VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter: la sibillina e inquietante promessa di Thohir (che non riuscirà a mantenere...). Milan: ecco cosa c'è dietro alle parole (dette e non dette) di Berlusconi. Napoli: le intenzioni di Benitez smascherano quelle del club

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
14.10.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 40778 volte
© foto di Federico De Luca

L'ottavo giorno vide che si stavano divertendo troppo e quindi inventò "la pausa per la Nazionale".

Ecco, ci piace pensare che la "pausa per la Nazionale" sia una punizione divina, una penitenza, la mannaia che colpisce noi appassionati di pallone per aver esagerato con le polemiche e i veleni da bar sport. Ci riempiamo la bocca con frasi tipo "il calcio è malato", "arbitro cornuto", fino a "la moglie del portiere è una maiala"? E loro per castigarci piazzano una bella "pausona spezza-fantacalcio" a inizio ottobre. Prendete e portate a casa.

Solo che nell'alto dei Cieli non sanno quanto bravi siamo a trovare valide alternative per cazzeggiare da par nostro. In questo caso, per dire, ce ne siamo sbattuti allegramente di Azerbaigian e Malta e ci siamo trasformati tutti quanti in espertoni di pallavolo femminile. Chiacchierata "tipo" al solito bar sport: "Hai visto le azzurre? Secondo me il Ct Bonitta dovrebbe puntare di più sulla battuta in stile Yoghina, la cicciona di "Mila e Shiro", hai presente?". "Ma va, molto meglio la catapulta infernale". "Ma quelli erano i gemelli Derrick di "Holly e Benji", pistola...". "Vabbè, in ogni caso le azzurre dispongono di culi molto più attizzanti rispetto a quelli di Chiellini o Immobile". Cose così. In passato è capitato con la vela: migliaia di italiani fingevano di essere interessatissimi alle regate del Moro di Venezia o di Luna Rossa, organizzate in orari comodi tipo le 4.20 del mattino. Ci si svegliava per vedere barche veleggiare in mare verso l'infinito e poter dire il giorno dopo al collega: "Hai visto che lato di bolina abbiamo fatto alle 5.12 ante-lucane? Andavamo come lippe". E il collega: "Sì, ora però vai a cambiarti che sei venuto al lavoro in pigiama, pirla". Vi risparmierò gli esempi del curling o dello slittino e chiuderò qui la consueta e personalissima campagna contro la "pausa per la Nazionale". Ma dico io: lor signori non possono pensare di comprimere tutti gli appuntamenti nei primi 20 giorni di dicembre e tanti saluti a tutti? E' una cazzata? Sì? E allora viva Malta-Italia, cosa vi devo dire.

La questione frega poco a tutti voi, figuratevi al presidente Thohir, in visita lampo a Milano. E niente, l'indonesiano ne ha approfittato per sistemare un paio di questioni a pochi giorni dalla delicatissima Inter-Napoli.

Ecco quello che è trapelato: Mazzarri non è in discussione, può anche perdere con il Napoli e comunque resterà al suo posto bel sereno. Il patron non ha in mente sostituti e soprattutto non ha contattato nessuno: Zenga, Mancini (il sottoscritto continua a sostenere che qualche abboccamento con l'entourage del buon Mancio c'è stato), Moyes e i loro fratelli restano in attesa. La priorità del presidente è sempre legata alle questioni economiche: per questo tornerà a Milano con una certa frequenza, per questo cercherà in tutti i modi di accelerare le procedure per sistemare lo stadio: a Erick non interessa un impianto nuovo, semmai un San Siro più "compatto" e con meno posti vuoti. Poi qualcuno dovrebbe spiegargli che in passato il Meazza si riempiva a prescindere dagli 80 mila posti a sedere: in fondo basta vincere qualche partita per convincere i tifosi nerazzurri. Ma la priorità - ormai sembra evidente - non è il campo, tanto al limite "prenderemo una punta e un centrocampista a gennaio". Mah...

Resta la sensazione, netta, che nonostante i buoni propositi presidenziali il posto di Mazzarri resti in bilico. La colpa è dell'"effetto Vucinic", e cioè la reazione che potrà avere Thohir di fronte a una (probabile) contestazione del pubblico di San Siro nei confronti di Mazzarrone. Staremo a vedere.

Nel frattempo snoccioliamo dati inconfutabili che prescindono da ragionamenti modernissimi e pomposi, legati a termini come "marchio", "brand", "tendenza" e minchiate varie: nelle ultime cinque stagioni Milan e Inter hanno perso 30mila presenze medie per partita tra abbonamenti e biglietti. Nel 2010/2011 le due società insieme facevano 112mila spettatori in media a gara (59 Inter, 53 Milan) e 70mila abbonati complessivi (40 Inter, 30 Milan), ora mettono insieme 82mila spettatori (49 Milan - con il tutto esaurito contro la Juve che alza la media - 33 Inter) e 42mila abbonati (20 Milan, 22 Inter) complessivi. In soldoni oggi riuscirebbero a malapena a riempire San Siro solo e soltanto se unissero le forze. Altro che "brand"...

Il problema è ovviamente anche rossonero. Tutti quanti abbiamo letto con attenzione certosina l'intervista di Berlusconi rilasciata alla Gazzetta. Diciamola tutta: alcune dichiarazioni fanno gioire i tifosi del Diavolo, altre decisamente meno. Personalmente mi stupisce sentir parlare di "zona Europa" come obiettivo stagionale. Una considerazione molto realistica, per carità, ma che si sposa poco con certi proclami del passato: erano fin troppo ottimistici, certo, ma davano la sensazione di un presidente che comunque puntava al top. Oggi le cose sono cambiate. Berlusconi è il primo a sapere che più di tanto non si può pretendere da una rosa che è sul podio del monte ingaggi dopo Juve e Roma, ma solo in teoria su quello della classifica di serie A. Inzaghi sta facendo bene, ma anche in questo caso l'impressione è che la rosa sia troppo sbilanciata in avanti. Con una sola competizione da affrontare, sono decisamente troppe sette bocche da fuoco (Menez, Honda, Pazzini, Torres, El Shaarawy, Bonaventura, Niang) per tre posti a disposizione. Benvenute invece le serate "Tutto Milan" promosse dal patron: non saranno accompagnate dalla musichetta della Champions, ma meglio di niente.

Chiudiamo con il Napoli e la faccenda Benitez. Pare che lo spagnolo non abbia alcuna intenzione di rinnovare il contratto in scadenza nel 2015, che sia scottato per il mercato sottotono e per certe promesse non mantenute. C'è chi dice che le offerte per Rafa non manchino, soprattutto dall'Inghilterra, ma la verità è che al momento è difficilissimo fare previsioni su quel che accadrà. La sensazione è che in società stiano effettivamente cercando partner (ancora meglio un acquirente) per far ripartire un progetto interrotto di colpo durante l'ultima sessione di mercato. La cosa spaventa parecchio Benitez e non potrebbe essere altrimenti.

Classifica finale sul "peggio della settimana" e relativo hashtag:

1) La Rolls che Icardi ha regalato alla Wanda #megliounpandinoditerzamano
2) Il taglio di capelli di Pellè #ceanchedauomo?
3) La bottiglia di buon rosso che gli amici Giulio Gervasini e Andrea Galimberti hanno regalato al sottoscritto #sbronzoinventiminuti
4) La minchiata di Morgan che a X Factor elimina gli straordinari Cecco e Cipo #rivogliamoceccoecipo
5) Tutto ciò che riguarda il matrimonio della Hunziker #esticazzi?
6) La tristezza della Ferrari #piuttostomegliolarollsdicardi
7) Le mille versioni degli amici cileni sulle condizioni di Vidal #ilginocchiostamalemasiccomedevegiocareinnazionaleallorailginocchiostabene
8) Il "calcio sciampagn" di Malta-Italia #aridatecelechiappesodedelleazzurredelvolley

Twitter: @FBiasin


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.