HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi...

12.12.2017 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 29212 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”.
Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne parlano. Il gelicidio è cliccatissimo, lo buttano dentro in tutti i tg. Ieri mattina ho acceso la tv, dicevano “state attenti, l’acqua tocca il suolo, si trasforma in ghiaccio e sono cazzi vostri. Non andate in strada ma se proprio dovete allora prendete il carrarmato”. Il gelicidio è la versione invernale del “dite ai vecchi di non uscire a ferragosto a mezzogiorno e con il maglione di lana. Ditegli anche di bere l’acqua e non il vin brulé”. Solo che il gelicidio nell’elenco degli “allarmi mediatici” esiste da meno anni e deve ingranare, non fa ancora così paura. Infatti non ho visto in giro gente in carrarmato. Magari nei prossimi anni.

Comunque c’è Inter-Pordenone. Molti fanno ironia perché ieri ci sono stati i sorteggi della Champions e quelli del Pordenone si sono inventati il montaggio con l’abbinata “Inter-Pordenone” sotto “Real-Psg”. Quelli del Pordenone sono dei geni della comunicazione e in questi giorni hanno fatto molta ironia, ma al quinto giorno di ironia sono già saltati fuori alcuni che “adesso basta, va bene ridere ma il calcio è una cosa seria”. Amici del Pordenone, accettate un consiglio: restate lontani dal calcio che conta, perché non vi merita e rischia solo di rovinarvi.

Al “calcio che conta” interessano solo le considerazioni serissime. Uno dei messaggi molto celebrati e veicolati nelle ultime 48 ore è “siccome Juve-Inter è finita 0-0 e il derby di Manchester invece no, allora il nostro calcio fa schifo”. Per carità, si sono viste partite assai più divertenti, ma chi l’ha detto che “divertente” sia sinonimo di “grande calcio”? Il match più divertente al quale ho assistito, per dire, è stato Oratorio Sant’Andrea vs Oratorio Sant’Agata. Era l’estate del 1991 e quel Grest finì nel sangue: finalissima in campo neutro (oratorio Don Guanella), sette contro sette, menischi volanti, tentativi di omicidio. Sul 10 a 10 Don Orione urlò: “Chi segna ha vinto!”. A bordo campo fiumi di Spuma, Goleador e anche qualche sigaretta al rosmarino. Finì con un calcio di rigore tirato dal portiere: 11-10, festeggiamenti belluini, lancio non richiesto di maglie sudate, calci in culo tra chierichetti. Ecco, quella fu una partita davvero spettacolare, ma vi assicuro che in panchina non c’era Sacchi. Il nostro calcio non è il “più bello”, ma proviamo a non darci dei coglioni da soli tutte le volte.

A Rino Gattuso, per dire, il tema “ragioniamo su quale calcio sia più affascinante” non frega per nulla e anche il gelicidio gli fa un baffo. Ha detto: “Potevo restare in panchina a torso nudo”. A Rino Gattuso gli vuoi bene perché non utilizza filtri e se ne fotte se lo metti “sull’altalena mediatica”. L’altalena mediatica è quella cosa che in una settimana ti fa passare da “possibile salvatore” a “inadatto, richiamiamo subito Montella” a “che bella la grinta di Gattuso in Milan-Bologna, può essere il Conte del Milan!”.

Rino Gattuso non si farà fottere dalla coglionella e, soprattutto, ho come la sensazione che sia stufo di sentirsi dire “che bella grinta!”. Il 4-3-3 grazie al quale ha battuto il Bologna non finirà nella hall of fame delle “cose belle del calcio”, ma ha dato un senso logico a una squadra che ha bisogno di certezze. È un inizio, e per come si erano messe le cose è già moltissimo.

Spalletti, dal canto suo, sta già facendo moltissimo. Il tecnico della capolista gioca allo “stimolo a tutti i costi”, pungola i suoi col sorriso, bastona i comunicatori de “l’Inter è da quinto posto, anzi no, ora è da scudetto”, risponde via Instagram ai “gufi che attendono il primo inciampo” e, insomma, si diverte a fare Mourinho. In maniera decisamente diversa, però: mentre il portoghese esasperava determinate uscite per tamponare il pressing mediatico, l’uomo di Certaldo sembra rivolgersi direttamente ai suoi, bravissimi a recepire la lezione ma ancora “inquinati” dalle scorie della passata stagione. Spalletti dice “dovete crederci” e lo pensa sul serio, sa che per conquistare il quarto posto (obiettivo annunciato) o qualcosa di più (lo scudetto) è indispensabile uno scatto mentale che deve passare anche da un atto d’arroganza: “Se vogliamo essere i più forti dobbiamo prima di tutto convincerci di esserlo”. Trattasi di filosofia spicciola, per carità, ma Spalletti oggi può permettersi questo ed altro.

Allegri ha provato a smontare le certezze nerazzurre, ha mostrato la grandezza della sua Juve ma si è dovuto accontentare dello 0-0. Ora si trova tra le mani la grana Dybala che "deve fare più sacrifici nella vita privata" (parola di Nedved). L’argentino era partito a razzo in questa stagione, poi si è perso nei paragoni con Messi (molto colpa di noi scribacchini) e così via. Il tecnico della Juve sta provando a bissare la famosa “cura Higuain” che somiglia molto alla “cura Ludovico” di Arancia Meccanica: pare che Allegri obblighi i giocatori a vedere i filmati delle sgroppate di Mandzukic sulla fascia. Ecco, se avete un euro da buttare scommettetelo sull'allenatore, fallisce raramente.
Chiudiamo con l’attualità. L’attualità ci porta a parlare dei sorteggioni di coppa. Quando escono le abbinate tutti dicono “l’urna è stata fortunata” oppure “l’urna è stata sfortunata”. Siccome il rischio è quello di fare una figura di merda, evitiamo di dire passerà “questo o quello” e valuteremo la vostra fortuna in base alle località oggetto della vostra euro-trasferta (Un asterisco per la trasferta peggiore, sei per la migliore).

Il Milan sfida il Ludogorets il 15/02 nella città di Razgrad. Razgrad è un posto abbastanza di merda in Bulgaria con 33mila abitanti. Google consiglia il Night Club Soho, ma il rischio “fottiamo l’occidentale” è elevato. Fate molta attenzione. (**)

La Lazio sfida la Steaua sempre il 15/02 a Bucarest. Bucarest è una città molto sottovalutata, il mio amico Cosmin dice che si sta trasformando nella “Miami dell’Est”. Gli ho risposto “non c’è il mare a Bucarest”, ha replicato “dettagli”. Per scegliere un locale da proporvi ho scritto su Google “Bucarest di notte”, alla fine ho dovuto cancellare la cronologia per timore che arrivasse la Postale. (******)

L’Atalanta sfida il Borussia ancora il 15/02 a Dortmund. Mio cugino mi ha detto che Dortmund è una città orrenda, ma mi ha anche detto “metti sei asterischi perché in Germania un modo per divertirsi si trova”. Non ho capito, ma mi adeguo. (******)

Il Napoli sfida il Lipsia il 22/02 a Lipsia. Vale il ragionamento fatto per l’Atalanta, in più trattasi di città universitaria e quindi troverai sicuramente qualche festa di ubriaconi nella quale passare una serata altamente culturale. (******)

La Roma sfida lo Shakhtar il 21/02 a Donetsk. Donetsk è una città dell’Ucraina. Non ho mai sentito uno tornare dall’Ucraina e dire “che posto di merda*”. Pare che al “Richard pub" te la tirino dietro. La birra. (******)

La Juve sfida il Tottenham il 07/03 a Londra. Londra è molto cara. Se la vostra fidanzata vi dice “è molto cara, non puoi andare” tu inventa che hai vinto un concorso e offre tutto lo “Juve Club Ottavi di Champions Fortunati”. Su Londra mi rifiuto di dare suggerimenti (******).

Tutte le trasferte hanno sei asterischi tranne quella di Razgrad, ma la verità è che levarsi dalle balle con gli amici è sempre bello e quindi con un gesto di grande fiducia saliamo da due a sei asterischi. Bulgaria, sorprendici.

Fine. La rubrica “notizie cliccatissime sui siti sportivi” entra in sciopero perché dovremmo far vincere “Cecilia Rodriguez in discoteca, gestaccio ai contestatori” e non ce la sentiamo. Scusate.

*Non conosco nessuno che sia stato in Ucraina

Twitter: @FBiasin


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy