VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, 60 milioni da spendere: ecco i nomi. Ok di Marchionne. Draxler e Gundogan sempre in pole, chiesto Casemiro al Real. Cuadrado in prestito

21.08.2015 08:57 di Enzo Bucchioni   articolo letto 214379 volte
© foto di Federico De Luca 2014

Marotta non è mai banale e non dice cose tanto per dire. A molti è sfuggita una frase fondamentale detta a Villar Perosa, un posto dove vengono prese le decisioni importanti.

"I soldi ci sono, non è un problema di budget", ha fatto sapere il dirigente bianconero di solito molto cauto quando si parla di investimenti. Cosa vuol dire?

La proprietà ha deciso di spendere per molte ragioni che ora vi spiegherò. Quando parlo di proprietà intendo gli Elkann, naturalmente con il fido Marchionne che è l'uomo delle grandi strategie, che detengono la cassaforte della famiglia e quindi anche la Juventus affidata alla gestione del cugino Agnelli.

Cosa è stato deciso? Il rinnovamento va benissimo, ma ci si è resi conto che per mantenere la Juventus ad alto livello anche in Europa serve fare di più, la squadra che sta nascendo così non basta, servono altri giocatori più importanti. Sembrerà strano che una proprietà, di questi tempi decida di investire, ma la Juventus sta diventando un grande veicolo pubblicitario per il gruppo nato dalla fusione di Fiat e Chrysler e una Juventus forte in questo momento di ripresa del mercato automobilistico è fondamentale. Crescono i marchi della casa, contemporaneamente deve crescere la Juve . E' una strategia di calcio, ma anche di marketing e non a caso sulle maglie della Juventus campeggia un notissimo marchio mondiale di auto che Marchionne sta rilanciando con notevole successo.

Gli studi in possesso della Juve hanno dimostrato che la crescita della Juve fino alla finale di Champions ha portato benefici e ritorni importanti, calcistici e non. Immettere soldi ora è fondamentale, mantenere la Juve competitiva in Champions può garantire ritorni economici per le casse della società e grandi benefici a tutto il gruppo.

Così si parla di un nuovo budget a disposizione che può superare anche i cinquanta milioni, a patto che vengano investiti su giocatori giovani e importanti, funzionali alla costruzione di una nuova squadra, ma soprattutto in grado di far ripartire la Juve per un nuovo ciclo vincente.

Ora Marotta sa che può buttarsi pesantemente sul mercato per coprire due ruoli fondamentali attualmente scoperti, il famoso trequartista e anche un centrocampista necessario dopo gli ultimi infortuni, soprattutto quello di Khedira.

Chi arriverà? Questo è molto complicato dirlo. La storia diAlex Sandro insegna. Del terzino sinistro arrivato ieri, un grosso colpo, vi avevamo parlato per primi più di due mesi fa, poi la Juventus ha fatto finta di mollare la presa, per ritornare pesantemente sul giocatore e portarlo a casa in due giorni.

Difficilmente Marotta molla i suoi obiettivi, e per questo ci sentiamo di dire che Draxler, nonostante le prese di distanza, resta ancora il primo trequartista della lista. Poi ci sono i vari Mkhitaryan, Teixeira, Pastore, Lamela e tenete d'occhi anche Isco. La Juve ha lavorato in molte direzioni, mentre sto scrivendo la decisione finale non è stata presa, magari Marotta sta lavorando su un nome per ora tenuto sapientemente nascosto, ma un trequartista di grande rilievo arriverà.

Come arriverà un centrocampista. Ieri il nome nuovo è quello di Casemiro chiesto al Real in uno scambio con Llorente che piace molto a Benitez. Gli spagnoli hanno proposto invece Illaramendi che invece non entusiasma, ma anche su questo si lavora. Banega è un altro nome sul quale si sono accesi di riflettori, ma anche nel caso di un giocatore di questo ruolo, il sogno e forse la realtà è sempre Gundogan del Borussia, la prima scelta che è rimasta sempre nel mirino nonostante le smentite. Resta anche il vecchio sogno Witsel, ma lo Zenit continua ad alzare le pretese.

Nel frattempo Marotta ha pensato di riportare in Italia l'ex milanista Cristante che sta facendo bene al Benfica.

Come si vede tanti nomi, tante idee da concretizzare entro il 31 di agosto, ma la Juve lo farà perché ora che la proprietà ha coperto le spalle economiche, tutto diventa più facile.

Ma anche la pista Cuadrado resta aperta. L'ex viola non è né trequartista né centrocampista, ma può fare l'esterno basso in alternativa a Lichtsteiner, l'ala nel 4-3-3 e la seconda punta nel 4-3-2-1. Con il Chelsea si lavora per il prestito con diritto di riscatto, il giocatore è sempre piaciuto anche ai tempi della Fiorentina. Una piccola luce resta accesa anche per Benatia, il difensore ora sembra più tranquillo nel Bayern e l'età (28 anni) frena Marotta (la proprietà vuole giovani) e con l'arrivo di Alex Sandro, all'occorrenza può adattarsi al ruolo di centrale, però l'ex romanista garantirebbe altra sostanza.

Questo è il quadro della Juve che prima del fischio finale del mercato vuole portare ancora a casa due-tre pedine fondamentali anche per soddisfare i tifosi preoccupati per questa serie di infortuni a catena che costringono a un debutto con il centrocampo ai minimi termini.

Anche l'Inter ha i suoi problemi da risolvere perché in questo caso il budget (come ha detto Thohir) è soggetto alla normativa del fair play finanziario. Mancini vuole assolutamente Perisic e sono ore fondamentali. Insiste anche per Felipe Melo, un play che porterebbe muscoli e qualità e Coentrao del Real per la fascia, ma sono gli stipendi a spaventare.

Per Perisic, comunque, una decisione va presa entro lunedì, dopo le alternative possono essere Lavezzi o il ripiego Perotti.

Anche per il Milan ore decisive per Soriano. L'accordo con il giocatore è fatto, c'è da limare l'offerta per la Samp ma fino a tarda ora Galliani è rimasto a cena per chiudere la pratica e (forse) annunciare per oggi il colpo. La Samp ha chiesto Montolivo e non Nocerino, l'ex viola è sul mercato ma difficilmente accetterà la Samp. Comunque con la scoperta di Rodrigo Ely (bravo Galliani) e l'arrivo di Romagnoli (tranquilli come vi abbiamo sempre detto, era stato fatto diverso tempo fa) la difesa è a posto, se arriva Soriano non resta che aspettare la decisione di Ibra. Se lascia il Psg tornerà in rossonero. Per il resto Miha è soddisfatto.

Il Napoli cerca di vendere qualcuno di un parco giocatori numeroso, Mancini nicchia per Callejon, vuole un esterno diverso, ma altri sono in partenza. Nel mirino in entrata sempre un centrale e Heurtaux dell'Udinese è l'ultimi pista concreta.

La Fiorentina, invece, ha in canna un paio di colpi last minute dopo aver preso il ventenne attaccante uruguagio Baez, ma deve risolvere il caso Joaquin per la società assolutamente incedibile. Solo se il Betis si dovesse presentare con una offerta economica molto importante le cose potrebbero cambiare, così nel mirino ora c'è Grosskreutz esterno del Borussia, anche se Sousa preferirebbe tenere Joaquin.

@enzobucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.