HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera

11.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 11013 volte

Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio possibile. Sono una squadra pensata. E con un pensiero comune. Noi? L'Italia? Un palo che non fa da paravento. Un palo velleitario e nulla più. Che cosa possa o debba accadere da qui a lunedi è difficile da immaginare. Non abbiamo perso a Solna per questioni di formazione o per questo al posto di quello. Abbiamo perso da non-squadra, mentre loro han vinto da squadra. Sapremo essere un Paese lunedì sera a San Siro? Ce ne sarà bisogno perché questa è la classica squadra che ha bisogno di essere trascinata. Altrimenti rimane da sola con la sua vaghezza. Facezie da social sul calcio di Club? Anche meno, grazie. Solo serietà e solo dignità tutta azzurra: è quel che ci auguriamo per lunedi in un Playoff nel quale fino a questo momento meritano di passare loro. Sono due anni che ci trasciniamo pesanti e involuti sulla strada di questi Mondiali. Ci illudiamo sempre di avere gli assi giusti nella manica e prima o poi li vedrete, eccome se li vedrete. E invece arranchiamo. E contro una Svezia solida e nulla più, diamo la chiara sensazione che pur stando in campo altri tre giorni, 1-0 era e 1-0 sarebbe rimasto. Tocca a San Siro. Ma lo si sappia: siamo partiti 50 e 50 ed eravamo stati larghi. Ora siamo 75 a 25. Senza braccino, ma con San Siro come extrema ratio. Basterà?

Non sappiamo se l'ambizione di Palazzo Marino sia quella di diventare Palazzo Interino o se almeno qualcuna di quelle cinque lettere che accomunano il nome del Milan al nome di Milano un giorno o l'altro dovrà essere cambiata, ma è bene mettere un punto dopo quanto accaduto ai giardini di piazza Axum intitolati a don Helenio, il Mago, il mitico HH il cui personaggio è giustamente riconosciuto e omaggiato da tutti gli sportivi. Ma a Milano c'è una comunità sportiva, quella dei tifosi milanisti, che è molto attenta e severa su tutti i fatti di attualità che riguardano la propria società, il proprio tecnico e la propria squadra, ma che non ne può più di vedere da parte della propria municipalità un rispetto così lacunoso e così scarso nei confronti della propria storia. Tutto ha avuto inizio con i fatti dei primi anni Ottanta con l'intitolazione a Giuseppe Meazza dello stadio, proprio negli anni in cui il Milan era inconsistente (vero Gianni Rivera? Gianni caro non si poteva fare qualcosa di più in questo senso all'epoca?) come risultati e come presidenza. Poi è come se lo stadio di San Siro divenuto "Meazza" avesse fatto testo e costituito precedente per sempre. Il criterio è stato poi sempre lo stesso. Il piazzale davanti allo stadio? Ad Angelo Moratti. Eppure il presidente che per primo nella storia del calcio italiano ha vinto la Coppa dei Campioni, si chiama Andrea Rizzoli, a cui non è stato intitolato niente. Al papà Angelo invece è intitolata una via dalle parti di Crescenzago, ma lo stadio è dall'altra parte della città. E' come se la municipalità milanese avesse voluto riconoscerlo come imprenditore, come editore, mentre al  figlio Andrea, vincitore della coppa di Wembley, nulla. Poi i giardini per Herrera, sui quali dice il figlio: "Giusto, non aveva niente; a Nereo Rocco è già stato intitolato uno stadio", ma a Trieste, caro Helios, non a Milano dove il Paròn con Gianni Brera e Beppe Viola ha scritto la storia...Solo Inter, dicono i tifosi nerazzurri. Ma al di là della battuta e dell'orgoglio di appartenenza, può essere questa una linea di una sensibilità tale da essere acquisita e fatta propria anche dal comune di Milano? Perchè poi quando c'è da fare qualcosa in chiave storica rossonera, perchè qualcosa bisogna prima o poi pur fare, il criterio dello stesso comune di Milano cambia. C'è da mettere nel Famedio del Monumentale chi ha portato il calcio in città? Accidenti, Herbert Kilpin ha anche fondato il Milan...beh dai...non può stare solo, mettiamo anche Giorgio Muggiani. C'è da intitolare una scultura a Cesare Maldini scomparso da pochi mesi? Beh dai...mettiamo anche Giacinto Facchetti. Sia ben chiaro, non abbiamo mai conosciuto Muggiani per evidenti motivi di età ma Giacinto sì, grande sportivo e persona perbene. Il fatto non è personale o legato a lui. Ma è certo che a Milano le cose che accadono sul fronte del riconoscimento storico nelle sue varie declinazioni anche toponomastiche sono due: al milanista va sempre abbinato un interista, all'interista non va abbinato nessuno. E' una questione di equilibrio cittadino, di legittimazione e di non discriminazione: non riguarda le fazioni, ma la storia e l'istituzione cittadina.

Andrea Pirlo ha lasciato, Andrea Pirlo ha salutato. Non si è lasciato bene con i tifosi milanisti, così come non si era lasciato bene con quelli interisti. E' andata meglio agli juventini, gli ultimi che hanno tifato per lui. Che dire? Al Milan per dieci anni è stato un giocatore meraviglioso, ma il cuore dei tifosi milanisti era occupato prima da Rui Costa e poi da Kakà e non c'era posto per nessun altro. Questo ha fatto sì che nel 2006, in piena Calciopoli, Andrea ascoltasse le offerte del Real Madrid (decisivo l'intervento su di lui di Maldini e Costacurta per ridargli voglia e motivazioni in chiave Milan), nel 2009 quelle del Chelsea ma questa volta a causa dei problemi economici del Milan e che, soprattutto, nel 2010-2011 non avesse più la sensibilità o la voglia di capire che se il centrale doveva farlo prima Ambrosini e poi Van Bommel il problema non era lui. Nel Milan dei fantasisti, nel Milan dei Cassano e dei Ronaldinho, dei Pato e dei Seedorf, dei Robinho e dei Boateng non c'era la possibilità di proteggerlo e sostenerlo con supporto e aiuto nella corsa e nell'interdizione. Fu così che il Milan andò in testa alla classifica a Novembre 2010 con la formula Gattuso-Ambrosini-Flamini e che consolidasse lo Scudetto con Van Bommel in mezzo e con soli 7 gol subiti nell'intero girone di ritorno. Conte aveva gli uomini giusti e la struttura giusta per proteggere il centrocampo a 5 attorno a Pirlo, Allegri no. Non fu un errore di nessuno, furono scelte di circostanza sulle quali è inutile tornare. Forse che Pirlo ha metabolizzato quella certa freddezza con cui si riferisce al Milan e ai Milanisti perchè l'addio è avvenuto molti anni dopo dal momento in cui ha iniziato a desiderarlo? Non sappiamo e non vogliamo addentrarci. Certamente, il Milan ha dato a Pirlo quello che l'Inter non gli aveva dato prima, leadership, consacrazione e nuovo ruolo e, soprattutto, quello che nemmeno la Juventus avrebbe mai potuto dargli: Manchester e Atene, due Champions League due, entrambe storiche, la prima nell'unica finale tutta italiana e la seconda nel primo caso in cui un Club italiano arriva a sette titoli europei. Eppure per avere la giusta memoria, l'attrezzo necessario non è la penna. Ma il cuore. O c'è o non c'è. E Pirlo nelle buone dichiarazioni pre Svezia-Italia ha dimostrato di averlo tutto sommato conservato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi 22.07 - Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy