VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Intrigo Diawara, telenovela Joao Mario, dietrofront Zaza e un Sassuolo europeo

18.08.2016 09:58 di Luca Marchetti   articolo letto 104561 volte
© foto di Federico De Luca

Che intrigo per Diawara! Proprio quando il Milan stava rompendo gli indugi e stava formulando un'offerta (in prestito) per mettere in piedi l'operazione ecco che piomba il Napoli. Intesa raggiunta sulla base di 15 milioni di euro più bonus, accordo raggiunto direttamente fra De Laurentiis e Fenucci (amministratore delegato del Bologna). E ora che le società sono d'accordo si inizia a parlare con i procuratori del ragazzo. L'unica variabile può essere proprio questa: la preferenza del ragazzo. Milan o Napoli? Non è naturalmente la prima volta che il nome del giovane centrocampista è associato al Napoli. In un primo momento era vincolato all'uscita di Valdifiori: ma i partenopei hanno deciso di non aspettare e hanno chiuso lo stesso. Ora inizia un'altra trattativa, non meno complicata. Ma con buone chanches di riuscita.

E il Milan? Ha continuato a guardarsi intorno e sonda il mercato degli esuberi delle grandi squadre. Un'opportunità potrebbe essere Kovacic, anche se il Real Madrid al momento non ha assolutamente intenzione di privarsene (in prestito). Chissà se le situazioni cambieranno in questi ultimi giorni al momento siamo soltanto alle prime idee alternative.

Il Napoli, dal canto suo, non si ferma al centrocampista. Intanto per Rog si devono limare dei dettagli sul suo ingaggio dopo l'accordo raggiunto con la Dinamo Zagabria. Poi caccia al difensore. Il primo nome, da sempre, è quello di Maksimovic, nonostante il Torino ormai si sia indispettito e non abbia assolutamente intenzione di cederlo al Napoli (anzi è spuntato anche il West Ham) dopo tutto quello che è successo negli ultimi giorni. Tutto questo non impedisce al Napoli di provarci fino alla fine. Ma ci sono piste alternative: una è Caceres, con cui il Napoli ha già parlato ma sul quale vorrebbe approfondire le questioni relative al recupero dal suo infortunio. E poi Criscito, da sempre accostato al Napoli ma che lo Zenit fa fatica a lasciar andare.

L'altra notizia di giornata è il dietrofront di Zaza. Anzi il dietrofront del Wolfsburg. Arriva Gomez al suo posto e la Juve si trova con almeno 25 milioni in meno. Ma perché si è arrivati a questo dopo una trattativa durata due mesi. Da quello che abbiamo capito non è stato il giocatore che si è tirato indietro (lo ha detto anche l'allenatore dei tedeschi), ma la società. Per un discorso economico sicuramente (l'intera operazione Gomez è costata più o meno la metà rispetto a quello che sarebbe costato Zaza) e per un discorso (così dicono in Germania) per la questione Wolksvagen (il Dieselgate) che pesa sia sulle casse societarie che nei rapporti fra le proprietà. Ma al di là delle spiegazioni rimane il fatto: ora Zaza?

Per questo oggi a Torino si è parlato di meno del centrocampista (Brozovic l'Inter non lo vuole dare in Italia, Mautidi rimane in piedi, esiste un'idea Biglia). Si continua a trattare su Cuadrado, prestito senza diritti di riscatto, questa almeno la prima idea della Juventus. Il Chelsea ci sta pensando, ma non ha ancora aperto in maniera definitiva a questa soluzione.

Continua il tormentone Joao Mario: ancora contatti con lo Sporting ma ancora non si chiude. Bisogna ancora trovare la formula giusta, le modalità di pagamento. Sporting e Inter non si stanno trovando ancora e ci sono i paletti del FFP da tenere sotto osservazione. La situazione di Brozovic è ancora in evoluzione: solo estero (Inghilterra?). Si dice che il Tottenham pure possa essere interessato al croato, magari inserendo Verthongen nell'operazione. Al momento solo ipotesi di lavoro, nulla di più.

Il Milan ufficializza Sosa per una spesa da 7 milioni e mezzo per un giocatore di 31 anni che già è transitato nel campionato italiano senza riuscire a lasciare il segno. Le motivazioni del ragazzo sono molto alte, l'umore dei tifosi no.

Intanto alla Fiorentina arriva De Maio, prestito con diritto di riscatto dall'Anderlecht, ufficiale Milic, e si continua a lavorare per Obiang. Il Sassuolo non molla il Papu Gomez (i soldi li hanno) e potrebbero comunque prendere Ricci dalla Roma per poi magari girarlo proprio all'Atalanta per ammorbidire la posizione dell'Atalanta sul Papu. Alternative? Pucciarelli, Saponara e Ragusa (che piace anche al Chievo).

Iturbe ha richieste dalla Spagna: Malaga e Villarreal. Alla Samp tutto fatto per Dodò (5 milioni complessivi fra prestito biennale con obbligo di riscatto) e nel frattempo De Silvestri va al Torino (per circa 3 milioni e mezzo). Praet sempre più vicino mentre in difesa Toloi potrebbe essere l'alternativa a Castan qualora anche lui dovesse andare a Torino. Toro che ha chiesto in prestito Atsu, ala ghanese classe 1992, molto veloce (e molto bravo). Gaston Silva va al Granada.

Il Crotone ha incontrato l'agente di Letizia (potrebbe chiudersi in settimana) e ha parlato con il Sassuolo per Falcinelli (ma il Sassuolo chiede tempo) e Ferrari (che venderebbe quest'anno ma rimarrebbe in Calabria un altro anno, magari con una percentuale di futura rivendita. Gabriel è un obiettivo per la porta.

A Pescara aspettano in queste ore una risposta di Bahebeck, attaccante del PSG che arriverebbe in prestito (fra società è tutto a posto) e sta trattando con l'inter Yao. A Bologna è ufficiale Dzemaili. A Palermo sono pronti a partire per il Brasile per andare a chiudere Henrique.
Mancano meno di 15 giorni, tenetevi forte...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.