VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo

24.04.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53641 volte
© foto di Federico De Luca

Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma soprattutto hanno spazzato via 6 mesi di ottimo lavoro. Dopo Torino, l’Inter si è persa e si è auto eliminata. Bastava davvero poco per chiudere con dignità, invece, i nerazzurri stanno chiudendo come hanno iniziato. In mezzo un ottimo lavoro di Pioli che non basta quando hai singoli calciatori forti ma che insieme sono assortiti male e una società adatta, con tutto il rispetto ad una Sampdoria o un Bologna. Entriamo nel dettaglio: prima cosa da fare per il futuro è portare serenità e chiarezza nel club con il rispetto dei ruoli e cancellare alcune figure inutili o ingombranti. L’Inter non ha bisogno di un procuratore che si travesta da Direttore Sportivo. I procuratori vanno usati, non vanno subiti. Una società come Suning non ha bisogno di affidarsi ad un agente per fare mercato e soprattutto non ha bisogno di fare in modo che il calciatore sia sempre assistito dallo stesso agente prima di chiudere l’operazione. Una potenza internazionale come Suning non può fare questi giochini all’italiana che nel nostro Paese sono appartenuti o appartengono ad altri club. Primo punto: liberarsi di Kia. Secondo punto, cruciale. Prendere un Direttore Sportivo alla Monchi, con capacità e conoscenza internazionale ma allo stesso tempo un Direttore di polso che si faccia rispettare con stampa, squadra e allenatore. Il rinnovo di Ausilio lascia qualche dubbio perché se è vero che stiamo parlando di un ottimo Dirigente è anche vero che il progetto dell’Inter non può dipendere dal solo Ausilio che, finora, ha dimostrato di pagare troppo alcuni calciatori normali o, persino, mediocri. Serve un vero Direttore Generale. Anche qui, massimo rispetto per Giovanni Gardini ma ognuno di noi ha la sua storia. Gardini non è da top club internazionale e la sua dimensione, lo dice il curriculum, è Treviso e Verona. Non serve l’uomo bandiera. Mi correggo: servirebbe solo se con capacità dirigenziali. Javier Zanetti, icona di una grande Inter e uomo perbene, a questa Inter non serve a nulla. L’uomo immagine non serve, al massimo potrà fare da ambasciatore ma per gestire un club servono requisiti specifici. Per chiudere il discorso dell’Inter la sintesi è elementare: la società ormai è una potenza e da potenza va gestita. Serve un allenatore, italiano, con esperienza internazionale. Serve un Direttore Sportivo che sia la guida di Ausilio. No Sabatini per favore ha già fatto tanti danni a Roma. Serve un Direttore Generale e, se non si trova, va abolita la figura della bandiera. Nedved alla Juve influisce, Zanetti all’Inter guarda inerme. Bandiere che non sventolano sono solo ingombranti e inutili. Meglio metterle in soffitta.
Il Milan non è messo meglio ma il Milan ha mille giusitificazioni. Quelle che aveva l’Inter due anni fa e l’anno scorso. Premesso che Galliani a San Siro non porta bene neanche da tifoso, gli ultimi avvenimenti confermano che, al contrario del pensiero di molti, di questa squadra c’è poco (forse nulla) da salvare. Devi salvare Montella, devi salvare Donnarumma, Suso, Romagnoli, Locatelli e al massimo altre due figure. Poi vanno spediti tutti lontano da Milanello e tirare un sospiro di sollievo solo quando sarai certo che sono almeno distanti 800 km da Milanello. Questa squadra ha calciatori scarsi, incapaci di soffrire anche la minima pressione e messi insieme non mettono su una squadra decente. E pensare che stiamo parlando di uno dei campionati più mediocri degli ultimi tempi. Nonostante questo, il Milan rischia di restare ancora fuori dall’Europa dei poveri. Le colpe sono della dirigenza passata che si vantava di aver costruito una buona squadra, invece, questo gruppo è la conferma dei disastri commessi negli ultimi tre anni. Mirabelli, però, commette un grosso errore. Se rilascia dichiarazioni alla stampa, dicendo che questa squadra ha una buona base di partenza, avalla i disastri commessi precedentemente. E’ ovvio che, da appena subentrato, non può sputare in faccia a tutti ma allo stesso tempo neanche può dire ciò che non pensa. La cortesia e la diplomazia sono una cosa, avallare follie altrui è reato calcistico. Fassone e Mirabelli sono in una situazione scomoda. Vivere in una casa piena di polvere, sporcata da altri, e non puoi fare pulizie fino a metà maggio. Lavoraccio. Il consiglio che diamo a Fassone e Mirabelli è di non rilasciare dichiarazioni che non appartengono al loro pensiero perché quelle frasi restano e un giorno potrebbero essere utilizzate come un boomerang dai tifosi e dalla stampa nemica. Il pensiero di Mirabelli è chiaro: tranne Montella e 4-5 vanno spediti tutti al mare. Poi va in tv e deve fare il De Mita dei bei tempi. Caro Mirabelli, la D.C. è morta da anni…
La serie B è sicuramente più elettrizzante della serie A. Squadre apparentemente morte sono risorte grazie ad un semplice cambio di panchina. A Terni Benny Carbone non aveva lavorato male, il suo successore Gautieri non è stato fortunato poi con l’arrivo di Liverani è cambiato tutto. Squadra con idee e con spirito diverso. Devo dare atto pubblicamente ad Alessandro Moggi di aver avuto ragione su Liverani. Ha cambiato gioco e mentalità ad una Ternana sepolta. Per non parlare del Trapani. Qui non c’è stata solo la rivoluzione tecnica di Alessandro Calori che, grazie a questi mesi, si è rivalutato dopo stagioni deludenti che lo avevano fatto finire ai margini del calcio che conta. A Trapani in estate erano stati fatti i disastri, la squadra è stata rivoluzionata e il miracolo è quasi concluso. Una squadra già retrocessa in C rischia di salvarsi, quasi sicuramente, senza neanche la coda dei play out. Miracolo vero! Bravi.
11 mesi dopo, invece, il mondo è cambiato. Dai tafferugli alle risse De Zerbi-Gattuso alla festa del Pisa e alla depressione del Foggia. 11 mesi dopo il Foggia si è ripreso quello che sembrava suo con gli interessi e il Pisa ha pagato una scellerata gestione societaria che ha portato la squadra a morire lentamente. Valutazione: il Foggia, lo scorso anno come quest’anno, aveva una società alle spalle. Il Pisa era nel delirio più totale. Una volta può spuntarla la squadra più forte e la società più debole ma alla lunga, la programmazione e la serietà di una società, ti presentano il conto. Il conto, a Pisa, è salatissimo. A Foggia, con il conto, in questi giorni servono anche un fantastico dolce. Specialità della casa. Alè.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.