VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inter: il mistero dello spogliatoio rovente (e un uomo da non farsi scappare)! Juve, il segreto dietro alla sfuriata di Allegri. I 2 pacchi sotto l'Albero del Milan (ma uno non c'entra col mercato). A Napoli c'è già un vincitore

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
22.12.2015 07.50 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 87749 volte
© foto di Alessio Alaimo

Non son mica tanto bravo a fare i regali di Natale. Non so voi, ma io mi incarto. I commessi dei negozi tra l'altro sono programmati per fottere i fessi come me. "Desidera?". "Vorrei un giochino da spender poco per il nipote di mio cugino che ho visto una volta sola in vita mia e non me ne frega una fava, solo che ho la cena della Vigilia da loro e sa com'è...". "Abbiamo la PlayBox 700Megaton in offerta speciale natalizia a 399euro invece che 420. Un affare, son rimasti gli ultimi 1340 pezzi". "Veramente pensavo più a un pupazzo di Chubecca da 9.90, ché con Guerre Stellari di questi tempi si va sul sicuro no?". "Insisto per la PlayBox, le metto dentro anche il pupazzo di Chubecca e facciamo 405.99 invece che 408.99. Signor Biasin, glielo dico, è un trattamento di favore, se lo sanno i miei capi mi licenziano". A quel punto ci sono quelli che mandano affanculo il commesso, e quelli come me che accampano scuse. "Eh ma forse la PlayBox ce l'ha già...". "Nessun problema, se ce l'ha già gliela cambiamo con un AtariVintage8Bit, va molto di moda sa?". "Eh ma ora che ci penso il bambino è una bambina". "Nessun problema, abbiamo il "Sultanato di Barbie": due ettari di terreno in plastica con annesse tutte le puttanate della Barbie a soli 299 euro. Presa?". "Ora che ci penso alla Vigilia andrò a fare il volontario alla mensa dei poveri di Don Peppe". "Lei è veramente fortunato Biasin, abbiamo del pane dell'altro giorno tempestato di Swarovski per far bella figura con i senzatetto a soli 69.99euro la michetta". "Senta, mi arrendo, mi dia la PlayBox 700Megaton e si levi dai coglioni". "Ottima scelta Biasin, che faccio col Chubecca, lascio?".

È un mondo difficile, insomma, ma non è che lo scopriamo oggi. In ogni caso molto meglio i commessi fotterelli dell'altra grande piaga natalizia: gli auguri su Uozzap. Durante le feste, com'è come non è, tutti diventano più "simpa" e mandano micidiali auguri di Natale ipertecnologici, possibilmente a sfondo porchereccio: c'è Babbo Natale che si ingroppa la Befana, la Befana che si fa i Re Magi, maiale nude che però hanno il cappellino da renna e quindi anche tua moglie invece di prenderti a criccate si fa una risata, ci sono le canzoncine cretine, le catene di Sant'Antonio "che se non inoltri ad altri 100 non trombi per tutto il 2016", o anche l'immagine del bue che dice all'asinello "Oh asinello, oro e incenso ok, ma cazzo è la mirra?" eccetera eccetera. I peggiori, però, sono altri, quelli che gli auguri te li devono fare per forza anche se ti odiano, quelli del messaggino "impostato", quelli che ti scrivono due volte l'anno, a Natale e a Ferragosto (salvo lutti imprevedibili): "Auguro a te e famiglia Buon Natale e un sereno 2015. Famiglia Piperno". E tu: "Piperno, guarda che mi hai mandato quello dell'anno scorso". E loro: "Auguro a te e famiglia Buon Ferragosto. Famiglia Piperno". E tu: "Guarda che hai sbagliato ancora Piperno". E loro: "La famiglia Piperno ti è vicina per la scomparsa del tuo caro, sentite condoglianze". E tu: "A Pipè, ma vaffanculo!". Solitamente a questo punto non parte la "spunta" su uozzap e ci risente a Ferragosto. Salvo lutti imprevedibili.

Direi che a due passi dal Natale anche noi possiamo azzardare un editoriale "un po' così" e sbizzarrirci con i nostri più sentiti auguri di Buon Natale (in rigoroso ordine accazzo).

MR. BEE

Auguri a Mr Bee, ovunque egli sia. Doveva essere il suo anno e quello di un Milan più ricco grazie ai soldi raccattati qua e là in giro per il mondo. Dopo mesi passati a inseguire la notizia, a registrare dichiarazioni come  "entro otto settimane si firma", o "domani è il giorno buono", fino a "anche oggi si firma domani", al momento trapela che "l'affare si farà" ma anche che "Silvio è troppo innamorato della sua creatura". A sensazione in futuro di Mr Bee si parlerà come di una creatura mitologica, metà broker thailandese e metà rappresentante del Folletto.

GIAMPAOLO

Auguri a Giampaolo, mister dell'Empoli. L'anno scorso era finito in Lega Pro a Cremona, prima ancora era stato esonerato da chiunque, al punto che Zamparini aveva pensato di assumerlo perché "un pezzo così pregiato non posso non averlo nella mia collezione privata"; da Brescia era scappato perché rischiava le mazzate e, insomma, dopo un passato fatto di "questo qua diventerà il numero 1" e rumors di chi lo voleva tecnico alla Juve, s'era completamente perso. Corsi lo ha scelto per il dopo Sarri: rischiava la fustigazione. Ora l'Empoli ha 9 punti in più dell'anno scorso e praticamente è già salvo. Bravo Corsi, bravissimo Giampaolo.

ALLEGRI

Auguri ad Allegri, mister della Juve. Ha vinto lo scudetto, la Coppa Italia, è arrivato in finale di Champions, gli hanno tolto Tevez-Pirlo-Vidal, ha chiesto Oscar e gli hanno dato Hernanes, hanno detto di lui che era il "raccatta idee di Conte", gli hanno dato del bollito, del miracolato, di quello "che farà fatica a salvarsi". E lui zitto. Sempre. Anzi no, una volta ha parlato: "Vedremo a Natale". Natale è arrivato, la Juve è a 3 punti dalla vetta, negli ottavi di Champions, nei quarti di Coppa Italia, il mister ha fatto fruttare Dybala, Alex Sandro, Mandzukic, persino Zaza se vogliamo, Khedira infortuni a parte ci ha pensato da solo e Rugani (il meno impiegato) avrà spazio a chili nel 2016 secondo la logica allegriana dell' "ogni cosa a suo tempo". Si è congedato dal 2015 con "il lancio della giacca", segno che ha più fame ora dell'anno scorso. Due mesi fa si diceva "Non mangerà il panettone". Se l'è sbranato portando avanti la cultura del lavoro e del "non abboccare alle provocazioni". Azzardiamo? Per una volta non è stata la Juve che ha fatto crescere il suo allenatore ma l'allenatore che ha guidato la società in un momento difficile. Mica poco.

MANCINI

Auguri a Mancini, simbolo della rinascita nerazzurra. La sconfitta con la Lazio rende il finale del 2015 un po' più amaro, ma non intacca una prima parte di campionato riuscita talmente bene da sorprendere persino il suo artefice. Mancini ha miscelato i cocci della vecchia gestione a una mare di nuovi acquisti riuscendo prima di tutto a formare un gruppo. A lui è stato chiesto di tornare in Champions League: un obbligo più che un obiettivo. Dopo 17 giornate sappiamo che ce la può fare anche se non sarà affatto semplice. I critici dell'ultim'ora, quelli che ricordano solo il risultato del giorno prima sono già tornati alla carica: "E' un miracolato, con la Lazio ha sbagliato tutto, l'Inter si è rivelata poca cosa, lo spogliatoio è una polveriera (ne parliamo in fondo)". Lui andrà dritto per la sua strada, con la consapevolezza di non essere un genio quando "inventa" gli 11 e vince e neppure un cretino quando sbaglia qualche mossa e inciampa. Se il giorno dopo il mini-derby perso in Tim Cup (agosto) avessero quotato l'Inter in testa a Natale, quanti avrebbero scommesso anche solo un euro?

AUSILIO

Auguri ad Ausilio, l'altro artefice del risveglio interista e gran promotore del detto "fare le nozze con i fichi secchi". Potendo gestire pochi quattrini il ds nerazzurro ha realizzato un vero e proprio capolavoro sul mercato. A gennaio starà tranquillo, pochi innesti e solo se qualcuno chiederà di essere ceduto. Biglia e Candreva sono obiettivi impossibili da raggiungere se non tramite l'innesto di quattrini freschi che Thohir in questo momento non può garantire (anche solo per la questione "occhi dell'Uefa puntati addosso"), Calleri arriverà a giugno solo se la squadra raggiungerà la qualificazione alla Champions. Viceversa toccherà ricominciare con la logica dei "vendo questo, prendo quello, pago un po' ora e un po' più avanti" nella quale l'uomo mercato dei nerazzurri è il migliore. Sempre che le sirene del Tottenham non si facciano più insistenti: a Londra vogliono Ausilio a tutti i costi, ma non è detto che in questo momento preferire gli Spurs sia una scelta vincente, se non dal punto di vista dello stipendio (motivo più che valido, per carità).

GARCIA

Auguri a Garcia, tecnico massacrato. Molto, moltissimo anche dal sottoscritto. Eppure è ancora lì, sulla panchina più complicata che c'è, a 4 punti dal primo posto in campionato e con un ottavo di Champions da disputare. Ha sbagliato a comunicare, ha sbagliato a gestire, spesso ha sbagliato formazione, ma l'abbraccio di domenica dei suoi giocatori (gran bel gesto) vale più di tante cazzate o retro-pensieri: lo spogliatoio è ancora con lui, segno che in fondo tanto detestabile non deve essere.

HERNANES

Auguri a Hernanes, brasiliano triste. Alla Lazio sembrava un fenomeno, all'Inter è costato un occhio e ha reso pochissimo, alla Juve è divenuto il simbolo dell'ottobre nero della Signora e dell'unico vero cattivo affare firmato Marotta. Troppo brutto per essere vero, tornerà anche lui e avrà le sue chance, garantisce Allegri.

MIHAJLOVIC

Auguri a Mihajlovic, celebratissimo un anno fa, ora trattato come un mister buono a malapena per allenare gli amatori. Nel Milan dei mille problemi e della squadra costruita con poca logica, il serbo in qualche modo ha tenuto la barca a galla. Il problema è sempre lo stesso: se l'obiettivo resta il terzo posto difficilmente Sinisa si salverà, ma sembra quasi che si temporeggi per avere - dovesse mai servire - qualcuno a cui dare la colpa. Un capro espiatorio pronto all'uso così come negli ultimi anni lo sono stati i vari Inzaghi e Seedorf. La riprova l'avremo a gennaio: se il Milan (inteso come società) crede in questo gruppo e nell'allenatore deve fare uno sforzo nonostante i 90 milioni già spesi la scorsa estate. Per capirci: si deve rattoppare una rosa che ha bisogno come il pane di un centrocampista dai piedi buoni. Witsel resta un sogno, probabilmente un'utopia, ma per fortuna nel "mare del mercato" ci sono infiniti pesci. E non nuotano solo nel mar Ligure.

ALLAN

Tanti auguri al Napoli che sogna e fa sognare. Il merito è di un fenomeno del calcio che si è innamorato di un ex impiegato di banca, ora guru. Ma oltre a Sarri e Higuain, il vero colpo di quest'anno è stato Allan. Lo volevano in tanti, l'Inter l'ha più che opzionato, ma alla fine Giuntoli lo ha strappato alla concorrenza a prezzo ragionevolissimo. Ha dato equilibrio in mezzo, blindato la difesa, segnato pure i suoi gol. Con l'Atalanta ha fatto male? Può darsi, gli basterà  qualche giorno di vacanza per tornare a essere uno dei migliori centrocampisti di tutto il campionato.

BLATTER-PLATINI

Auguri anche ai due furbetti del Palazzo, finiti a raccogliere stracci. Beccati con le mani nella marmellata (due milioni di euro), hanno pensato bene di giustificarsi con la scusa di una consulenza pagata con "soli" dieci anni di ritardo. Totale: otto anni a testa di squalifica e la fine, per il francese, delle mire di predominio sul pallone mondiale per il prossimo decennio. Ciao Michel e ciao Sepp, non ci mancherete. Al limite ci ricorderemo dello svizzero nel 2022, quando ci toccherà assistere alla finale del Mondiale mangiando il panettone. Pensa te...

MELO

Auguri a Felipone, che domenica ha perso la capoccia e, soprattutto, ha fatto perdere un punto d'oro alla sua squadra. Immediatamente son partiti i peana dei benpensanti al grido di "quello non può circolare!". La verità è che Mancini quando ha insistito con la società (contraria all'acquisto) per avere il brasiliano sapeva chi si portava in casa: un giocatore "tutto cuore" che a volte perde la testa. Si è assunto un rischio e ad oggi i risultati dicono che ha fatto benissimo. 

In chiusura avrei voluto cazzeggiare su uno dei miei film preferiti, "Una poltrona per due" (una pellicola che passa raramente in TV della quale parlerò giovedì su Facebook perché, converrete, la questione è centrale), ma sono usciti spifferi clamorosi a proposito di quello che è successo domenica nello spogliatoio dell'Inter e non posso esimermi. Secondo le fonti de "La Gazzetta" nella sola giornata di domenica: Ljajic si è incazzato con Mancini, che a sua volta si è incazzato con Jovetic, che a sua volta ha avuto da dire con Guarin, che a sua volta ha difeso l'allenatore. Nel frattempo Icardi e Melo se ne dicevano di tutti i colori e a loro volta venivano redarguiti insieme a tutti gli altri componenti della rosa da un Mancini incazzato tipo iena siberiana.

Tre considerazioni:

1) Queste cose accadono da che esiste il calcio, soprattutto in presenza di una sconfitta inaspettata, quanto meritata.

2) Se un allenatore non si incazza dopo aver visto la propria squadra perdere per aver trascorso una settimana "troppo natalizia" è meglio che faccia la ballerina. 

3) Il problema non è "questo che litiga con quell'altro" ma semmai "chi" ha fatto uscire certe cose dallo spogliatoio. Così a naso credo che il Mancio non gliela farà passare liscia...

Buon Natale a tutti voi che ogni settimana perdete dieci minuti a leggere quel che scrivo. Mi piace pensare che un giorno festeggeremo tutti insieme Capodanno su un mega-treno tipo quello di "Una poltrona per due". Con il vostro permesso ai miei auguri si aggiungono quelli, sentitissimi, del signor Piperno: "Buon Halloween. Famiglia Piperno". (Twitter: @FBiasin, @ilsensodelgol).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.