HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

30.03.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23222 volte
Inter, Suning non molla. I piani di rilancio anche senza Sabatini. Il problema è Icardi. Milan, la verità sul rinnovo di Gattuso. Mondo, ci mancherai

L’addio ravvicinato di Sabatini e Capello al mondo Suning e alla Cina hanno fatto pensare e scrivere di tutto e di più. La più grossa racconta più o meno così: Suning rivende l’Inter e lascia il calcio. Niente di più falso. Non è così. Nessun addio, nessun ridimensionamento o ripensamento. E allora? Che succede?

Il problema è tecnico e culturale allo stesso tempo. Chi pensa che i cinesi, in assoluto e non soltanto il signor Zhang, ragionino come noi, abbiano la nostra stessa idea del mondo e degli affari, sbaglia di grosso. Chi ritiene che il fatto stesso che noi sappiamo più di calcio di loro possa autorizzarci ad avere l’ultima parola, sbaglia ancor di più.

L’addio di Sabatini altro non è se non la presa d’atto della scarsa conciliabilità di due mondi. Sabatini è un grande uomo di calcio, per me uno dei migliori se non il migliore in assoluto. La carriera parla. Dopo quaranta anni ha esperienza e modi di fare consolidati. Ci tiene soprattutto alla sua autonomia e anche se conosce il gioco di squadra, spesso gioca da solo, come tutti i fuoriclasse. I cinesi no. I cinesi discutono, analizzano, pensano, valutano, prendono tempo, sono pieni di dubbi e di cavilli. Un modo di fare che mal si concilia con il decisionismo di Walter Sabatini. Lui, per cultura, è abituato a pensare le squadre e a farle direttamente. Ama il rischio di qualche colpo ad effetto. I cinesi no. E facile così capire come questa convivenza non potesse durare oltre. Sabatini era un uomo in gabbia, fra vincoli e paletti. Si sentiva frustrato nel suo lavoro. Il discorso su Capello è diverso. Il signor Zhang ha deciso di ingaggiare un allenatore dal curriculum prestigioso pensando che un uomo solo potesse risolvere i problemi della sua squadra cinese, lo Jiangsu. Capello s’è salvato, ma i cinesi, anche per le restrizioni e i freni imposti dal governo contro gli sprechi del calcio, presto si sono pentiti di un ingaggio così elevato. Forse si aspettavano di più da un manager che prende dieci milioni di euro, parallelamente Capello non era contento, pensava di poter incidere di più sul mercato. Al suo posto hanno preso un allenatore normale, che costa poco.

Così si comprendono anche le parole dell’Ad Antonello che ha bollato le vicende come “Cose personali”. In un certo senso lo sono.

Insomma, anche senza Sabatini l’Inter andrà avanti con i suoi programmi e non è detto neppure che venga di nuovo affidata a qualcuno la carica di coordinatore delle squadre di Suning. E’ assai probabile che resti il solo Ausilio ad occuparsi del mercato.

Suning ha già messo nell’Inter quasi 600 milioni, ma anche ieri Steven Zhang ha ribadito che i programmi di rafforzamento comunque andranno avanti. Naturalmente con oculatezza e attenzione ai conti. Fair play finanziario a parte, oggi comunque è fondamentale che i bilanci delle società siano in ordine. Chi pensava che la ricchissima Suning potesse immettere capitali a pioggia ha sbagliato di grosso, non sono più i tempi dei ricchi scemi. I cinesi investiranno ancora, vogliono la Champions stabilmente, ma con tempi e modi compatibili. Ma investiranno, è certo, e la conferma è importante. La dimostrazione arriva dall’acquisto di Lautaro Martinez, pagato quasi venticinque milioni. Ma l’altra dimostrazione, quella che il bilancio va sempre osservato, arriva anche dall’ingaggio di due svincolati come De Vraij della Lazio e Asamoah della Juve. L’Inter vuole crescere con intelligenza.

Il problema vero, caso mai, è il rinnovo di Icardi che sta chiedendo cifre molto elevate di ingaggio (alla fine con i bonus circa otto milioni) per rinnovare e alzare la clausola rescissoria a 200 milioni. Si discute, ma l’accordo non è facile e attorno a Icardi continuano ad esserci molte sirene. Finirà sul mercato sostituito proprio da Lautaro Martinez? Per ora Icardi sembra molto legato all’Inter, non ha avanzato richieste in questo senso, ma il caso è aperto.

Non è un caso, invece, il rinnovo di Rino Gattuso. Come vi avevamo scritto un mese fa proprio su questo editoriale ancora in memoria, il Milan ha da tempo deciso di rinnovare il contratto di Gattuso e lo aveva comunicato anche al tecnico. Era la fine di febbraio. Un modo per dargli fiducia, per caricarlo ulteriormente in vista di questa volta-Champions. Gattuso ha ringraziato, si è detto felice e d’accordo, ma anche per scaramanzia, ha chiesto di rinviare il tutto. Non vuole distrazioni. Naturalmente la pratica è andata avanti, Fassone ha preparato la bozza per il rinnovo che è stata sottoposta all’allenatore. Firmerà appena lo deciderà lui. Si è lavorato molto alla parte burocratica durante questa sosta, è tutto pronto, non è escluso che l’annuncio del rinnovo possa essere dato oggi alla vigilia della sfida con la Juve anche se nei fatti ormai è tutto scontato e assodato come vi avevamo scritto.

Sempre in tema allenatori, resta caldo il discorso nazionale. Ancelotti, il più amato dagli italiani, ha detto chiaramente a Costacurta che ha ancora voglia di allenare un club. Vuole fare un’altra esperienza in Inghilterra. Anche per correttezza, aspetta l’Arsenal che lo ha contattato prima della Nazionale. Perché non firma allora? Perché in seno alla società inglese ci sono due anime, una vorrebbe Ancelotti, un allenatore esperto in grado di provare a vincere subito. L’altra anima punta invece su un giovane come il tedesco Tuchel (45 anni, ex Borussia), per rifare un’esperienza lunga come quella di Wenger. Appena le cose saranno più chiare e se l’Arsenal dovesse decidere per Tuchel, Costacurta farà un altro tentativo, ma la strada è molto in salita. Per me possibilità zero.

Chiudo con il ricordo di Mondonico. Ho letto di tutto e di più, la retorica non serve e lui non l’amava. Mondonico sapevamo tutti molto bene chi fosse, cosa ha fatto, le sue straordinarie qualità di uomo e tecnico. Un uomo pieno di valori e di ideali che al calcio manca già. Uno degli ultimi che metteva nel pallone umanità, passione e umiltà. Ha trasformato squadre normali in grandi squadre proprio perché sapeva cementare tutto e tutti attorno a lui. Attorno alla maglia. Amava il pane e il salame. Lui era pane e salame. Genuino e onesto. Un grande professionista perbene. Ci manca già come ci mancano Davide Astori e Fabrizio Frizzi, persone straordinarie, ma normali, in mondi dove la normalità fa fatica a trovare alloggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Milan si lavora su Bernard, Inter tra il sogno Modric e la pista Darmian. Napoli, Malcuit ed Ochoa i nomi caldi. La Roma ripensa a Herrera 04.08 - Dopo il maxi scambio tra Milan e Juventus, il mercato procede spedito. I rossoneri dopo aver sistemato difesa e attacco con gli arrivi di Caldara e Higuain ora devono pensare al centrocampo. Serve un giocatore di qualità in grado di alzare il livello in un settore fondamentale. Bernard...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy