VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Inter ma a cosa ti serve Oriali? Juve, due top player in estate per essere perfetta. Bari, che disastro! Alessandria a 90 minuti dal suicidio perfetto

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.05.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50617 volte
© foto di Federico De Luca

I soldi non sono tutto nella vita e, probabilmente, in futuro l'Inter vincerà tutto ma - fino ad oggi - i cinesi nerazzurri sembrano ricchi e ingenui. Quelli rossoneri, invece, poveri ma scafati e astuti. Senza fare paragoni inutili, Mister Zhang non sta capendo molto di come funziona l'Inter. Vive dall'altra parte del mondo, lo vediamo una volta ogni due mesi e ha lasciato che a gestire l'impero nerazzurro sia il figlio, il quale probabilmente ha grandi qualità ma, finora, sembra che l'unica evidente sia quella di avere un padre intelligente e ricco. Non volendo giudicare il ragazzo dall'apparenza lo giudichiamo dai fatti. Cosa sta facendo per risolvere i problemi dell'Inter? Che idee ha del futuro e soprattutto che idee si è fatto per costruire la prossima stagione? Sinceramente Zhang sembra nel frullatore e l'unica cosa che dovrebbe evitare la sta facendo. Ausilio ha rinnovato fino al 2020 e non abbiamo nulla da ridire se non constatare la lunghezza del contratto e il rinnovo fatto su basi poco convincenti. La squadra non gira e molti acquisti strapagati sono risultati dei flop. Ora Zhang, se l'idea è stata sua, ci ripropone come un film di Totò, Lele Oriali. I film di Totò almeno facevano ridere e - seppur in bianco e nero - li rivedi con piacere. Riportare Oriali all'Inter ha il sapore della solita minestra riscaldata male e finita nel piatto sbagliato. Oriali non serve a questa Inter. E' una figura inutile. O, almeno, se volete è un doppione. Infatti, come avrete notato, chiede garanzie sul suo ruolo. Se prendi Oriali devi far fuori Zanetti e non sarebbe del tutto sbagliato visto che è una bandiera che non sventola e serve a poco; ma - più che prendere Oriali - l'Inter deve prendere un Direttore Generale esperto e navigato. Uno che conosca bilanci e che possa affiancare Ausilio nelle trattative, altrimenti a Piero la prossima estate gli portano via anche le mutande sapendo che l'Inter ha i soldi ma poca capacità. I club europei non sono sprovveduti. Tutti sanno che all'Inter ci sono i soldi ma passano per troppe mani: da Kia ad Ausilio, da Zhang a Gardini e ne esce una frittura mista. L'Inter ha bisogno di semplicità e libertà di manovra. Non servono duemila figure. Poche ma buone. Vada per il rinnovo di Ausilio ma ad Ausilio serve un DG capace. Finora la figura di Gardini non è risultata idonea per un progetto così ambizioso e, dispiace per il buon Zanetti, ma grandi dirigenti non si diventa acquisendo coppe e presenze in campo con la fascia di capitano. Non siamo al supermercato dove più collezioni bollini e più hai premi da ritirare. Almeno così credo che funzioni visto che mia moglie ogni tanto riempie le schede e, spesso, si presenta con qualche pentola nuova. "Amore, ma ancora una pentola? Sì, perché ho diritto ad un omaggio avendo conquistato il 50esimo bollino". Oriali appartiene al passato, Oriali non ha lo spessore per questa Inter ma soprattutto è un ibrido. Non ha capacità da Direttore Generale, non ha capacità amministrative e non è un tecnico che può fare le trattative. Se poi serve per alzare la lavagnetta dei cambi ben venga. Ma per questo bastava l'ex arbitro Romeo.
Complimenti ad Allegri che non si attacca all'errore arbitrale per giustificare la mancata vittoria di Bergamo. Cambio di mentalità che aiuta la squadra a crescere. La Juventus può arrivare fino in fondo e la strada verso il triplete è ancora lunga, ma sicuramente la direzione imboccata è quella giusta. Ci portiamo avanti sul mercato, anche se - a differenza di tutte le altre squadre italiane - non ha senso parlare oggi del mercato della Juventus. Per rendere infallibile questa squadra occorrerebbe un centrocampista (Tolisso è perfetto), un difensore (per il dopo Barzagli) e anche, sembra una bestemmia, iniziare a pensare ad un grande portiere, siccome Gigi non è eterno. Premesso che non credo che Donnarumma possa rappresentare la giusta idea per la Juventus (Donnarumma deve restare al Milan, al massimo deve cambiare agente, non squadra), i bianconeri devono porsi la domanda che mai avrebbero voluto porsi: chi dopo Buffon? La Juventus deve rinforzare il centrocampo ma soprattutto deve lavorare oggi per il futuro prossimo. Allegri non può e non deve lasciare la Juventus. Il progetto non è finito, è appena iniziato. Marotta deve blindare il Mister che sicuramente non è indispensabile, come non lo era Conte, ma oggi è importante per non cambiare dinamiche ed organizzazione interna allo spogliatoio. Il nemico principale della Juventus è la stessa Juventus stessa. Quando le cose vanno troppo bene qualcuno, che in passato ha fallito, prova a rimettere le mani nella marmellata. Andrea Agnelli ha riportato la Juventus a grandi livelli europei e i meriti sono tutti i suoi. Oggi, nella dinastia Agnelli-Elkann, è l'unico capace di gestire la macchina Juventus. Deve stare attento, però, a non far salire nessuno su una macchina che viaggia alla stessa velocità di un frecciarossa.
Scendendo in serie B, finora, non ci siamo mai occupati del Bari. Vi spiego il perché: quando subentrano un Presidente nuovo, un Direttore nuovo e un (due) allenatore nuovo non è mai semplice fare bene al primo colpo. Infatti la prima stagione bisogna considerarla sempre di transizione per poter commettere degli errori che non devi commettere poi l'anno dopo. Ci piace ricordare il primo anno difficile di Marotta alla Juve (settimo), il primo anno in C del Napoli di De Laurentiis e Marino (finale persa con l'Avellino), il primo anno dei Pozzo a Udine e Giulini a Cagliari (retrocesso in B). Il primo anno è sempre terribilmente duro. Questo non toglie che il Bari è stato, finora, disastroso. Ha sbagliato tutto quello che c'era da sbagliare. Calciatori molli, allenatori che non incidono - eppure parliamo di Stellone e Colantuono che sono ottimi tecnici - e Sogliano che finora non ha inciso. Stagione da 4, in una piazza che non ti aspetta. Se, però, a Bari avranno la pazienza di aspettare il prossimo anno si potranno togliere delle belle soddisfazioni. Molto dipenderà dalla solidità di Giancaspro che, sinceramente, non conosciamo. Sarà importante non cambiare Direttore per non buttare al vento un altro anno.
Il vero disastro di questa stagione, dalla A alla C, ha un solo nome: Alessandria! L'unico girone scontato della serie C era quello A dove l'Alessandria avrebbe dovuto vincere a mani basse. Cosa che ha fatto fino a metà stagione. Poi si è spenta la lampadina ed è andato tutto in corto circuito. Senza una spiegazione logica. L'Alessandria, nei singoli, ha una squadra che farebbe bene in B ad alto livello, ha speso 8-9 milioni di euro e non aveva un girone infernale. Se sabato la Cremonese dovesse vincere sarà serie B, per i grigi sarà il disastro. Anche sabato scorso l'Alessandria con il minimo avrebbe potuto vincere il campionato ma anche a Roma ha perso 2 punti fondamentali senza sfruttare il favore del Livorno. Braglia non ha capito nulla da dicembre in poi e ha pagato con l'esonero. Se prendi Evacuo in C e gli fai fare la riserva di Bocalon significa che devi essere rinchiuso a Coverciano. Il problema dell'Alessandria è il gruppo che, nonostante tanti big, non riesce a gestire la pressione e viene meno sempre sul più bello. Come il Benevento di qualche anno fa che non vedeva mai la luce in C. Non c'è una spiegazione logica ad un suicidio premeditato. Perché buttarsi dal settimo piano a 20 anni quando la vita ti sta dando tutto? Calcisticamente è quello che ha fatto una squadra che aveva tutto per andare in B e non troviamo spiegazioni ad un fallimento così clamoroso. Ora tocca a Tesser spingere Pillon (che ovviamente non ha neanche l'1% di colpe) dal settimo piano.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.