VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter, Mazzarri non parli di sfortuna. E ora è finita anche la querelle rigori

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
06.04.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 32302 volte
© foto di Federico De Luca

Fa male, Mazzarri, a parlare di sfortuna. Anche un indonesiano, forse mai sfiorato da ubbìe scaramantiche, finirebbe per crederci. E di attribuirne l'origine - la dolorosa produzione - all'allenatore più sfortunato dell'anno: lui, il Walter che descamisado infuocava il popolo del San Paolo e inanellava, soprattutto ai tempi del Pocho Lavezzi, vittorie colte oltre il tempo regolamentare, talché la Zona Cesarini era diventata Zona Mazzarri; il quale, quando parlava della partita in generale, non diceva mai "nei novanta minuti", come logico, ma "nei novantacinque". Aveva dilatato il tempo e in quei minuti preziosi brillava la sua bravura ribattezzata dai critici avversi "fortuna". Thohir il Paziente (nel senso di tollerante, ma anche di malato) potrebbe aver sentito dire che Napoleone sceglieva i suoi generali individuando anche coloro che, a parte l'abilità di strateghi, mostravano di possedere la volgare virtù attribuita al posteriore; sicchè, fallita miseramente la benevola seppur inquieta attesa di vedere l'Inter trasformarsi in Beneamata dagli Dei, potrebbe indirizzare la sua ricerca verso altri lidi. Verso altre fortune. Grazie a Mazzoleni è finita anche l'eterna querelle dei rigori non dati all'Inter; grazie a Diego Milito, sorto come per incantesimo maligno dalla panchina e incaricatosi di batterlo, quel rigore atteso per trentatrè partite, il Curci disperato è riuscito nell'impresa - che diventerà leggenda se il Bologna si salverà - di parare il penalty dell'ennesima possibile sconfitta. Conosco i miei concittadini e so che se ne parlerà per anni, di quella fortunata sortita del portiere rossoblù, ridendo due volte: per la rinata speranza di salvezza e per la beffa giocata ai danni dell'eterna Nemica cui cinquant'anni fa - mica ieri - fu strappato uno storico scudetto nello sperggio dell'Olimpico. Mi duole aggiungere veleno al calice d'amarezza inghiottito da Mazzarri, ma è certo che - ironia a parte - qualcosa non funziona neppure in lui. Mi è scappato di dire - essendone sincero estimatore - che il Walter ch'io conosco non è mai arrivato a Milano, restando forse prigioniero del prezioso delirio napoletano, forse indotto a ricrearsi un'immagine buona e giusta per San Siro. Gliel'ha detto Franco Colomba, con squisita saggezza: "Quest'Inter non gioca secondo i tuoi canoni. Ti sei aggiornato per onorare San Siro, chiedendo alla tua Inter più qualità di quanta ne chiedevi al tuo Napoli". Mazzarri è caduto nell'involontaria trappola, e ha detto "sì", credendo di salvarsi con le sole buone intenzioni. Peccato che chi l'ha scelto - Massimo Moratti - fosse stato conquistato dalle sue gesta napoletane; e chi l'ha confermato - Thohir - fosse convinto di avere ingaggiato l'Uomo Vincente. Il Pareggiante non era previsto. Lo Sfortunato nemmeno. Que sera sera.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.