VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, Bernardeschi non basta: serve un top a centrocampo. Pallotta sbaglia ma ha finalmente aperto gli occhi. Caso Keita: giocatore forte ma tre mesi sono tanti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
31.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 56799 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus ha, leggermente, sottovalutato questo mercato e rischia di pentirsene perché, se l'obiettivo resta la Champions, il divario dalle big rischia di aumentare e non diminuire. La prossima stagione sarà piena di trappole e insidie per la Juventus che non può far finta che Cardiff non sia mai esistita. Quella notte maledetta non si cancella in due mesi ma soprattutto non riposiziona, per diritto, la Juve tra le favorite per raggiungere una nuova (seppur inutile) finale europea. La Juventus si ritrova con un leader in difesa in meno, con Buffon, Chiellini e Barzagli con un anno in più e con alcuni giocatori con la batteria scarica. Bernardeschi è un grande acquisto: calciatore giovane e forte, se impiegato nel ruolo giusto (al contrario dei disastri di Sousa), potrà davvero fare la differenza. Ma non basta. A questa Juventus servono un difensore di spessore ed un centrocampista di alta qualità, altrimenti saremo al punto di partenza, se non addirittura a quello precedente. In campionato Allegri avrà ancora il 70% di possibilità di vincere lo scudetto ma la concorrenza aumenterà, per fortuna, e la Champions resta lontana. In Europa ci sono almeno 4, forse 5, squadre più forti e attrezzate della Juve. I bianconeri non potranno vincere in eterno in Italia, anche se quest'anno hanno ancora qualcosa in più rispetto a Napoli, Roma, Milan e Inter. Il Napoli ha fatto poco perché c'era da fare poco ma lo scudetto resta ancora più un sogno che un obiettivo. Così come sbaglia chi crede che il Milan sia già pronto per primeggiare in Italia. Montella deve solo puntare alla Champions League la prossima stagione; può e deve essere l'unico obiettivo concreto. Delle 5 regine, una avrà perso. Capiremo chi resterà fuori solo a maggio.
Sono passati tre giorni ma le parole dello zio d'America, Pallotta, fanno ancora un certo rumore. Entriamo nella sostanza del discorso. Innanzitutto un bue non può dire "cornuto" all'asino. I problemi della Roma sono tanti e i bilanci della Roma non sembrano essere quelli della Juventus o del Manchester United. Pallotta, finora, a Roma ha raccolto ben poco e sicuramente non ha soddisfatto le attese di una piazza esigente che, puntualmente, presenta il conto. Pallotta ha fatto tanta confusione e perso molto tempo. Tutti i suoi obiettivi sono sfumati e non ha mai gestito bene le situazioni. Da Totti allo stadio, da Sabatini-Garcia a Spalletti sono più i danni che ha fatto che le cose buone per le quali sarà ricordato dai custodi di Trigoria. Spara sul Milan e alza un polverone inutile. Che l'operazione economica dei rossoneri sia "rischiosa" è ben chiaro a tutti da tempo ma la gestione Fassone è stata, fin qui, impeccabile; quindi sentirsi giudicare da Pallotta è abbastanza un controsenso. Saranno problemi di Uefa e Figc controllare le operazioni economiche del Milan. Se poi Pallotta si vorrà candidare per il dopo Tavecchio sarà libero di farlo. Più che altro preoccupiamoci del fatto che le nostre due Leghe, serie A e serie B, non hanno ancora un Presidente. Roba da matti. Pallotta, però, ha finalmente aperto gli occhi anche se è tardi. Come sarà tardi quando li aprirà Mister Zhang. Pallotta ha sparato su Sabatini perché ha capito, con notevole ritardo, il modus operandi del suo vecchio Direttore Sportivo. Avrà valorizzato qualche calciatore, l'avrà anche rivenduto bene, ma gli ha bruciato un patrimonio di giovani italiani regalati o buttati in giro per l'Italia e i soldi delle plusvalenze ottenute sono stati tramutati, in gran parte, in commissioni a innumerevoli procuratori. Stando agli 87 punti ottenuti va detto a Sabatini che potevano essere di più se lui non avesse ostacolato l'addio di Garcia e l'arrivo di Spalletti. Puoi fare anche 100 punti in un campionato ma se non vinci nulla contano ben poco, visto che l'anno successivo si riparte tutti da zero.
Un pensiero in chiusura dedicato a Keita. La gestione di questa trattativa sta diventando stucchevole. Il suo procuratore, Calenda, dovrebbe prendere in mano la situazione e chiudere la partita. Il calciatore è forte e non si discute, ma questi tempi li giustifichiamo solo per Neymar al PSG. Higuain alla Juve e Bonucci al Milan hanno impiegato la metà del tempo. Inoltre parliamo, pur sempre, di un calciatore in scadenza nel 2018 quindi o la va o la spacca. Ancora un mese di agonia? Speriamo di meno! Keita sarebbe l'ideale per l'Inter, alla Juventu c'è già troppo traffico e ad Allegri servono calciatori diversi da Keita. Farebbe molto comodo all'Inter... a patto che non impieghiamo per Keita lo stesso tempo di Dalbert.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.