VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Inter, via Icardi solo se... Juve, Mandzukic-Zaza: uno è di troppo! Milan, ancora low cost! Bravo DeLa, Balo apriti alla Cina

03.08.2016 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 67057 volte
© foto di Federico De Luca

Oggi mi è stata rivolta una domanda secca: "Ponciroli, ma come si fa a spendere tutti questi soldi per gente come Lukaku (70 milioni sul piatto) e Icardi (60 l'ultima offerta partenopea)? Non stiamo parlando di Van Basten e Ronaldo...". In effetti, le cifre che circolano, in questa pazza estate calcistica, soprattutto legate agli attaccanti, sono francamente assordanti... Basti pensare ai 94 milioni di euro per Higuain. Bravissimo, fortissimo, meraviglioso ma parliamo pur sempre di 94 milioni di euro!!! Ecco, se poi ci focalizziamo su Lukaku, pensare che possa essere pagato 70 milioni, fa una certa impressione. Icardi? Il Napoli ha incassato tanto cash (tra l'altro, per una questione di reazione a catena, sono in ballo sempre i soldi che lo United che verserà alla Juve per Pogba, usati per avere Higuain e ora in gioco per Maurito) e può permettersi di mettere sul piatto forse più del dovuto per qualunque attaccante, Icardi compreso. In tutto questo mi chiedo: ma, senza la clausola rescissoria, uno con i piedi di Pjanic, quanto sarebbe stato pagato dalla Juventus? Altro quesito: Dybala, pagato circa 40 milioni di euro solo 12 mesi fa (e tutti a dire che erano troppi), oggi a quanto sarebbe venduto? Difficile rispondere. Il calcio è ormai esagerazione, inutile farsi domande... In fin dei conti, in NBA o NFL, i giocatori guadagnano cifre monster... Il calcio (almeno per pochi eletti) si sta adeguando, in fretta anche... Forse per questo andrebbero "finanziati" maggiormente i settori giovanili. Farsi in casa un grande attaccante potrebbe garantire, in futuro, vagonate di milioni di euro...
Entriamo nel vivo delle questioni più calde. Partiamo da Icardi. Bravo a non proferire parole (ci pensa già Wanda). L'Inter non lo cederà, a meno di avere già la certezza di poter contare su un sostituto di pari valore. Cavani è stato contattato (il PSG non ci sente), Gabbiadini non convince a pieno, Gabigol non può essere la risposta e allora? Attenzione a Mandzukic!!! Alla Juve, complice l'arrivo del Pipita, potrebbe sentirsi una riserva di lusso e il croato è uno che vuole essere protagonista. Adora le grandi sfide, potrebbe anche diventare appetibile per i nerazzurri... E, uno come lui, farebbe reparto da solo!!! Mandzukic interessa anche a tanti club stranieri ancora a caccia del bomber (attenzione all'Arsenal). Allegri, tuttavia, è convinto di poterlo trattenere, facendogli capire che, alla Juventus, tutti partono allo stesso livello, anche se hanno nomi altisonanti come quelli di Higuain e Dybala. Vedremo. Dovesse restare Mandzukic, possibile che sia Zaza a fare le valigie. Il Milan, magari in prestito, lo prenderebbe subito, peccato che, in casa rossonera, siano altre le priorità (e poi la Vecchia Signora non lo darà mai in prestito secco). C'è un caos societario totale, difficile programmare qualcosa di sensato a livello di mercato. In tanti accusano Galliani. E' considerato l'artefice della debacle rossonera. Onestamente, negli ultimi anni, non ha brillato. Dal ritorno fallimentare di Balotelli ai troppi "parametro zero", fino all'addio frettoloso a Pirlo. Ma non va dimenticato anche quello che di buono ha fatto in tanti anni di militanza rossonera (vero, con tanti soldi in tasca, è più semplice). L'impressione è che sarà il suo ultimo agosto da uomo mercato del Milan. Che farà? Qualche low cost in dirittura d'arrivo. Nelle ultime ore di mercato, fare qualche colpo a pochi euro è più probabile. Il Diavolo non può permettersi altro... Almeno questo Diavolo senza linfa cinese...
Chiudo con due "cavalli di battaglia". Uno risponde al nome di De Laurentiis. Ragazzi, a me il presidente del Napoli mi è piaciuto enormemente nella gestione del "caso Higuain". L'addio del Pipita poteva azzerare la passione di un'intera città. Da abile stratega e comunicatore quale è, il buon DeLa ha compattato l'intero popolo azzurro al grido "Dimostriamo a Gonzalo che siamo più forti senza di lui". Oculato sul mercato (senza farsi prendere dalla frenesia) e chirurgico nelle dichiarazioni. Un grande presidente. Potrà non piacere ma resta un grande presidente. Passiamo a Balotelli. Anche adesso, che è costretto a giocare con le baby riserve del Liverpool, i media inglesi non lo lasciano in pace. Il Daily Star l'ha massacrato nuovamente. Foto con Super Mario intento a fumarsi una sigaretta. "Non stupirti se poi la tua carriera va in fumo", il commento sarcastico (e cattivo) del media inglese. Un ulteriore segnale che la carriera di Balotelli, in Europa, è al capolinea. Lo considerano tutti più scarso di quanto sia. Gli rinfacciano i soldi che prende (90 mila sterline a settimana), lo accusano di colpe che forse neppure ha (almeno in toto). Che fare? Pellé, in terra cinese, ha trovato l'oro. Forse è venuto il momento di fare uno squillo a Graziano e vedere se c'è posto anche per Mario nel dorato harem Made in china... Lì potrà fumarsi una sigaretta in santa pace e nessuno gli rinfaccerà i soldi che guadagnerà (visto che prendono tutti stipendi da nababbi)...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.