinforzi di classe e qualità. Mezze operazioni, ad Allegri, non servono a nulla. La Juve deve credere maggiormente alla conquista della Champions League quest'anno, perché davvero può essere la volta buona. Se, però, ci credono i tifosi ci devono credere anche i dirigenti. Questo è un rimprovero che facciamo ad Agnelli-Marotta-Paratici. Basta dire "proviamo ad andare più avanti possibile in Europa". No! Sbagliato! Una società che vince per cinque anni consecutivi lo scudetto e, in estate, si è rinforzata a suon di milioni di euro deve avere la forza di dire pubblicamente che l'obiettivo è la vittoria finale, creando convinzione nel gruppo e sicurezza all'ambiente. Basta con i tentativi, questa squadra può farcela davvero.
L'Inter vince a Udine, l'Atalanta stravince a Verona, il Milan mentre scrivo sta giocando e la Juventus giocherà stasera. Napoli-Sampdoria, di ieri sera, però l'ho vista tutta. Anche le lacrime di Ferrero a Sky. C'era il microfono di Ugolini che quasi quasi chiedeva un phon per asciugarsi. Premesso che la Samp mi è piaciuta tantissimo, premesso che Muriel resterà un fenomeno incompiuto perché non ha la testa che lo aiuta, premesso che Giampaolo non allenerà mai una grande, premesso che il Napoli non meritava la vittoria, Ferrero ha perso un'altra occasione per andare prima al ristorante a cenare. Ha detto che non voleva polemizzare e poi ha sputato solo veleno. Che Di Bello sia scarso lo sappiamo tutti e lo abbiamo visto anche ieri sera, ma anche il Napoli esce penalizzato. L'espulsione sicuramente ha cambiato il volto della gara ma con quella corsa di Silvestre era probabile cadere nell'inganno. Non andava espulso, siamo d'accordo, ma da un commento a tutto lo sproloquio di Ferrero ce ne passa. Cosa farà Ferrero quando avrà un arbitraggio a suo favore? Nulla, se non qualche macchietta con il fazzoletto in testa.
Ultimo pensiero della settimana, prima di iniziare la seconda settimana di calciomercato: vi aspettiamo tutte le sere, alle 23.00, su Sportitalia, nella casa del calciomercato dalla A alla Lega Pro. Basta alle mogli addette stampa che, tramite social, devono difendere i mariti. Sono un estimatore della "4ciocche". Bellissima ed intelligente, però sinceramente la preferisco al fianco di Roul Bova che nei panni di avvocato del diavolo. Se Aquilani scrive una cosa e lei sotto ne scrive un'altra mi dà l'impressione che lei non si faccia gli affaracci suoi e che Aquilani abbia recitato e non abbia espresso il suo reale pensiero. Aquilani ha preso una parabola discendente e la "4ciocche" dovrebbe capirlo da sola. Siccome Michela non è la prima, bensì l'ultima di una lunga serie, aspettiamo impazientemente la prossima WAG che sui social intervenga a favore del povero maritino che non ha la lingua, e forse non solo la lingua, per esprimere ciò che pensa veramente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.