HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
07.11.2018 07:41 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34929 volte

Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma visto l’ultima mezzora di personalità dell’Inter, provando effettivamente a vincere, nonostante i propri limiti e consapevole della differenza con il Barcellona, viene da chiedersi e da chiedere all’Inter (e a Spalletti): perché aspettare 150 minuti?

Già a Barcellona, nonostante il risultato livellato, l’Inter aveva abdicato dal provarci, e nonostante il Barça avesse concesso varie occasioni per darsi coraggio. Ma al Camp Nou si poteva comprendere.
A San Siro invece i blaugrana stessi hanno giocato una partita ben più efficace e gagliarda che in Catalogna, a prescindere dalla incapacità di segnare, e quello che colpisce l’amor proprio dell’Inter è proprio la paura. Il terrore avuto di essere sé stessi, di giocare il pallone, di aumentare l’intensità.
L’Inter ha giocato stringendo i denti: ma non nel senso del lottare, bensì nascondendo la testa sotto il braccio sperando che prima o poi non arrivasse lo scapaccione doloroso.

E’ ovvio che qualcosa negli spogliatoi è avvenuto, tipo Spalletti che moralmente abbia tirato per il bavero i suoi, gridandogli in faccia di riprendere conoscenza.
Ci sono appunto voluti 150 minuti totali, fino al 60’, per vedere l’Inter essere una squadra. Giocare e provarci assieme, a prescindere da ciò che non è possibile, ma con il senso di scendere in campo per uno scopo, e con un progetto.
Certo, caso vuole che il gol sia arrivato a 7 minuti dalla fine e proprio mentre l’Inter ci stava provando.
Ma era stata la normale inerzia della partita, e nessuno veramente avrebbe potrebbe recriminare sul vantaggio del Barcellona.
Non importa che la sconfitta con il Barcellona fosse ampiamente prevedibile e decisamente indolore visto l’andamento del girone.
Il punto è essere in Europa con il coraggio di essere sé stessi. Quello che è successo finalmente nell’ultima mezz’ora. E il pareggio dell’Inter non è arrivato per caso.

Peccato ci siano voluti 150 minuti. Ma alla fine l’Inter è rinvenuta. Un po’ come l’anno scorso, quando a febbraio sembrava uno zombie catatonico, e poi invece.
Nove mesi dopo, l’Inter riesce a pareggiare meritatamente con un ottimo Barcellona, dopo 60 minuti impresentabili.
Meglio tardi mai, e questo è totalmente merito di Luciano Spalletti.

A Napoli invece questa fase di autocoscienza è stata bypassata. A Napoli il limite è il cielo. A Napoli ci si affronta alla pari, viso aperto e spalle coperte contro le più grandi d’Europa. A Napoli si riceve il Liverpool e si gioca a chi è più bravo, si va a Parigi e si gareggia a chi ne ha di più, si accoglie il PSG e ci si batte a chi ha più palle.
A Napoli si guarda tutti negli occhi, senza paura e senza abbassarli. Forse alla fine non si sarà i più forti, ma il destino è nelle mani del Napoli.
La testa l’ha costruita il triennio di Sarei. Ma il merito di gettare il cuore oltre l’ostacolo è totalmente di Ancelotti.

Nel frattempo la Juventus ha un’occasione d’oro, anzi di più. Non è soltanto il fatto che vincendo sarebbe matematicamente prima a due giornate dalla fine e in faccia al Manchester United.
Quella più che altro è una soddisfazione.
No. L’occasione d’oro per la Juve in Champions serve per impostare il campionato, perfino per prepararsi…all’Inter.
Dice: ma sei fuori? Ma che c’entra l’Inter in campionato, che si gioca solo il 7 dicembre?
C’entra, c’entra tutto con la Juventus, che ha un appuntamento storico con il triplete e per questo deve provvedere a ogni dettaglio. Essere sicura di essere prima già dopo mercoledì notte significa per la Juve andare ad affrontare in totale scioltezza gli ultimi due turni di Champions, che altrimenti si sarebbero incastonati in una sequela terribile di calendario: le ultime due di Champions càpitano in mezzo a Fiorentina-Juve/ Juve-Inter/ Torino-Juve (e la Roma la settimana dopo). Anche da questo passa la stagione perfetta.

La Roma è decisamente lontana anche solo dal barlume di perfezione. Ma ancora una volta, una partita di Champions sembra essere una svolta capitale per i giallorossi. Capitale nel senso di sentenza nei confronti di Di Francesco. Molte voci sul fatto che un risultato negativo a Mosca possa comportare conseguenze sul futuro dell’allenatore.
Sembra follia che la situazione debba riproporsi a ogni stop della Roma in campionato, e subito prima di una partita in Champions. Però, a ben vedere, finora ha portato bene in Europa, e allora chissà: quasi quasi c’è da augurare a Eusebio di vivere pericolosamente, affinché possa vivere a lungo (finché regge).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510