VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, addio eccellente… Milan-Donnarumma, nervi tesi! Inter, Spalletti ne boccia tanti. Neto a Napoli per rilanciarsi

07.06.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 57991 volte
© foto di Federico De Luca

L’amarezza per la pesante sconfitta in quel di Cardiff non si è ancora dissolta. L’eco del tonfo bianconero al cospetto del Real è ancora forte. Ma è necessario guardare avanti, ripartire, ritrovarsi. Il mercato, da questo punto di vista, è una gradita distrazione. La Vecchia Signora è scatenata, ha voglia di acquistare tutto e tutti. Se dovessimo dare ascolto a tutti i media, la rosa bianconera sarebbe già di 40/50 giocatori. In realtà, Marotta e compagni sanno cosa fare. Serve un grande centrocampista (Douglas Costa), un forte attaccante, possibilmente giovane (Schick), un portiere che non pretenda di giocare sin da subito (Szczęsny) e, quasi certamente, un erede di Bonucci (de Vrij). Sì, la Juventus rischia (e anche tanto) di perdere Bonucci. Conte, con cui Bonucci ha un eccellente rapporto, è pronto a fare follie per portarlo a Londra. Gli vuole offrire le chiavi della difesa dei Blues e la possibilità, con una squadra super attrezzata, di vincere quella Champions League che, in bianconero, troppe volte è sfuggita al fuoriclasse bianconero. A 30 anni suonati, Bonucci potrebbe accettare: sfida nuova, un contratto più ricco e Conte a guidarlo. Insomma, tanti motivi per accettare… Un addio che permetterebbe alla Juventus di incassare molti milioni (si parla di un’offerta di 55 milioni di euro), tutti da reinvestire nel mercato. Dura da accettare ma con una logica…
Meno logico il comportamento di Donnarumma. La Curva Sud lo ha “invitato” a dimostrare il suo amore per la maglia… La società (Milan) gli ha “intimato” di dare una risposta definitiva prima dell’inizio dell’Europeo Under 21 (ulteriore torneo per mettersi in luce a livello internazionale). Una situazione grottesca con Raiola nei panni del “padre padrone” e Gigio in quelli “del ragazzo che deve diventare uomo”. Personalmente, e lo ribadisco da tempo, trovo inaccettabile che un ragazzo di 18 anni, diventato star grazie al Milan, si prenda tutto questo tempo per dare una risposta al club che, di fatto, lo ha reso noto in tutto il mondo. Vero, uno con le sue qualità sarebbe venuto fuori comunque ma, grazie al Milan (e a Mihajlovic), è sbocciato prima del previsto, molto prima del previsto. Cosa risolverebbe il tutto? Una bella conferenza stampa in cui Gigio dimostra, a parole, la sua “voglia di Milan”, con buona pace di Raiola che, ne sono sicuro, avrà tempo e modo, in futuro, per “guadagnare” con Donnarumma…
Dal Milan all’Inter. Ormai è certo, toccherà a Spalletti rimettere in sesto il club nerazzurro e portarlo alla vittoria. Personalmente non sono convinto della scelta. Premessa: Spalletti è uno degli allenatori migliori in circolazione. Ciò che mi preoccupa è la sua tendenza a “strafare” fuori dal campo. La pressione a Milano, sponda nerazzurra, non sarà inferiore a quella di Roma, sponda giallorossa. Anzi, il popolo nerazzurro non ha più voglia di aspettare… Spalletti dovrà far volare l’Inter da subito. Per questo, spazio ad un’enorme rivoluzione. Pochi i giocatori, dell’attuale rosa nerazzurra, che potrebbero andar bene a Spalletti o, almeno, al suo modo di intendere il calcio. Forse solo due: Icardi e Perisic… Il resto è sacrificabile…
Chiudo con Norberto Neto. Quasi certamente andrà al Napoli. Lascerà la Juventus dopo due anni (22 presenze totali). Ho avuto la possibilità di intervistarlo più di un anno fa. Ricordo come, elogiando Buffon, sperava, comunque, di essere l’erede designato di Gigi. Ha cullato quel sogno a lungo ma, alla fine, si è arreso alla realtà dei fatti: Buffon è immarcescibile e lui, Neto, a 28 anni (il prossimo 19 luglio), ha troppa voglia di giocare. Comunque, grazie alla Juventus, è cresciuto, soprattutto come uomo. Ha sofferto a restare, a lungo, in panchina ma ha capito, guardando tutti i giorni un totem come Buffon, cosa serve per eccellere. Se dovesse andare al Napoli, Sarri avrà a disposizione un grande portiere che ha una voglia matta di rilanciarsi e, spiegare a tutti, che uno come lui non può fare il secondo a vita…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.