HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’

11.08.2017 17:46 di Enzo Bucchioni   articolo letto 71969 volte
© foto di Federico De Luca

Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo.
Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono ai bianconeri, ma di sicuro resta ancora parecchio da fare per completare una squadra che vuole riprovarci con la Champions.
Il punto e’ proprio questo. Per il campionato italiano potrebbero andar bene anche un Douglas Costa da rilanciare, un Bernardeschi da valorizzare, un De Sciglio da recuperare e un Bentancur da scoprire, ma se guardo oltre i confini, ho l’impressione che con gli addii di Bonucci e Dani Alves, il solco fra la Juventus e le altre invece di restringersi si sia allargato.
La cosa e’ ancora piu’ curiosa e difficile da capire se ripenso ai bilanci floridi e al fatturato che ha sfondato la mitica soglia dei cinquecento milioni. Meno di tre mesi fa, subito dopo il ko con il Real, abbiamo sentito parole del tipo rilanceremo, colmeremo il divario, aspettatevi un mercato importante.
Ad oggi, invece, non c’e’ traccia dei grandi sogni, di quei centrocampisti che servirebbero per fare la differenza tipo Kross, Isco o Modric, oppure Iniesta o lo stesso Verratti che farebbe molto comodo. Come un anno fa e oltre, siamo ancora qui a parlare di Matuidi piuttosto che N’Zonzi o Emre Can. E i giorni passano. Possibile che la Juve non riesca a prendere neppure giocatori del Siviglia o del Liverpool. Possibile.
Il nome nuovo che gira da alcuni giorni e’ quello di Strootman. Conoscendo l’abilita’ di Marotta e Paratici, al di la’ del valore del giocatore, credo che questo sia un nome last minute, un’idea per supplire a troppi no. Infatti se la Juventus avesse puntato davvero l’olandese avrebbe pagato per tempo e nei tempi la clausola da 45 milioni e l’avrebbe portato a casa come ha fatto con Pjanic. Puntare su Strootman quando la clausola e’ scaduta, costretti a trattare con la Roma, di sicuro e’ anomalo.
I tifosi della Juventus sperano siano tutte manovre per coprire il grande colpo in arrivo, ma io mi chiedo e vi chiedo, quale grande squadra si priva di una giocatore importante, di sicuro da rimpiazzare, a venti giorni dalla chiusura del mercato con il rischio di non trovare soluzioni adeguate?
Anche per questo penso che il ritardo sia evidente e il ritorno di Marchisio ad alti livelli non puo’ essere una consolazione.
Ma il discorso lo allargo anche al difensore centrale. E’ andato Bonucci e non discuto un’operazione decisa per ragioni già ampiamente spiegate, ma possono bastare Benatia che l’anno scorso l’ha passato in panchina e il giovane Rugani? A occhio dico no anche perche’ Chiellini e Barzagli tengono l’anima con i denti di mille battaglie. Ma rifaccio lo stesso discorso: fra le big, chi si toglie oggi un giocatore di grande livello per darlo alla Juve?
Non trovando di meglio, forse poteva bastare prendere subito il giovane Caldara, ma vedo che i bianconeri hanno difficolta’ anche a farsi ridare Spinazzola dall’Atalanta.
Nessun allarme, per carità. Marotta e Paratici hanno la possibilita’di fare tutto e di piu’ in venti giorni, ma è comunque strano vedere questa coppia di assi del mercato un po' in affanno senza fuochi d’artificio in mano. Tra le operazioni in cantiere c’era da vendere Cuadrado, da sostituire Lichsteiner e da fare altri aggiustamenti, non è successo niente. Succederà tutto da oggi in poi?
Possibile, questa Juve resta comunque lontana dagli sfarzi previsti e ipotizzati per provare ad avvicinare Real, Barcellona e Bayern che l'anno scorso sembravano davvero a un tiro di schioppo.
Nell’attesa ci potrebbe stare anche Iniesta vista la rivoluzione in atto a Barcellona, ma l’addio di Neymar e i rapporti azzerati tra spagnoli e Psg, di fatto hanno bloccato Verratti a Parigi e quasi sicuramente Iniesta in Spagna.
La vicenda Neymar e l’arrivo imminente di Mbappe’ (altri 180 milioni), potrebbero indurre Cavani ad accettare il contatto con il Milan che ieri ha ricevuto un altro no per Falcao. Fassone e Mirabelli riflettono, ma e’ chiarissimo che senza un grande attaccante tutto lo sforzo fatto per costruire una squadra in grado di vincere subito può essere vanificato.
Anche l’Inter però e non solo la Juve, è in stallo evidente. Il fair play finanziario condiziona, ma dove è finita la lunga lista di sogni da Di Maria… via dicendo? Spalletti è diventato il valore aggiunto e di sicuro farà molto, ma da Suning è logico aspettarsi una soluzione finale e qualche escamotage contabile per eccitare una tifoseria che patisce il grande mercato dei cugini.
Ma esiste sempre il rush finale, come dimostra la Fiorentina. Dopo un mercato minore, Diego Della Valle ha aperto la strada a giocatori veri come Benassi, mentre Simeone e Jese’ sono più vicini. Preziosi ha capito che 18 milioni per il suo baby d’oro sono già tanta roba, mentre il Psg è disposto a pagare parte dell’ingaggio dell’ex Barca per vedere se a Firenze potrà rilanciarsi e fare meglio di Tello. Un derby dei recuperi fra ex Barca ed ex Real. La Fiorentina ci prova.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy