VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Juve, batti un colpo. Cairo e Petrachi protagonisti segreti. Napoli, adesso un attaccante e due difensori. Classifica speciale: 5 under 18 potenziali "Campioni"

Direttore Sportitalia e Tuttomercatoweb
13.07.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 124190 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Aspettiamo tutti il colpo del maledetto duo Marotta-Paratici. Non crediamo che la Juventus chiuderà così il mercato e non si accontenterà dei tre assi già calati e dei due big persi. I Campioni d'Italia sanno bene che per essere ancora più competitivi in Europa c'è bisogno di altro. C'è bisogno di un 10 che faccia vendere 1 milione di magliette e che non faccia uscire la lacrima quando rivedremo i gol di Pirlo e Tevez sul megaschermo dello Stadium. Serve qualcosa in difesa e il maxi ingaggio di Bonucci non è giustificato. Marotta è consapevole che, prima della chiusura, dovrà dare un segnale ai tifosi bianconeri ma anche agli avversari. La Roma è ferma, il Napoli si rinforza a modo suo e le milanesi (certamente) saranno almeno più competitive dell'anno scorso. Allegri deve tenere alta l'attenzione, perché il rischio di non ripetersi in serie A è elevato anche se oggi le concorrenti sono ancora un bel po' distanti. In Europa, un anno fa, è andato tutto per il verso giusto e per ripetersi servono due forti investimenti. Il potere economico premia la Juve che sul mercato si può e si deve concedere un regalo con i fiocchi. Non siamo sicuri che questa Juventus sia più competitiva della prima Juve di Allegri.
A Torino si sta muovendo molto bene il Toro e Urbano Cairo si conferma uomo dei grandi affari. A volte risulta antipatico, in molti lo etichettano come "tirchio" ma il calcio gli sta dando ragione. Fa tornare i conti e sta ottenendo grandi risultati. Un Presidente così longevo alla guida del Toro non è cosa scontata. Darmian è una grandissima operazione e, se incassi la metà va bene lo stesso, se l'altra metà la destini subito al doppio colpo di prospettiva Zappacosta-Baselli. Cairo ha capito, ormai da anni, come funziona il giocattolino. Si diverte e chiude in attivo. Il miracolo LA 7 se fosse rapportato al calcio sarebbe da Premio Nobel. I tifosi del Torino possono stare più tranquilli rispetto a qualche anno fa. Cairo ha trovato anche il braccio destro perfetto sul mercato. Con Petrachi c'è massima sintonia e questo aiuta, non poco, il lavoro quotidiano. Presidente e Direttore stanno facendo operazioni intelligenti e lungimiranti.
Buoni segnali arrivano dalle operazioni del Napoli di Giuntoli. Allan è un acquisto utilissimo per il modo di giocare di Sarri, va a completare il centrocampo con Valdifiori e Hamsik. Adesso il grande obiettivo deve essere recuperare Marek. In difesa arriva Astori ma c'è bisogno di ancora due rinforzi, davanti a Reina. Il Napoli cresce bene anche se il punto interrogativo aleggia sempre sulla testa di Sarri. Higuain deve restare ma con lo spirito giusto. Occorre sostituire degnamente Zapata e cercare di rendere più funzionale il reparto offensivo. Napoli non può fallire per il secondo anno consecutivo e la prossima stagione la concorrenza sarà più agguerrita. Sarri è uno dei maestri del terzo millennio soprattutto in fase di non possesso. Bisognerà capire come intenderà giocare in attacco, dove gli esterni e le mezze punte abbondano. Dando per scontata la coppia Higuain-Gabbiadini. Hamsik mezz'ala e Valdifiori vertice basso davanti alla regia saranno le basi del nuovo Napoli.
In chiusura vogliamo guardare al futuro, cosa che dovrebbero fare i nostri dirigenti, puntando su ragazzi giovani e di prospettiva prima che arrivino a soffiarceli dall'estero.
Ecco 5 nomi:
Mattia Cornaggia (Milan) Difensore del 2000. Leader indiscusso. Ha le qualità per essere un trascinatore in campo. Galli punta molto su di lui e crede in una rapida crescita. Fisicamente ben strutturato, deve migliorare sulla velocità.
Fernando Del Sole (Pescara) Centrocampista del 1998. Mancino delizioso, gioca a centrocampo ma potrebbe essere impiegato anche da mezza punta. Ha i tempi per dettare il gioco e ha grandissima qualità. Ha una certa confidenza con la porta e andrebbe bene anche da esterno di un tridente offensivo. Napoletano con carattere. Non guasta mai.
Patrick Pasha (Entella) Attaccante del 2000. L'Entella lo ha prelevato dal Padova. Classico fisico da prima punta con fiuto del gol. Meglio ad attaccare la profondità che come attaccante spalle alla porta. Caratterialmente un ragazzino che ha voglia di arrivare.
Matteo Pessina (Milan) Centrocampista del 1997. Qui già siamo ad un livello di conoscenza più elevato. Protagonista nel Monza di Pea, nella seconda parte di questa stagione, ha battuto calci di rigore pesantissimi, come nei play out con il Pordenone. Il ruolo che più gli si addice è il quinto di destra a centrocampo. Grande passo e fiuto del gol. Il Milan lo sta cedendo al Bari. Ha commesso il grande errore di cadere al fascino del grande club ma lui aveva bisogno di giocare, non in prestito, e non lontanissimo da casa.
Matteo Stoppa (Novara) Attaccante del 2000. Relazioni importantissime da tutta Italia. Può fare la prima punta ma non è una prima punta, utilizzabile da esterno offensivo e da trequartista. Talento purissimo. Qualità tecniche ampiamente fuori la media. Il fisico lo penalizza ma non ha ancora 15 anni. Il grande vantaggio arriva da una famiglia con la testa sulle spalle, fondamentale per tutti i giovani calciatori. Se gestisce bene il passaggio da bambino a professionista farà carriera. Tutto dipenderà solo dalla sua umiltà. I più grandi calciatori hanno sempre tenuto un profilo basso (Baggio, Maldini e Pirlo), i fenomeni tramontati con la testa pazza hanno raccolto solo il 10% del loro potenziale (Cassano e Balotelli).
W i giovani e w i ragazzi che vogliono giocare ricordandosi che sono solo dei bambini. Il messaggio più importante va rivolto alle famiglie. Non cercate nei vostri bambini riscatti sociali o economici.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.