VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’

11.08.2017 17:46 di Enzo Bucchioni   articolo letto 71681 volte
© foto di Federico De Luca

Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo.
Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono ai bianconeri, ma di sicuro resta ancora parecchio da fare per completare una squadra che vuole riprovarci con la Champions.
Il punto e’ proprio questo. Per il campionato italiano potrebbero andar bene anche un Douglas Costa da rilanciare, un Bernardeschi da valorizzare, un De Sciglio da recuperare e un Bentancur da scoprire, ma se guardo oltre i confini, ho l’impressione che con gli addii di Bonucci e Dani Alves, il solco fra la Juventus e le altre invece di restringersi si sia allargato.
La cosa e’ ancora piu’ curiosa e difficile da capire se ripenso ai bilanci floridi e al fatturato che ha sfondato la mitica soglia dei cinquecento milioni. Meno di tre mesi fa, subito dopo il ko con il Real, abbiamo sentito parole del tipo rilanceremo, colmeremo il divario, aspettatevi un mercato importante.
Ad oggi, invece, non c’e’ traccia dei grandi sogni, di quei centrocampisti che servirebbero per fare la differenza tipo Kross, Isco o Modric, oppure Iniesta o lo stesso Verratti che farebbe molto comodo. Come un anno fa e oltre, siamo ancora qui a parlare di Matuidi piuttosto che N’Zonzi o Emre Can. E i giorni passano. Possibile che la Juve non riesca a prendere neppure giocatori del Siviglia o del Liverpool. Possibile.
Il nome nuovo che gira da alcuni giorni e’ quello di Strootman. Conoscendo l’abilita’ di Marotta e Paratici, al di la’ del valore del giocatore, credo che questo sia un nome last minute, un’idea per supplire a troppi no. Infatti se la Juventus avesse puntato davvero l’olandese avrebbe pagato per tempo e nei tempi la clausola da 45 milioni e l’avrebbe portato a casa come ha fatto con Pjanic. Puntare su Strootman quando la clausola e’ scaduta, costretti a trattare con la Roma, di sicuro e’ anomalo.
I tifosi della Juventus sperano siano tutte manovre per coprire il grande colpo in arrivo, ma io mi chiedo e vi chiedo, quale grande squadra si priva di una giocatore importante, di sicuro da rimpiazzare, a venti giorni dalla chiusura del mercato con il rischio di non trovare soluzioni adeguate?
Anche per questo penso che il ritardo sia evidente e il ritorno di Marchisio ad alti livelli non puo’ essere una consolazione.
Ma il discorso lo allargo anche al difensore centrale. E’ andato Bonucci e non discuto un’operazione decisa per ragioni già ampiamente spiegate, ma possono bastare Benatia che l’anno scorso l’ha passato in panchina e il giovane Rugani? A occhio dico no anche perche’ Chiellini e Barzagli tengono l’anima con i denti di mille battaglie. Ma rifaccio lo stesso discorso: fra le big, chi si toglie oggi un giocatore di grande livello per darlo alla Juve?
Non trovando di meglio, forse poteva bastare prendere subito il giovane Caldara, ma vedo che i bianconeri hanno difficolta’ anche a farsi ridare Spinazzola dall’Atalanta.
Nessun allarme, per carità. Marotta e Paratici hanno la possibilita’di fare tutto e di piu’ in venti giorni, ma è comunque strano vedere questa coppia di assi del mercato un po' in affanno senza fuochi d’artificio in mano. Tra le operazioni in cantiere c’era da vendere Cuadrado, da sostituire Lichsteiner e da fare altri aggiustamenti, non è successo niente. Succederà tutto da oggi in poi?
Possibile, questa Juve resta comunque lontana dagli sfarzi previsti e ipotizzati per provare ad avvicinare Real, Barcellona e Bayern che l'anno scorso sembravano davvero a un tiro di schioppo.
Nell’attesa ci potrebbe stare anche Iniesta vista la rivoluzione in atto a Barcellona, ma l’addio di Neymar e i rapporti azzerati tra spagnoli e Psg, di fatto hanno bloccato Verratti a Parigi e quasi sicuramente Iniesta in Spagna.
La vicenda Neymar e l’arrivo imminente di Mbappe’ (altri 180 milioni), potrebbero indurre Cavani ad accettare il contatto con il Milan che ieri ha ricevuto un altro no per Falcao. Fassone e Mirabelli riflettono, ma e’ chiarissimo che senza un grande attaccante tutto lo sforzo fatto per costruire una squadra in grado di vincere subito può essere vanificato.
Anche l’Inter però e non solo la Juve, è in stallo evidente. Il fair play finanziario condiziona, ma dove è finita la lunga lista di sogni da Di Maria… via dicendo? Spalletti è diventato il valore aggiunto e di sicuro farà molto, ma da Suning è logico aspettarsi una soluzione finale e qualche escamotage contabile per eccitare una tifoseria che patisce il grande mercato dei cugini.
Ma esiste sempre il rush finale, come dimostra la Fiorentina. Dopo un mercato minore, Diego Della Valle ha aperto la strada a giocatori veri come Benassi, mentre Simeone e Jese’ sono più vicini. Preziosi ha capito che 18 milioni per il suo baby d’oro sono già tanta roba, mentre il Psg è disposto a pagare parte dell’ingaggio dell’ex Barca per vedere se a Firenze potrà rilanciarsi e fare meglio di Tello. Un derby dei recuperi fra ex Barca ed ex Real. La Fiorentina ci prova.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.