VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter: lo Jiangsu il grimaldello per il Fair Play. Roma: Caceres, rischio-Gabbiadini. Conte: effetto Chelsea sulle convocazioni. Milan: niente Kucka per il Toro

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
04.06.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 42554 volte

L'Inter è sotto fair play finanziario. Il club nerazzurro e l'Uefa si sono parlati, si sono stretti la mano, hanno ratificato tempi e accordi. La squadra è alla Fase a gironi di Europa League e non può far finta di niente. Ma l'accordo imminente con il brand Suning apre alla Società milanese una straordinaria quanto immediata opportunità. Suning Group non è infatti solo un colosso dell'elettronica e degli elettrodomestici. Ha una squadra di calcio, lo Jiangsu, proprio la stessa squadra che nel corso dello scorso mese di Gennaio ha misteriosamente e imprevedibilmente cambiato sul filo di lana i termini dell'accordo economico con il "milanista" Luiz Adriano quando il calciatore brasiliano si è presentato a Nanchino. Ma, bando agli incisi, avere una squadra di calcio significa acquistare grandi campioni e poi magari prestarli...Ad esempio, all'Inter. Se così fosse, i paletti del fair play sarebbero salvi. Lo Jiangsu può fare tutto questo, così come ha speso 100 milioni nell'ultimo mercato per Alex Texeira e Raimires. E il FPF rimarrebbe immacolato anche nel caso in cui l'Inter potesse cedere alcuni suoi giocatori a prezzi importanti sempre allo Jiangsu. Chi stabilisce il prezzo dei giocatori? A livello istituzionale e regolamentare, è campo apertissimo alla libera trattativa. Non è solo Inter-Suning. E' soprattutto Inter-Jiangsu.

Sono molte le voci di mercato che attribuiscono l'uruguagio Martin Caceres alla Roma. Guardia alta: a Gennaio sembrava ci fosse un derby di mercato Milan-Inter per il giocatore, ma non era vero. Tra Roma e Juventus c'è un asse televisivo, la Roma sta pensando di rizollare la difesa, per cui è una voce che, con prudenza, si può seguire. Ma a questo punto è la Roma che dovrebbe fare tesoro di un precedente: Gabbiadini. La Juventus lo ha lasciato partire, destinazione Napoli, con la stessa "ansia" con cui spera di trovare una sistemazione per Caceres. Esattamente nello stesso modo, né più né meno. Ma Gabbia a Napoli non è progredito, non è esploso, non ha cambiato passo. Per Caceres a Roma le premesse sono le stesse, se fossero i medesimi anche gli sviluppi sulla sponda giallorossa del Tevere ci sarebbe ben poco di cui rallegrarsi.

Le mancate convocazioni di Donnarumma, Abate e Bonaventura non sono passate inosservate. Le chiamate di Meret e Sturaro sembrano messaggi chiari, duri, diretti, non le possiamo definire ritorsioni ma sembrano comunque avere un retrogusto obliquo, amarognolo. La pancia della tifoseria rossonera non ha preso bene tutto questo, così come la mancata convocazione di Romagnoli, volutamente sottostimato nelle pagelle ma reduce da una ottima stagione, a discapito di Ogbonna. Il sottobosco delle voci e l'ufficio malignità in servizio permanente effettivo nel calcio attribuiscono ad alcuni pregiudizi, tutti interni al sistema di rapporti e relazioni del mondo del pallone, queste scelte. Non abbiamo verificato, non possiamo provare, stiamo zitti. Non possiamo sapere se davvero i contatti sviluppati sulla strada di Londra possano aver influito in qualche maniera sulle convocazioni per l'Europeo, l'unica cosa che ci auguriamo è che il campo smentisca tutto e sopisca ogni tipo di illazione.

Il calcio frulla, il calcio cambia. Nove mesi fa, alla fine del mese di Agosto dell'anno di grazia 2015, Juraj Kucka era un insulto per i tifosi del Milan. Era il simbolo della Spectre di mercato. Il simbolo del declino. Uno schifo allo stato puro. Nove mesi dopo, lo stesso giocatore, Kucka, il 50 per cento della rappresentanza del Milan ai prossimi Europei, guai a chi lo tocca. Giocatore importante, giocatore che deve rimanere, questo pensano i tifosi. Nello scorso Settembre, dopo la sua prima ottima prestazione con il Milan contro il Palermo, secondo tempo giocato con una caviglia gonfia e blu ma ugualmente decisivo, di Kucka disse Mihajlovic: "Noi veniamo da quelle parti là dell'Europa e ci capiamo. Lui aveva male alla caviglia, ma gli ho detto che senza di lui non avremmo vinto e allora è tornato in campo". Risultato Milan-Palermo 3-2. Risultato di oggi, a Mihajlovic, nuovo allenatore del Torino, Kucka piace ancora molto, sono due che continuano a parlare la stessa lingua. Il Milan conosce questo feeling e questo gradimento. Ma Kucka non parte e resta al Milan.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.