HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

30.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23228 volte
Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

L’addio ravvicinato di Sabatini e Capello al mondo Suning e alla Cina hanno fatto pensare e scrivere di tutto e di più. La più grossa racconta più o meno così: Suning rivende l’Inter e lascia il calcio. Niente di più falso. Non è così. Nessun addio, nessun ridimensionamento o ripensamento. E allora? Che succede?

Il problema è tecnico e culturale allo stesso tempo. Chi pensa che i cinesi, in assoluto e non soltanto il signor Zhang, ragionino come noi, abbiano la nostra stessa idea del mondo e degli affari, sbaglia di grosso. Chi ritiene che il fatto stesso che noi sappiamo più di calcio di loro possa autorizzarci ad avere l’ultima parola, sbaglia ancor di più.

L’addio di Sabatini altro non è se non la presa d’atto della scarsa conciliabilità di due mondi. Sabatini è un grande uomo di calcio, per me uno dei migliori se non il migliore in assoluto. La carriera parla. Dopo quaranta anni ha esperienza e modi di fare consolidati. Ci tiene soprattutto alla sua autonomia e anche se conosce il gioco di squadra, spesso gioca da solo, come tutti i fuoriclasse. I cinesi no. I cinesi discutono, analizzano, pensano, valutano, prendono tempo, sono pieni di dubbi e di cavilli. Un modo di fare che mal si concilia con il decisionismo di Walter Sabatini. Lui, per cultura, è abituato a pensare le squadre e a farle direttamente. Ama il rischio di qualche colpo ad effetto. I cinesi no. E facile così capire come questa convivenza non potesse durare oltre. Sabatini era un uomo in gabbia, fra vincoli e paletti. Si sentiva frustrato nel suo lavoro. Il discorso su Capello è diverso. Il signor Zhang ha deciso di ingaggiare un allenatore dal curriculum prestigioso pensando che un uomo solo potesse risolvere i problemi della sua squadra cinese, lo Jiangsu. Capello s’è salvato, ma i cinesi, anche per le restrizioni e i freni imposti dal governo contro gli sprechi del calcio, presto si sono pentiti di un ingaggio così elevato. Forse si aspettavano di più da un manager che prende dieci milioni di euro, parallelamente Capello non era contento, pensava di poter incidere di più sul mercato. Al suo posto hanno preso un allenatore normale, che costa poco.

Così si comprendono anche le parole dell’Ad Antonello che ha bollato le vicende come “Cose personali”. In un certo senso lo sono.

Insomma, anche senza Sabatini l’Inter andrà avanti con i suoi programmi e non è detto neppure che venga di nuovo affidata a qualcuno la carica di coordinatore delle squadre di Suning. E’ assai probabile che resti il solo Ausilio ad occuparsi del mercato.

Suning ha già messo nell’Inter quasi 600 milioni, ma anche ieri Steven Zhang ha ribadito che i programmi di rafforzamento comunque andranno avanti. Naturalmente con oculatezza e attenzione ai conti. Fair play finanziario a parte, oggi comunque è fondamentale che i bilanci delle società siano in ordine. Chi pensava che la ricchissima Suning potesse immettere capitali a pioggia ha sbagliato di grosso, non sono più i tempi dei ricchi scemi. I cinesi investiranno ancora, vogliono la Champions stabilmente, ma con tempi e modi compatibili. Ma investiranno, è certo, e la conferma è importante. La dimostrazione arriva dall’acquisto di Lautaro Martinez, pagato quasi venticinque milioni. Ma l’altra dimostrazione, quella che il bilancio va sempre osservato, arriva anche dall’ingaggio di due svincolati come De Vraij della Lazio e Asamoah della Juve. L’Inter vuole crescere con intelligenza.

Il problema vero, caso mai, è il rinnovo di Icardi che sta chiedendo cifre molto elevate di ingaggio (alla fine con i bonus circa otto milioni) per rinnovare e alzare la clausola rescissoria a 200 milioni. Si discute, ma l’accordo non è facile e attorno a Icardi continuano ad esserci molte sirene. Finirà sul mercato sostituito proprio da Lautaro Martinez? Per ora Icardi sembra molto legato all’Inter, non ha avanzato richieste in questo senso, ma il caso è aperto.

Non è un caso, invece, il rinnovo di Rino Gattuso. Come vi avevamo scritto un mese fa proprio su questo editoriale ancora in memoria, il Milan ha da tempo deciso di rinnovare il contratto di Gattuso e lo aveva comunicato anche al tecnico. Era la fine di febbraio. Un modo per dargli fiducia, per caricarlo ulteriormente in vista di questa volta-Champions. Gattuso ha ringraziato, si è detto felice e d’accordo, ma anche per scaramanzia, ha chiesto di rinviare il tutto. Non vuole distrazioni. Naturalmente la pratica è andata avanti, Fassone ha preparato la bozza per il rinnovo che è stata sottoposta all’allenatore. Firmerà appena lo deciderà lui. Si è lavorato molto alla parte burocratica durante questa sosta, è tutto pronto, non è escluso che l’annuncio del rinnovo possa essere dato oggi alla vigilia della sfida con la Juve anche se nei fatti ormai è tutto scontato e assodato come vi avevamo scritto.

Sempre in tema allenatori, resta caldo il discorso nazionale. Ancelotti, il più amato dagli italiani, ha detto chiaramente a Costacurta che ha ancora voglia di allenare un club. Vuole fare un’altra esperienza in Inghilterra. Anche per correttezza, aspetta l’Arsenal che lo ha contattato prima della Nazionale. Perché non firma allora? Perché in seno alla società inglese ci sono due anime, una vorrebbe Ancelotti, un allenatore esperto in grado di provare a vincere subito. L’altra anima punta invece su un giovane come il tedesco Tuchel (45 anni, ex Borussia), per rifare un’esperienza lunga come quella di Wenger. Appena le cose saranno più chiare e se l’Arsenal dovesse decidere per Tuchel, Costacurta farà un altro tentativo, ma la strada è molto in salita. Per me possibilità zero.

Chiudo con il ricordo di Mondonico. Ho letto di tutto e di più, la retorica non serve e lui non l’amava. Mondonico sapevamo tutti molto bene chi fosse, cosa ha fatto, le sue straordinarie qualità di uomo e tecnico. Un uomo pieno di valori e di ideali che al calcio manca già. Uno degli ultimi che metteva nel pallone umanità, passione e umiltà. Ha trasformato squadre normali in grandi squadre proprio perché sapeva cementare tutto e tutti attorno a lui. Attorno alla maglia. Amava il pane e il salame. Lui era pane e salame. Genuino e onesto. Un grande professionista perbene. Ci manca già come ci mancano Davide Astori e Fabrizio Frizzi, persone straordinarie, ma normali, in mondi dove la normalità fa fatica a trovare alloggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy