VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Jovetic un ritorno? Triangolo Zaza, Gabbiadini, Kalinic. Milan ecco il centrocampista. Il Napoli ancora su Maksimovic (ma non solo) e le tre piste della Juve...

25.08.2016 09.30 di Luca Marchetti   articolo letto 92801 volte
© foto di Federico De Luca

Gli ultimi giorni portano anche le idee più ardite. O forse le più romantiche. Ed ecco che allora la Fiorentina lavora - eccome - al ritorno di Jojo in viola. L'operazione è ben impostata. Tanto che, se non dovessero sorgere ostacoli al momento non previsti, si potrebbe chiudere addirittura nelle prossime ore. Jovetic di nuovo a Firenze, stavolta in prestito. Con l'Inter che non si oppone perché al momento il montenegrino non è conciliabile con il sistema di gioco di De Boer, con la Fiorentina che impreziosirebbe il reparto offensivo con un giocatore che ha fatto innamorare la città prima di provare l'esperienza in Premier. Ci sarebbe l'ostacolo ingaggio, ma a quello ci penserà il suo procuratore che con la Fiorentina ha un ottimo rapoorto. Dopo 116 presenze e 35 la storia di Jovetic a Firenze potrebbe avere una nuova vita.

L'Inter nelle prime chiacchierate trasversali con la Fiorentina (ma ancora un contatto ufficiale non c'è stato) avrebbe provato ad inserire nell'operazione Bernardeschi. La Fiorentina ha detto non se ne parla neppure, ma comunque un altro tentativo è stato fatto (dopo quello di inizio mercato) a testimonianza di quello che l'Inter potrebbe fare anche nei prossimi mercato. Soprattutto ora, che dopo 10 anni, è caduto un muro: quello degli affari di mercato fra Inter e Fiorentina. L'ultimo (nel 2006) è stato Alessandro Potenza, passato in viola. Poi, complici anche le scorie di calciopoli e i rapporti ai minimi termini fra Della Valle e Moratti, non si fece più nulla.

Ma Jovetic potrebbe non essere l'unico nuovo arrivo in casa viola. Perché Corvino sta lavorando con il Napoli per uno scambio da perfezionare ma già impostato. Gabbiadini più soldi per Kalinic. Qui la situazione è più complessa, anche se in realtà a parole potrebbe essere più semplice. Gabbiadini non ha ricevuto nessuna offerta superiore ai 25 milioni, quindi potremmo dire che il suo prezzo (fatto dal mercato) è questo. La valutazione che invece fa la Fiorentina di Kalinic è almeno 35. Quindi lo scambio si farebbe con un sostanzioso conguaglio in favore della Fiorentina. Fra i 10 e i 15 milioni. Fosse così semplice sarebbe già tutto fatto. In realtà il Napoli non vorrebbe che la valutazione di Gabbiadini sia più bassa rispetto a quella di Kalinic (sia per una questione tecnica che per una questione anagrafica), ma deve anche fare i conti con una necessità che la Fiorentina non ha (quella di vendere Kalinic) e che invece il Napoli avverte con più pressione visto che Sarri (da quanto emerge) preferirebbe un altro cambio in avanti.

Insomma ore caldissime per gli attaccanti ma il lavoro di Giuntoli non finisce qui: si continua a trattare Maksimovic. Ci sono stati nuovi contatti anche in giornata. L'offerta è arrivata a 28 milioni bonus compresi, il presidente granata Cairo ne chiede 30. Intermediari al lavoro per cercare di ridurre le distanze, magari si può chiudere a 28+2 di bonus o 29+1 di bonus. Si cerca di anticipare la concorrenza del Chelsea che valuta Maksimovic in alternativa a Romagnoli. E sul quale, almeno finora, c'è stato il no secco del Milan. Dovesse arrivare un'offerta per il giovane difensore rossonero cosa succederebbe però? Intanto che devono essere interpellate tutte le parti (Galliani, Fininvest e Fassone in rappresentanza dei futuri proprietari) che in questo momento direbbero no. Ma prima bisognerà capire se davvero il Chelsea presenterà o meno l'offerta. Curiosità Napoli: De Laurentis ha chiamato il Tottenham per sapere se poteva prendere Kane. Risposta: neanche per 200milioni di euro.

Il Milan intanto nelle prossime ore abbraccerà il nuovo centrocampista rossonero: Marco Pasalic, 21 anni, viene dal Chelsea. Lo scorso anno ha giocato nel Monaco, nasce mezz'ala ma può fare anche il centrocampista davanti alla difesa, visite mediche previste per venerdì. Ora, discorso Romagnoli a parte, bisognerà capire se c'è spazio per fare anche un difensore o no.

L'Inter - sempre in attesa sul fronte centrocampista di novità - respinge l'assalto del Tottenham per Perisic. L'unico che potrebbe lasciar andare sarebbe Brozovic che però non ha offerte sostanziose e sta parlando di rinnovo di contratto (2,2 a stagione potrebbe essere l'offerta giusta). Mentre Erkin sta salutando. Betis e Southampton le squadre più interessate.

Anche la Juventus continua a lavorare su più fronti. Almeno tre. Il più interessante per i tifosi bianconeri è il centrocampo. Mautidi in questo momento è la pista che Marotta e Paratici stanno battendo con più intensità. Domani a Montecarlo ci sarà l'occasione per potersi confrontare con il PSG (e con Mino Raiola) sull'offerta mandata dalla Juve: i 22,5 più bonus (5) legati al piazzamento in Champions. Finora i francesi chiedono 30 (partivano da 45...) ma bisogna ancora limare la distanza. E' per questo che le alternative non possono mancare e sono sempre le solite: Luiz Gustavo, Witsel, Sissoko (sul quale c'è anche l'Inter ma in questo momento è il meno "caldo") e potrebbe tornare di moda il nome di Kovacic.

Il secondo fronte è quello di Cuadrado: al momento è in fase di stallo. Necessario che gli inglesi ammorbidiscano la loro posizione magari dopo un confronto anche con il manager del giocatore, Lucci, che nei prossimi giorni volerà a Londra per convincere tutti che la cosa migliore è il ritorno in Italia del colombiano.

Il terzo fronte è Zaza, sempre più verso il West Ham. Dopo il colloquio lunedì con il Napoli gli inglesi hanno piazzato lo scatto definitivo. Prestito con obbligo di riscatto per un'operazione da 28 milioni di euro, bonus compresi. Bilic non solo ha chiamato Zaza, ma ne ha parlato anche in conferenza stampa. E il Napoli (che sta aspettando evoluzioni estere su Gabbiadini, che non arrivano) non può intervenire e quindi ha impostato quello scambio con Kalinic di cui sopra.

In tanti ci hanno chiesto cosa succede ora alla Roma dal momento in cui non si è qualificata in Champions: non succede nulla. E non è una dichiarazione di facciata. Nessuna cessione eccellente. I paletti del FFP non sono stati già rispettati (il bilancio di giugno 2016). Di sicuro non arriverà nessuno (il Borja Valero di turno, tanto per capirci).

La Lazio è volata a Montecarlo per chiudere Dirar, esterno offensivo, capitano dei monegaschi. Il Palermo è molto vicino all'arrivo di Diamanti e sta trattando Ciofani con il Frosinone (mentre nel frattempo mette sotto contratto Bouy già arrivato in città), il Sassuolo ha chiuso con il Cesena l'acquisto di Ragusa che va a completare l'attacco neroverde: si aggregherà ai nuovi compagni al rientro dalla trasferta europea. Djuricic può già lasciare la Samp, potrebbe tornare al Benfica, Viviano ha rinnovato per 5 anni e Bianchetti in difesa ha controsorpassato Romagnoli (che ieri sembrava in vantaggio). A Bologna arrivano Sadiq e Torosidis, all'Empoli piace Jose Mauri del Milan, l'Atalanta nelle prossime ore riparlerà con la Roma di Ricci mentre invece Aquilani sbarca a Pescara (dopo aver risolto con lo Sporting) per firmare un triennale.

Poi come al solito un po' di B (al netto della vicenda Pisa, della quale domani a mezzogiorno sapremo qualcosa in più visto che scade l'ultimatum per la controproposta agli arabi da parte di Britaly): a Trapani arriva Mel Taufer, centrocampista dell'Inter, a Perugia firma Da Silva, a Terni in arrivo Di Noia, a Frosinone Ariaudo, a Bari atteso Ivan dalla Samp e per la porta si pensa seriamente ad Ichazo, a Benevento ecco Bagadur. E poi Balotelli: se Lukaku dovesse tornare di moda come nome per il Chelsea, lui può diventare un obiettivo dell'Everton. In Italia restano interessate Palermo e Chievo ma se il ragazzo dovesse tornare in Italia perderebbe almeno un milione in sponsorizzazioni...

Manca una settimana, tenetevi forte. Tutti ancora devono fare qualcosa...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.