VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo

24.04.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53667 volte
© foto di Federico De Luca

Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma soprattutto hanno spazzato via 6 mesi di ottimo lavoro. Dopo Torino, l’Inter si è persa e si è auto eliminata. Bastava davvero poco per chiudere con dignità, invece, i nerazzurri stanno chiudendo come hanno iniziato. In mezzo un ottimo lavoro di Pioli che non basta quando hai singoli calciatori forti ma che insieme sono assortiti male e una società adatta, con tutto il rispetto ad una Sampdoria o un Bologna. Entriamo nel dettaglio: prima cosa da fare per il futuro è portare serenità e chiarezza nel club con il rispetto dei ruoli e cancellare alcune figure inutili o ingombranti. L’Inter non ha bisogno di un procuratore che si travesta da Direttore Sportivo. I procuratori vanno usati, non vanno subiti. Una società come Suning non ha bisogno di affidarsi ad un agente per fare mercato e soprattutto non ha bisogno di fare in modo che il calciatore sia sempre assistito dallo stesso agente prima di chiudere l’operazione. Una potenza internazionale come Suning non può fare questi giochini all’italiana che nel nostro Paese sono appartenuti o appartengono ad altri club. Primo punto: liberarsi di Kia. Secondo punto, cruciale. Prendere un Direttore Sportivo alla Monchi, con capacità e conoscenza internazionale ma allo stesso tempo un Direttore di polso che si faccia rispettare con stampa, squadra e allenatore. Il rinnovo di Ausilio lascia qualche dubbio perché se è vero che stiamo parlando di un ottimo Dirigente è anche vero che il progetto dell’Inter non può dipendere dal solo Ausilio che, finora, ha dimostrato di pagare troppo alcuni calciatori normali o, persino, mediocri. Serve un vero Direttore Generale. Anche qui, massimo rispetto per Giovanni Gardini ma ognuno di noi ha la sua storia. Gardini non è da top club internazionale e la sua dimensione, lo dice il curriculum, è Treviso e Verona. Non serve l’uomo bandiera. Mi correggo: servirebbe solo se con capacità dirigenziali. Javier Zanetti, icona di una grande Inter e uomo perbene, a questa Inter non serve a nulla. L’uomo immagine non serve, al massimo potrà fare da ambasciatore ma per gestire un club servono requisiti specifici. Per chiudere il discorso dell’Inter la sintesi è elementare: la società ormai è una potenza e da potenza va gestita. Serve un allenatore, italiano, con esperienza internazionale. Serve un Direttore Sportivo che sia la guida di Ausilio. No Sabatini per favore ha già fatto tanti danni a Roma. Serve un Direttore Generale e, se non si trova, va abolita la figura della bandiera. Nedved alla Juve influisce, Zanetti all’Inter guarda inerme. Bandiere che non sventolano sono solo ingombranti e inutili. Meglio metterle in soffitta.
Il Milan non è messo meglio ma il Milan ha mille giusitificazioni. Quelle che aveva l’Inter due anni fa e l’anno scorso. Premesso che Galliani a San Siro non porta bene neanche da tifoso, gli ultimi avvenimenti confermano che, al contrario del pensiero di molti, di questa squadra c’è poco (forse nulla) da salvare. Devi salvare Montella, devi salvare Donnarumma, Suso, Romagnoli, Locatelli e al massimo altre due figure. Poi vanno spediti tutti lontano da Milanello e tirare un sospiro di sollievo solo quando sarai certo che sono almeno distanti 800 km da Milanello. Questa squadra ha calciatori scarsi, incapaci di soffrire anche la minima pressione e messi insieme non mettono su una squadra decente. E pensare che stiamo parlando di uno dei campionati più mediocri degli ultimi tempi. Nonostante questo, il Milan rischia di restare ancora fuori dall’Europa dei poveri. Le colpe sono della dirigenza passata che si vantava di aver costruito una buona squadra, invece, questo gruppo è la conferma dei disastri commessi negli ultimi tre anni. Mirabelli, però, commette un grosso errore. Se rilascia dichiarazioni alla stampa, dicendo che questa squadra ha una buona base di partenza, avalla i disastri commessi precedentemente. E’ ovvio che, da appena subentrato, non può sputare in faccia a tutti ma allo stesso tempo neanche può dire ciò che non pensa. La cortesia e la diplomazia sono una cosa, avallare follie altrui è reato calcistico. Fassone e Mirabelli sono in una situazione scomoda. Vivere in una casa piena di polvere, sporcata da altri, e non puoi fare pulizie fino a metà maggio. Lavoraccio. Il consiglio che diamo a Fassone e Mirabelli è di non rilasciare dichiarazioni che non appartengono al loro pensiero perché quelle frasi restano e un giorno potrebbero essere utilizzate come un boomerang dai tifosi e dalla stampa nemica. Il pensiero di Mirabelli è chiaro: tranne Montella e 4-5 vanno spediti tutti al mare. Poi va in tv e deve fare il De Mita dei bei tempi. Caro Mirabelli, la D.C. è morta da anni…
La serie B è sicuramente più elettrizzante della serie A. Squadre apparentemente morte sono risorte grazie ad un semplice cambio di panchina. A Terni Benny Carbone non aveva lavorato male, il suo successore Gautieri non è stato fortunato poi con l’arrivo di Liverani è cambiato tutto. Squadra con idee e con spirito diverso. Devo dare atto pubblicamente ad Alessandro Moggi di aver avuto ragione su Liverani. Ha cambiato gioco e mentalità ad una Ternana sepolta. Per non parlare del Trapani. Qui non c’è stata solo la rivoluzione tecnica di Alessandro Calori che, grazie a questi mesi, si è rivalutato dopo stagioni deludenti che lo avevano fatto finire ai margini del calcio che conta. A Trapani in estate erano stati fatti i disastri, la squadra è stata rivoluzionata e il miracolo è quasi concluso. Una squadra già retrocessa in C rischia di salvarsi, quasi sicuramente, senza neanche la coda dei play out. Miracolo vero! Bravi.
11 mesi dopo, invece, il mondo è cambiato. Dai tafferugli alle risse De Zerbi-Gattuso alla festa del Pisa e alla depressione del Foggia. 11 mesi dopo il Foggia si è ripreso quello che sembrava suo con gli interessi e il Pisa ha pagato una scellerata gestione societaria che ha portato la squadra a morire lentamente. Valutazione: il Foggia, lo scorso anno come quest’anno, aveva una società alle spalle. Il Pisa era nel delirio più totale. Una volta può spuntarla la squadra più forte e la società più debole ma alla lunga, la programmazione e la serietà di una società, ti presentano il conto. Il conto, a Pisa, è salatissimo. A Foggia, con il conto, in questi giorni servono anche un fantastico dolce. Specialità della casa. Alè.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.