HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
07.11.2018 07:41 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34843 volte

Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma visto l’ultima mezzora di personalità dell’Inter, provando effettivamente a vincere, nonostante i propri limiti e consapevole della differenza con il Barcellona, viene da chiedersi e da chiedere all’Inter (e a Spalletti): perché aspettare 150 minuti?

Già a Barcellona, nonostante il risultato livellato, l’Inter aveva abdicato dal provarci, e nonostante il Barça avesse concesso varie occasioni per darsi coraggio. Ma al Camp Nou si poteva comprendere.
A San Siro invece i blaugrana stessi hanno giocato una partita ben più efficace e gagliarda che in Catalogna, a prescindere dalla incapacità di segnare, e quello che colpisce l’amor proprio dell’Inter è proprio la paura. Il terrore avuto di essere sé stessi, di giocare il pallone, di aumentare l’intensità.
L’Inter ha giocato stringendo i denti: ma non nel senso del lottare, bensì nascondendo la testa sotto il braccio sperando che prima o poi non arrivasse lo scapaccione doloroso.

E’ ovvio che qualcosa negli spogliatoi è avvenuto, tipo Spalletti che moralmente abbia tirato per il bavero i suoi, gridandogli in faccia di riprendere conoscenza.
Ci sono appunto voluti 150 minuti totali, fino al 60’, per vedere l’Inter essere una squadra. Giocare e provarci assieme, a prescindere da ciò che non è possibile, ma con il senso di scendere in campo per uno scopo, e con un progetto.
Certo, caso vuole che il gol sia arrivato a 7 minuti dalla fine e proprio mentre l’Inter ci stava provando.
Ma era stata la normale inerzia della partita, e nessuno veramente avrebbe potrebbe recriminare sul vantaggio del Barcellona.
Non importa che la sconfitta con il Barcellona fosse ampiamente prevedibile e decisamente indolore visto l’andamento del girone.
Il punto è essere in Europa con il coraggio di essere sé stessi. Quello che è successo finalmente nell’ultima mezz’ora. E il pareggio dell’Inter non è arrivato per caso.

Peccato ci siano voluti 150 minuti. Ma alla fine l’Inter è rinvenuta. Un po’ come l’anno scorso, quando a febbraio sembrava uno zombie catatonico, e poi invece.
Nove mesi dopo, l’Inter riesce a pareggiare meritatamente con un ottimo Barcellona, dopo 60 minuti impresentabili.
Meglio tardi mai, e questo è totalmente merito di Luciano Spalletti.

A Napoli invece questa fase di autocoscienza è stata bypassata. A Napoli il limite è il cielo. A Napoli ci si affronta alla pari, viso aperto e spalle coperte contro le più grandi d’Europa. A Napoli si riceve il Liverpool e si gioca a chi è più bravo, si va a Parigi e si gareggia a chi ne ha di più, si accoglie il PSG e ci si batte a chi ha più palle.
A Napoli si guarda tutti negli occhi, senza paura e senza abbassarli. Forse alla fine non si sarà i più forti, ma il destino è nelle mani del Napoli.
La testa l’ha costruita il triennio di Sarei. Ma il merito di gettare il cuore oltre l’ostacolo è totalmente di Ancelotti.

Nel frattempo la Juventus ha un’occasione d’oro, anzi di più. Non è soltanto il fatto che vincendo sarebbe matematicamente prima a due giornate dalla fine e in faccia al Manchester United.
Quella più che altro è una soddisfazione.
No. L’occasione d’oro per la Juve in Champions serve per impostare il campionato, perfino per prepararsi…all’Inter.
Dice: ma sei fuori? Ma che c’entra l’Inter in campionato, che si gioca solo il 7 dicembre?
C’entra, c’entra tutto con la Juventus, che ha un appuntamento storico con il triplete e per questo deve provvedere a ogni dettaglio. Essere sicura di essere prima già dopo mercoledì notte significa per la Juve andare ad affrontare in totale scioltezza gli ultimi due turni di Champions, che altrimenti si sarebbero incastonati in una sequela terribile di calendario: le ultime due di Champions càpitano in mezzo a Fiorentina-Juve/ Juve-Inter/ Torino-Juve (e la Roma la settimana dopo). Anche da questo passa la stagione perfetta.

La Roma è decisamente lontana anche solo dal barlume di perfezione. Ma ancora una volta, una partita di Champions sembra essere una svolta capitale per i giallorossi. Capitale nel senso di sentenza nei confronti di Di Francesco. Molte voci sul fatto che un risultato negativo a Mosca possa comportare conseguenze sul futuro dell’allenatore.
Sembra follia che la situazione debba riproporsi a ogni stop della Roma in campionato, e subito prima di una partita in Champions. Però, a ben vedere, finora ha portato bene in Europa, e allora chissà: quasi quasi c’è da augurare a Eusebio di vivere pericolosamente, affinché possa vivere a lungo (finché regge).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy