HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: attacchi, pareggi, parole (e anche alcuni fatti...). Inter: Spalletti, il derby e le idee chiare. Milan: il problema dell'"obiettivo" e i soliti chiacchieroni. Napoli: c'è chi si stupisce...

23.10.2018 07:36 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 30139 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ho veramente poco tempo. Scusate.
Veniamo ai fatti. Sono dieci.

1) C’è stato il derby. 2) Ha vinto l’Inter. 3) Hanno eletto Gravina presidente federale col 97 % dei voti. 4) Hanno fatto vedere il servizio di Report. 5) La Juve ha perso due punti in campionato. 6) Oggi e domani c’è la Champions. 7) Di Francesco ha problemi. 8) Il Napoli funziona che è un piacere. 9) Brocchi è il nuovo tecnico del Monza. 10) Gattuso torna sotto ai riflettori.

Svolgimenti.

Il derby è stato stupendo. Non tanto per quello che si è visto in campo, ma per l’atmosfera. San Siro pieno, zero incidenti, tutti allo stadio insieme, sfottò, 5 milioni di incasso, super coreografie. L’Inter ha vinto in campo, Milano ha vinto in generale.
L’Inter porta a casa i tre punti. Ci riesce grazie al suo capitano, bravissimo eccetera eccetera. Tutti dicono “che belli gli attaccanti moderni che danno una mano”, poi non segnano per una settimana e gli rompono le balle (vedi Dzeko). Icardi ben fa "a fare quello che fa", Spalletti ben fa a tenerlo “lassù”. Pensate, c’è chi riesce a criticare il tecnico dei nerazzurri anche dopo 7 vittorie filate perché “non cambia mai modulo”. Chi lo attacca non si rende conto che, al contrario, la scelta del 4-2-3-1 ha tanto senso: è il modo certamente migliore per far rendere quel fenomeno là davanti (prima lo capiscono anche in Argentina, meglio è per loro).
Abbiamo un presidente Figc. Ci abbiamo messo un anno ma alla fine quantomeno ha vinto con percentuale bulgara. Il motivo è semplice: il sistema elettorale (fino a modifica dello statuto) fa prevalere non chi ha le idee, ma chi riesce a strappare il consenso per “fette di voti”. Chi fa meglio politica, insomma. Ma in questo caso le cose sembrano combaciare. Incrociamo le dita che, per fortuna o purtroppo, si può solo migliorare.
Ho mandato questo pezzo alle 22. Ergo, non so una mazza. La sensazione (ma ripeto: non ho visto nulla) è che si cerchi in ogni modo di trovare qualche nuovo argomento per completare la frase “la Juve ha vinto negli ultimi sette anni perché…”. E invece ha vinto solo perché è stata la più brava a gestire un calcio che è cambiato drasticamente negli ultimi dieci anni.
Succede. Eppure c’è chi ha già detto “questa Juve non è una macchina perfetta”. È vero, ci mancherebbe, ma non lo era neppure prima del gol di Bessa. In ogni caso non sarà semplice fermare la corsa di una squadra che nel secondo tempo ha messo in campo Dybala, Duglas Costa e Bernardeschi. La Juve ha una rosa superiore e l'ha messa insieme grazie a programmazione e intuizioni, altro che balle.
Dove le italiane devono confermare i progressi dell’ultimo giro. Ci eravamo lasciati con quattro vittorie sue quattro, un’abbuffata. Ora gli avversari sono più tosti: il Cska, ma anche lo United, il Psg, il Barcellona. In caso di nuovo filotto avremo una conferma in più in merito alla crescita delle nostre squadre. E chi sostiene che non ne meritiamo quattro in Champions forse aveva ragione un tempo, ma non l’avrebbe più ora.
Tattici e “psicologici”. Nel senso che la Roma sembra montata male, con qualche doppione di troppo e qualche falla rimasta scoperta. E poi pare avere leader pigri, come Dzeko: a volte è una furia, altre sembra il fratello triste del primo anno in Italia. La Roma avrebbe bisogno di continuità ma per ottenerla è necessario che siano continui i suoi giocatori. E di sicuro anche la sua proprietà.
Funziona perché Ancelotti l’ha cambiato ma non "tanto per". L’ha cambiato per migliorarlo: 4-4-2, meno fronzoli, più responsabilità ai giocatori. Parliamoci chiaro: più di Ancelotti stupisce "chi si stupisce".
Berlusconi ha esonerato il tecnico Zaffaroni al Monza. Al suo posto ha scelto Brocchi. Dovrà giocare con due punte, sembra evidente. Ed un trequartista. Pure. In ogni caso può essere una buona idea: Brocchi ha bisogno di rilanciarsi tanto quanto il Monza. Il tempo ci dirà se Silvio ci ha azzeccato.
Molti vogliono l’esonero di Gattuso perché ha tanti punti quanti ne aveva il Milan l’anno scorso dopo 8 giornate. Lo massacrano perché ha perso il derby. Perché ha detto che “l’Inter ai punti ha meritato”. Essere onesti e sinceri non significa essere "cattivi allenatori". La verità è che Gattuso raramente parla a sproposito: che il Milan non sia ancora al livello dell’Inter è evidente, anche solo per questioni del genere "da dove si è partiti". Il Milan deve arrivare al quarto posto, pretendere di più è semplicemente controproducente. Il discorso è sempre lo stesso: cambiare valutazione su squadre e soprattutto tecnici ogni santa settimana è sciocco. Lasciamoli lavorare.
Scusate, sono veramente fuori tempo massimo. La vita è complicata. "Voglio morire adesso, voglio morire qui. Senza pietà". (Cit.).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy