VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Inter, Mazzarri non parli di sfortuna. E ora è finita anche la querelle rigori

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
06.04.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 32302 volte
© foto di Federico De Luca

Fa male, Mazzarri, a parlare di sfortuna. Anche un indonesiano, forse mai sfiorato da ubbìe scaramantiche, finirebbe per crederci. E di attribuirne l'origine - la dolorosa produzione - all'allenatore più sfortunato dell'anno: lui, il Walter che descamisado infuocava il popolo del San Paolo e inanellava, soprattutto ai tempi del Pocho Lavezzi, vittorie colte oltre il tempo regolamentare, talché la Zona Cesarini era diventata Zona Mazzarri; il quale, quando parlava della partita in generale, non diceva mai "nei novanta minuti", come logico, ma "nei novantacinque". Aveva dilatato il tempo e in quei minuti preziosi brillava la sua bravura ribattezzata dai critici avversi "fortuna". Thohir il Paziente (nel senso di tollerante, ma anche di malato) potrebbe aver sentito dire che Napoleone sceglieva i suoi generali individuando anche coloro che, a parte l'abilità di strateghi, mostravano di possedere la volgare virtù attribuita al posteriore; sicchè, fallita miseramente la benevola seppur inquieta attesa di vedere l'Inter trasformarsi in Beneamata dagli Dei, potrebbe indirizzare la sua ricerca verso altri lidi. Verso altre fortune. Grazie a Mazzoleni è finita anche l'eterna querelle dei rigori non dati all'Inter; grazie a Diego Milito, sorto come per incantesimo maligno dalla panchina e incaricatosi di batterlo, quel rigore atteso per trentatrè partite, il Curci disperato è riuscito nell'impresa - che diventerà leggenda se il Bologna si salverà - di parare il penalty dell'ennesima possibile sconfitta. Conosco i miei concittadini e so che se ne parlerà per anni, di quella fortunata sortita del portiere rossoblù, ridendo due volte: per la rinata speranza di salvezza e per la beffa giocata ai danni dell'eterna Nemica cui cinquant'anni fa - mica ieri - fu strappato uno storico scudetto nello sperggio dell'Olimpico. Mi duole aggiungere veleno al calice d'amarezza inghiottito da Mazzarri, ma è certo che - ironia a parte - qualcosa non funziona neppure in lui. Mi è scappato di dire - essendone sincero estimatore - che il Walter ch'io conosco non è mai arrivato a Milano, restando forse prigioniero del prezioso delirio napoletano, forse indotto a ricrearsi un'immagine buona e giusta per San Siro. Gliel'ha detto Franco Colomba, con squisita saggezza: "Quest'Inter non gioca secondo i tuoi canoni. Ti sei aggiornato per onorare San Siro, chiedendo alla tua Inter più qualità di quanta ne chiedevi al tuo Napoli". Mazzarri è caduto nell'involontaria trappola, e ha detto "sì", credendo di salvarsi con le sole buone intenzioni. Peccato che chi l'ha scelto - Massimo Moratti - fosse stato conquistato dalle sue gesta napoletane; e chi l'ha confermato - Thohir - fosse convinto di avere ingaggiato l'Uomo Vincente. Il Pareggiante non era previsto. Lo Sfortunato nemmeno. Que sera sera.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.