HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

30.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23230 volte
Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

L’addio ravvicinato di Sabatini e Capello al mondo Suning e alla Cina hanno fatto pensare e scrivere di tutto e di più. La più grossa racconta più o meno così: Suning rivende l’Inter e lascia il calcio. Niente di più falso. Non è così. Nessun addio, nessun ridimensionamento o ripensamento. E allora? Che succede?

Il problema è tecnico e culturale allo stesso tempo. Chi pensa che i cinesi, in assoluto e non soltanto il signor Zhang, ragionino come noi, abbiano la nostra stessa idea del mondo e degli affari, sbaglia di grosso. Chi ritiene che il fatto stesso che noi sappiamo più di calcio di loro possa autorizzarci ad avere l’ultima parola, sbaglia ancor di più.

L’addio di Sabatini altro non è se non la presa d’atto della scarsa conciliabilità di due mondi. Sabatini è un grande uomo di calcio, per me uno dei migliori se non il migliore in assoluto. La carriera parla. Dopo quaranta anni ha esperienza e modi di fare consolidati. Ci tiene soprattutto alla sua autonomia e anche se conosce il gioco di squadra, spesso gioca da solo, come tutti i fuoriclasse. I cinesi no. I cinesi discutono, analizzano, pensano, valutano, prendono tempo, sono pieni di dubbi e di cavilli. Un modo di fare che mal si concilia con il decisionismo di Walter Sabatini. Lui, per cultura, è abituato a pensare le squadre e a farle direttamente. Ama il rischio di qualche colpo ad effetto. I cinesi no. E facile così capire come questa convivenza non potesse durare oltre. Sabatini era un uomo in gabbia, fra vincoli e paletti. Si sentiva frustrato nel suo lavoro. Il discorso su Capello è diverso. Il signor Zhang ha deciso di ingaggiare un allenatore dal curriculum prestigioso pensando che un uomo solo potesse risolvere i problemi della sua squadra cinese, lo Jiangsu. Capello s’è salvato, ma i cinesi, anche per le restrizioni e i freni imposti dal governo contro gli sprechi del calcio, presto si sono pentiti di un ingaggio così elevato. Forse si aspettavano di più da un manager che prende dieci milioni di euro, parallelamente Capello non era contento, pensava di poter incidere di più sul mercato. Al suo posto hanno preso un allenatore normale, che costa poco.

Così si comprendono anche le parole dell’Ad Antonello che ha bollato le vicende come “Cose personali”. In un certo senso lo sono.

Insomma, anche senza Sabatini l’Inter andrà avanti con i suoi programmi e non è detto neppure che venga di nuovo affidata a qualcuno la carica di coordinatore delle squadre di Suning. E’ assai probabile che resti il solo Ausilio ad occuparsi del mercato.

Suning ha già messo nell’Inter quasi 600 milioni, ma anche ieri Steven Zhang ha ribadito che i programmi di rafforzamento comunque andranno avanti. Naturalmente con oculatezza e attenzione ai conti. Fair play finanziario a parte, oggi comunque è fondamentale che i bilanci delle società siano in ordine. Chi pensava che la ricchissima Suning potesse immettere capitali a pioggia ha sbagliato di grosso, non sono più i tempi dei ricchi scemi. I cinesi investiranno ancora, vogliono la Champions stabilmente, ma con tempi e modi compatibili. Ma investiranno, è certo, e la conferma è importante. La dimostrazione arriva dall’acquisto di Lautaro Martinez, pagato quasi venticinque milioni. Ma l’altra dimostrazione, quella che il bilancio va sempre osservato, arriva anche dall’ingaggio di due svincolati come De Vraij della Lazio e Asamoah della Juve. L’Inter vuole crescere con intelligenza.

Il problema vero, caso mai, è il rinnovo di Icardi che sta chiedendo cifre molto elevate di ingaggio (alla fine con i bonus circa otto milioni) per rinnovare e alzare la clausola rescissoria a 200 milioni. Si discute, ma l’accordo non è facile e attorno a Icardi continuano ad esserci molte sirene. Finirà sul mercato sostituito proprio da Lautaro Martinez? Per ora Icardi sembra molto legato all’Inter, non ha avanzato richieste in questo senso, ma il caso è aperto.

Non è un caso, invece, il rinnovo di Rino Gattuso. Come vi avevamo scritto un mese fa proprio su questo editoriale ancora in memoria, il Milan ha da tempo deciso di rinnovare il contratto di Gattuso e lo aveva comunicato anche al tecnico. Era la fine di febbraio. Un modo per dargli fiducia, per caricarlo ulteriormente in vista di questa volta-Champions. Gattuso ha ringraziato, si è detto felice e d’accordo, ma anche per scaramanzia, ha chiesto di rinviare il tutto. Non vuole distrazioni. Naturalmente la pratica è andata avanti, Fassone ha preparato la bozza per il rinnovo che è stata sottoposta all’allenatore. Firmerà appena lo deciderà lui. Si è lavorato molto alla parte burocratica durante questa sosta, è tutto pronto, non è escluso che l’annuncio del rinnovo possa essere dato oggi alla vigilia della sfida con la Juve anche se nei fatti ormai è tutto scontato e assodato come vi avevamo scritto.

Sempre in tema allenatori, resta caldo il discorso nazionale. Ancelotti, il più amato dagli italiani, ha detto chiaramente a Costacurta che ha ancora voglia di allenare un club. Vuole fare un’altra esperienza in Inghilterra. Anche per correttezza, aspetta l’Arsenal che lo ha contattato prima della Nazionale. Perché non firma allora? Perché in seno alla società inglese ci sono due anime, una vorrebbe Ancelotti, un allenatore esperto in grado di provare a vincere subito. L’altra anima punta invece su un giovane come il tedesco Tuchel (45 anni, ex Borussia), per rifare un’esperienza lunga come quella di Wenger. Appena le cose saranno più chiare e se l’Arsenal dovesse decidere per Tuchel, Costacurta farà un altro tentativo, ma la strada è molto in salita. Per me possibilità zero.

Chiudo con il ricordo di Mondonico. Ho letto di tutto e di più, la retorica non serve e lui non l’amava. Mondonico sapevamo tutti molto bene chi fosse, cosa ha fatto, le sue straordinarie qualità di uomo e tecnico. Un uomo pieno di valori e di ideali che al calcio manca già. Uno degli ultimi che metteva nel pallone umanità, passione e umiltà. Ha trasformato squadre normali in grandi squadre proprio perché sapeva cementare tutto e tutti attorno a lui. Attorno alla maglia. Amava il pane e il salame. Lui era pane e salame. Genuino e onesto. Un grande professionista perbene. Ci manca già come ci mancano Davide Astori e Fabrizio Frizzi, persone straordinarie, ma normali, in mondi dove la normalità fa fatica a trovare alloggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->