HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Inter, presi Berardi e Manolas. Ma Conte resta al Chelsea. L'ultima pazza idea è Mourinho. Pioli non è un problema: c'è la Fiorentina. Allegri, cosa vuole per restare. Monchi porta Emery a Roma

07.04.2017 07:31 di Enzo Bucchioni   articolo letto 62701 volte
© foto di Federico De Luca

La sconfitta con la Sampdoria ha rimesso in moto tutte le vecchie inquietudini dell’Inter e degli interisti. Nel mirino c’è Pioli, forse troppo Normal one per un progetto ambiziosissimo, fatto con centinaia di milioni di euro e la voglia di vincere subito. Il signor Zhang, patron di Suning, è angosciato dalla domanda che si sente fare o teme di sentirsi fare dai milioni di tifosi cinesi dell’Inter: Pioli chi?

E allora ecco che continua la corsa a un grande santone della panchina, uno di quelli che hanno un nome e un curriculum da vincitore. Su Conte si è detto e scritto di tutto, ma resterà al Chelsea di sicuro un altro anno. In questa fase vuole semplicemente convincere Abramovich che se non rafforza i Blues sarà difficile provare a vincere la Champions l’anno prossimo. Ma il russo investirà e Conte resterà. Rima più o meno baciata. E allora? Ancelotti non si muove dal Bayern. Guardiola vuole la rivincita dal City. C’è sempre Simeone che rimbalza, ma il suo gioco non entusiasma. Siccome i cinesi sono diventati tifosi dell’Inter guardando i nerazzurri vincere il Triplete, ecco che qualcuno ha messo nell’orecchio di Zhang la pulce Mourinho. Perché non provare a riportare all’Inter il mitico Mou? Già perché. Mou, a domanda, ha sempre risposto con il classico "mai dire mai", ma al momento trattasi di suggestione. Difficilmente Mou lascia una piazza senza aver vinto qualcosa. La giostra, comunque, non è ferma e nella lista del casting uno dopo l’altro stanno finendo Spalletti, Pochettino, ma anche Emery.

E il povero Pioli? Sta lavorando benissimo come dimostrano i numeri, ma conoscendo il calcio non si meraviglia. Lui continua a lavorare per conquistare l’Europa League e guadagnare il rinnovo, ma a fine campionato chiederà soltanto una cosa: chiarezza. Dividersi, eventualmente, non sarà un problema. La Fiorentina lo corteggia con insistenza e starà ad aspettare ancora un po’ con Di Francesco, Semplici, Maran e Mazzarri in lista d’attesa.

Comunque Ausilio va avanti per la strada tracciata per il rafforzamento e almeno due colpi sono già quasi chiusi. Stiamo parlando di Berardi, un vecchio sogno che si avvera. Al Sassuolo dovrebbero andare 35 milioni più un giovane della Primavera. Squinzi vuole Pinamonti, l’Inter non molla, ma si discute. Molto avanzata è anche la strada che porta a Manolas con il sacrificio di Murillo che ha estimatori in Italia e non solo. Il giocatore è d’accordo, ma anche con la Roma è quasi fatta.

A proposito di Roma, l’addio di Spalletti è ormai una certezza. Chi arriverà? Il nuovo direttore sportivo Monchi sta lavorando sottotraccia proprio su Emery, come già scritto più di due mesi fa. La coppia che ha funzionato così bene a Siviglia potrebbe tornare unita a Roma con l’idea di dirottare Spalletti al Psg che già prima che andasse allo Zenit aveva messo gli occhi sull’allenatore italiano. La Juve, invece, è più lontana. Le ultime esternazioni di Spalletti non erano piaciute neppure negli ambienti bianconeri, ma nel frattempo, la permanenza di Allegri in bianconero è in netto rialzo.

Allegri sarà accontentato in sede di campagna acquisti con un profondo rinnovamento e potenziamento della rosa (nella sua lista Isco, Bernardeschi, Morata e Verratti), il prolungamento del contratto con ingaggio da top allenatore attorno ai sette milioni, come del resto merita il suo palmares. Sarà anche un catenacciaro (non è più vero) come ha polemizzato De Laurentiis dopo la sfida di coppa Italia, ma continua vincere e adesso la Juve ha pure un gioco più brillante.

Comunque Allegri e Marotta si metteranno a discutere dopo la doppia sfida con il Barcellona sperando di programmare in grande anche il finale di stagione.

Come obiettivo al Napoli è rimasto il secondo posto, ma anche quest’anno la squadra di Sarri merita il titolo di miglior gioco della serie A. Le sfide con il Real e con la Juve hanno detto chiaramente che la distanza che separa il Napoli dalle grandi non è più così evidente e De Laurentiis, dopo aver confermato e applaudito Sarri (ha il contratto fino al 2020), dovrà pensare a 2-3 innesti (soprattutto un portiere e un difensore) e alle firme di Mertens e Insigne per continuare a crescere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy