VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Inter regina ma, se non vendi, i soldi da dove arrivano? Juve, non sottovalutare le partenze di Tevez e Pirlo. Udinese-Watford, assurdi paragoni. Clamoroso al Cibali: qualcuno viveva sulla luna!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.06.2015 09:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 142953 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Siamo reduci dalla sbornia di Castiglioncello: Tuttomercatoweb ha portato in Toscana più operatori di mercato di quanti ce ne fossero giovedì scorso all'Ata Hotel. Premi, trattative segrete e grandi mangiate di pesce alla Baracchina. Quando il mercato si sposta al mare è un piacere. Nel frattempo la regina resta l'Inter, che ha deciso di partire con il botto. Ausilio è andato a Montecarlo e ha sfrecciato come una Ferrari. Nel Principato Galliani è stato battuto in un derby, per lui, rovinoso. Con Bertolacci i rossoneri provano a ripartire, anche se la cifra non è quella giusta. Berlusconi voleva ripartire dal progetto giovani italiani, poi si è sbizzarrito con Kondogbia-Ibra e Martinez per poi tornare su Baselli e Bertolacci. L'Inter non si ferma e sembra voglia accontentare, su più fronti, Roberto Mancini. Ausilio sta lavorando bene e con astuzia, anche se ci sorge spontanea la domanda: da dove arrivano tutti questi soldi se i nerazzurri non cederanno? Prima o poi bisognerà fare cassa perché le parole di Thohir non risalgono a 20 anni fa ma solo a pochi mesi fa. Moratti è una presenza fissa e ingombrante nel mondo Inter e non tutti sono convinti della sua definitiva uscita di scena dal club. La Juventus, invece, è super attiva; come l'Inter ma su doppio fronte. Persi Tevez e Pirlo, arrivati Mandzukic, Khedira e Dybala oggi non ce la sentiamo di dire che Allegri ha una squadra più forte rispetto a quella dello scorso campionato. E' un gruppo diverso e con meno qualità. La Juve ha bisogno di altri rinforzi perché - se è vero che in Italia resta leader indiscussa - in Europa farà fatica a migliorare il secondo posto di Berlino. Tra Vidal e Pogba la sensazione è che il mercato sia ancora tutto in fieri. Ma, dopo Pirlo e Tevez, la Juventus non può proprio perdere il terzo top player nell'undici iniziale: sarebbe un colpo durissimo. Ci aspettiamo sempre un difensore di spessore per migliorare la linea davanti a Buffon.
Nel frattempo la Roma è agitata. Incassa per Bertolacci, spende per Nainggolan, prova a piazzare Destro e ci sembra che Sabatini navighi a vista. Le idee chiare, su come rinforzare questa Roma, non le ha. La tifoseria gialorrosa non concederà altre battute a vuoto, perché le umiliazioni dello scorso anno sono state numerose e le aspettative sono state ampiamente tradite, nonostante alla fine si sia rimediato con il secondo posto e il piazzamento Champions.
A Udine sono preoccupati perché Gino Pozzo prova a costruire un grande Watford. I tifosi friulani non devono vedere con ansia gli sviluppi del club inglese. Sarebbe un errore. Le ragioni sono semplici. L'Udinese non ha mai fatto acquisti di spessore con nomi roboanti, quindi quest'anno, rispetto alle ultime sessioni di mercato, non è cambiato nulla. In Friuli arrivano sconosciuti e partono campioni. La politica è sempre stata questa e mai cambierà. C'è chi, tendenzialmente, dimentica che l'Udinese sarà pronta con un gioiellino che si chiama "Friuli" che è un vero e proprio regalo ai tifosi. Una casa tutta per l'Udinese e dell'Udinese è molto più importante di mille nomi per il fantamercato. Fattore economico da non sottovalutare: come si può paragonare l'Udinese al Watford? In Italia, una squadra medio piccola, può permettersi un mercato con un budget tra i 25 e i 30 milioni di euro. In Premier il budget è completamente differente e con 80 milioni di sterline nel cassetto sei obbligato a prendere calciatori di valore per dover competere con Chelsea, United, City, Liverpool e Arsenal. Per l'Udinese è molto più semplice competere con Napoli, Fiorentina, Milan, Inter, Carpi, Bologna e Frosinone. Paragoni assurdi che non stanno né in cielo né in terra. Ogni club gestisce il budget che la Lega del Paese mette a disposizione attraverso diritti tv e mutualità.
Clamoroso al Cibali si gridava in radio negli anni '80. Questa volta è un grido di dolore perché i tifosi rischiano di perdere la propria squadra e la città non crede a quello che sta realmente accadendo. In due anni si è passati dalla quasi Europa alla quasi serie C, stando agli atti evitata solo grazie ad una serie di partite truccate. Non vogliamo fare i professori perché ci mancano bacchetta e cattedra, però, chi viene pagato per vigilare e per rendere regolare questo torneo non può dormire 24 ore al giorno. La serie B è nella bufera e Tavecchio non può scandalizzarsi quando ascolta le intercettazioni della Procura di Catania. Perché, lui, come noi, da due anni non si chiede come mai Cosentino da procuratore fa una carriera da dirigente sportivo e il Presidente non lo manda via nonostante i pessimi risultati? Perché oggi ci meravigliamo di tutto questo schifo e ancora non abbiamo capito o saputo perché Cosentino è entrato nel Calcio Catania? Di mezzo ci sono anche i fondi? Forse il fondo c'è e lo abbiamo anche toccato. La Procura continua ad indagare, i campionati slitteranno e non sappiamo ancora le verità. Tutte le verità. Inizialmente non c'erano calciatori del catania indagati, gli avversari delle 5 squadre erano al massimo 5 calciatori e dovevamo credere che la combine fosse architettata solo da Pulvirenti, Cosentino e Delli Carri. Il giro è molto più ampio, le squadre sono molte di più e i calciatori coinvolti sono numerosi. Per taroccare una partita di calcio non bastano 2 elementi, ne occorrono almeno 7-8. Non scherziamo e non crediamo più alle favole. Abbiamo letto tante storie e sentito troppi cantastorie. Ci sono troppo marcio e troppe falsità. Catania è giusto che paghi ma è altrettanto giusto che paghino tutti coloro i quali sono stati coinvolti nella frode sportiva. La responsabilità oggettiva è una grande cretinata perché una società non può controllare la vita privata di tutti i suoi tesserati, altrimenti anche Lega e Federazione dovrebbero essere punite dalla responsabilità oggettiva per mancato controllo sui propri presidenti. Bisogna punire, in maniera esemplare, chi compra e vende le partite e chi (seppur a conoscenza dei fatti) non denuncia. Blocchiamo i ripescaggi da subito e non dal 2016-2017 e stiamo attenti a non ripescare, se proprio dobbiamo, pesci marci ed avariati. D'altronde il pesce puzza sempre dalla testa...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.