HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta

11.09.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 25614 volte
© foto di Alessio Alaimo

Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”). Perché Icardi non ha dato una mano a Manzi a Misano? (“perché non partecipa alla manovra!”). E il sempre gettonatissimo “Mario Balotelli sì o Mario Balotelli no?” (“Mario Balotelli no!”, “Eh ma chi c’è meglio di lui? Nessuno!”). Eccetera.

La pausa per la Nazionale in compenso ci porta a diventare grandi esperti delle “altre cose”: abbiamo parlato di pallavolo (“il bagher di Zaytsev è rivedibile!”), moto (“Fenati ha dei problemi da sempre, me lo ha detto uno che lo conosce”), tennis (“sapevo che Djokovic prima o poi sarebbe resuscitato”), geografia (“Matera è in Basilicata, io l’ho sempre saputo”), cadute in bici (“Corona doveva piegare sulla sinistra, avrebbe assecondato la rotaia del tram”), altre cadute (“Mourinho è finito, altrimenti non sarebbe crollato a terra come una merdaccia”). Durante la pausa ci si arrangia come si può e il dato di fatto è che non siamo riusciti a dare una risposta all’unica domanda che aveva un senso: “Come funziona il regolamento della Nations League?”. Tutti fingono di saperlo ma nessuno lo ha spiegato fino in fondo, neppure gli scienziati del Cern che l’hanno inventato.

Veniamo a noi. Ci sono cose fondamentali da dire (non è vero, questo editoriale non ha ragione di esistere, ma facciamo finta che non sia così). Diciamo a caso un po’ di frasi fatte e buonanotte.

- Da adesso a Natale i nostri club più importanti giocheranno ogni tre giorni e, quindi, dovranno essere bravi a centellinare le energie (quelli esteri, invece, pure).
- Il calcio italiano è più difficile degli altri, per questo i nuovi arrivati dall’estero fanno fatica a segnare (tranne Piątek del Genoa, quello se ne fotte se è appena arrivato e segna lo stesso. Mah…).
- Il problema della Nazionale italiana è che in serie A giocano troppi stranieri (lo stesso numero degli altri campionati, ma fa niente).
- Il calcio italiano in compenso è tornato ad avere grande appeal (forse perché ha introdotto il sistema innovativo e visionario delle “squadre a piacere in serie B”: un giorno sono 22, un altro 19, oggi si vedrà).
- Totti non doveva dire che la Juve è nettamente la favorita per la vittoria del campionato e la Roma deve lavorare per il 2° posto (come se raccontare balle cambiasse un dato di fatto).

Ma il vero problema è un altro e, forse, ve ne siete già accorti: alcuni coraggiosi hanno iniziato a parlare del mercato di gennaio. A settembre. Noi non vorremmo farlo, ma questo editoriale ha bisogno di un titolo qualunque e quindi ora ci inventeremo delle cose a caso per portare a casa la pagnotta.

- Rafinha: l’Inter ha un piano per riportarlo a Milano a gennaio che passa da un’opzione futura del Barcellona su Skriniar e Paolo Bonolis.
- Andre Silva e Gabigol torneranno a Milano a gennaio, perché ieri erano delle pippe ma ora sono forti.
- Modric: l’Inter ci pensa per gennaio, ma solo se vince il Pallone d’Oro perché ha un patto con Perez (“se vinco il Pallone d’Oro mi lasci andare”).
- Pogba: la Juve se lo prende a gennaio, ma poi a febbraio torna a Manchester per battere ogni record di “vai e torna”.
- Cavani: speranza a gennaio per il Napoli, ma solo se si prosciugano tutti i pozzi di petrolio dello sceicco del Psg.
- Icardi, rinnovo a 7 milioni fino al 2023 a un passo (anche questa è una cazzata, serve ancora tempo).

Nel frattempo l’Italia ha perso contro il Portogallo, che sarà anche campione d’Europa in carica, ma senza Ronaldo è Nazionale normalissima. Gli azzurri torneranno in campo ad ottobre e festeggeranno un anno senza vittorie in partite ufficiali. Possiamo dare la colpa ai troppi stranieri in serie A ma, al momento, il problema sembrano i troppi italiani in Nazionale.

Fine. Siccome siamo ben sotto il limite della dignità per un editoriale, decidiamo scientemente di peggiorare la situazione parlando di Starbucks. A settimana prossima, promettiamo di tornare a livelli decenti (Twitter: @FBiasin).

Io ci sono stato allo Starbucks. Anche voi.
Tutti amano lo Starbucks. Anche io.
Ma perché lo amo? Perché è all’estero.
Sei motivi per cui lo Starbucks in Italia potrebbe avere dei problemi (ma anche no).
1) L’inutile catena
Quando sei all’estero presumibilmente sei in vacanza e hai tempo per grattarti la pera. A casa tua non hai tempo per grattarti la pera. In Italia se chiedi al dipendente “voglio un caffè”, pretendi che te lo faccia e finita lì. Allo Starbucks la tizia ti dice “Bene, grazie”. E passa l’ordinazione a un altro. Che la passa a un altro. E scrivono il tuo nome sul bicchiere. E dibattono sul tuo ordine (“questo Fabrizio ha preso un caffè, interessante…”). E il problema è che quando arriva il caffè ti dicono “ecco il suo caffè”, ma tu a quel punto hai voglia di lasagne.
2) Il caldo
Il caffè deve essere servito bollente, altrimenti non è buono. E anche il tè. Il problema è che allo Starbucks è sempre bollente, cioè non si raffredda mai. E tu provi a bere l’earl grey dal beccuccio. E bestemmi in cinese. E allora dici: “Vabbè, tolgo il tappo che diventa tiepidino”. Ma quello non diventa tiepidino. Resta bollente. E tu inizi a camminare. E ogni due secondi provi a bere. Ma è lava. E quando finalmente scende a temperature umane, tu hai voglia di lasagne.
3) Le calorie
Una volta ho mangiato la torta al limone di Starbucks. "Massì dai, una fettina…". Ero a Ibiza. Son tornato a Genova a nuoto. E avevo ancora 32459 calorie di torta al limone da bruciare. Le lasagne al confronto sono la Jocca che a sua volta è fatta di un cazzo di niente (la Jocca è un mistero. Anche chi la mangia è un mistero).
4) Le poltrone
Prima legge di Starbucks: “Le poltrone di Starbucks sono molto belle, ma quando arrivi tu sono occupate”.
5) Le poltrone/2
Seconda legge di Starbucks: “Se le poltrone di Starbucks sono libere è perché sono tutti da Spontini. Riflettici”.
6) Le poltrone/3
Se per caso riesci a sederti nella poltrona e mangi la torta al limone, allora è impossibile che tu riesca a tornare a casa per cena. Quando dicono “Starbucks è bello perché puoi stare lì quanto vuoi e non ti caccia nessuno” non è vero, è solo che hai mangiato la torta al limone e non riescono a spostarti.
Lunga vita a Starbucks, tanto chi cazzo c’ha tempo di andare in Cordusio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510